Utente 166XXX
Salve,

Alcune premesse prima di esporre il problema:

ho finito da oltre una settimana una cura con ferro che ha prodotto buoni risultati riportando sideremia 131 (prima 39) e ferritina 22,4 (prima 6,8).

In dicembre 2010 il mio medico, prima di iniziare la cura con ferro, mi fece fare l'esame del sangue occulto nelle feci con esito NEGATIVO.

In passato, per anni, ho sempre trovato tracce di sangue sulla carta igienica dopo uno sforzo maggiore e in presenza di feci più dure; adesso però la situazione è un pò diversa;Da quattro mesi faccio colazione aggiungendo anche fibre di crusca e ciò ha reso le feci morbide e con evidenti tracce di fibra non digerita, però ,nonostante la facilità di defecazione, (assenza di sforzi particolari )noto qualche traccia di sangue sulla parte esterna delle feci (mai all'interno delle feci o perlomeno non visibile) e presenza di muco filamentoso giallo-arancio e di conseguenza tracce sulla carta igienica color rosso chiaro.
Altri sintomi(non sò se correlabili) sono gonfiore addominale e sensazione di lingua amara dopo i pasti.

Sono sintomi che devono allarmarmi?Devo effettuare esami specifici?

Grazie
Saluti

[#1]  
Dr. Felice Cosentino

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
ROMA (RM)
CINQUEFRONDI (RC)
CROTONE (KR)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2008
Prenota una visita specialistica
Probabilmente si tratta di un sanguinamento emorroidario ma ritengo utile una visita dal proctologo che valuterà e deciderà se proporre successivi accertamenti (colonscopia).

Saluti
Dr Felice Cosentino, Clinica La Madonnina - Milano
Gastroenterologia/Endoscopia, Centro per la Disbiosi intestinale.
www.endoscopiadigestiva.it

[#2] dopo  
Utente 166XXX

Grazie,

premesso che il sanguinamento, almeno temporaneamente, è cessato e che provvederò per questo con la visita che mi ha suggerito volevo chiederle :

1)la valutazione della presenza di tracce di muco più o meno evidente da che dipende?
2)la sensazione di lingua amara dopo i pasti a cosa si deve attribuire?

Saluti

[#3]  
Dr. Felice Cosentino

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
ROMA (RM)
CINQUEFRONDI (RC)
CROTONE (KR)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2008
La presenza di muco nelle feci (in assenza di sangue) alla sua età può anche rientrare nella (quasi)normalità (tipo secrezione nel colon irritabile). Solitamente è transitorio ma se continua ed è abbondate è necessario, come le dicevo, un controllo medico.

Difficile dare una risposta per la "bocca amara" che nei casi più banali, è legata ad una cattiva digestione.

Le risposte, ovviamente, saranno più precise solo con una visita medica (a cui non possiamo sostituirci con i nostri consulti).
Dr Felice Cosentino, Clinica La Madonnina - Milano
Gastroenterologia/Endoscopia, Centro per la Disbiosi intestinale.
www.endoscopiadigestiva.it

[#4] dopo  
Utente 166XXX

Grazie mille,

in che maniera posso valutare "l'abbondanza"?
In genere noto qualche filamento su circa 7 cm (in realtà dipende dalla superficie specifica; più le feci sono disaggregate e irregolari più muco filamentoso ci sarà);riesco comunque a notarlo solo se osservo in maniera ravvicinata (in caso contrario non lo noterei).

La bocca amara la sento nell'immediato fine pasto poi scompare.

Entrano in gioco in qualche modo i postumi della cura con ferro terminata 2 settimane fà?

Saluti

[#5] dopo  
Utente 166XXX

Un elemento in più:

quando le feci sono in quantità maggiori noto che si trova, in esse, più muco (macchiette e filamenti giallognoli) all'inizio ovvero per i primi 3-5 cm; nella parte restante (il 70-80%) sembrerebbe quasi assente.

Sembra quindi che riguardi il tratto finale.

In attesa di una risposta a questi due miei ultimi post le porgo cordiali saluti

[#6]  
Dr. Felice Cosentino

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
ROMA (RM)
CINQUEFRONDI (RC)
CROTONE (KR)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2008
Gentilissimo, ho già risposto nella mail precedente al quesito.
Dr Felice Cosentino, Clinica La Madonnina - Milano
Gastroenterologia/Endoscopia, Centro per la Disbiosi intestinale.
www.endoscopiadigestiva.it

[#7] dopo  
Utente 166XXX

Grazie,

mi dispiace essere stato forse ridondante ma non sono un medico e posso anche non ben capire le risposte.

Saluti e buon lavoro

[#8] dopo  
Utente 166XXX

Salve,

per i sintomi decritti in questo post, ancora più o meno presenti,di recente sono stato in ambulatorio ospedaliero per la visita dal proctologo e l'anoscopia, questo il suo referto:

1)Proctite
2)Prolasso mucosa rettale

Il muco continua a vedersi, ma dovrò cominciare a breve la cura che mi ha prescritto.

Cordialità

[#9]  
Dr. Felice Cosentino

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
ROMA (RM)
CINQUEFRONDI (RC)
CROTONE (KR)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2008
Molto bene. E' importante adesso procedere con la terapia.

Saluti

Dr Felice Cosentino, Clinica La Madonnina - Milano
Gastroenterologia/Endoscopia, Centro per la Disbiosi intestinale.
www.endoscopiadigestiva.it

[#10] dopo  
Utente 166XXX

Grazie e buon lavoro.

Cordialità

[#11] dopo  
Utente 166XXX

Salve,
dopo aver cominciato la cura a gennaio 2012 non ho notato miglioramenti, ho trascurato il problema in seguito alla nascita di mia figlia ma adesso a distanza di oltre 1 anno e mezzo ho notato un peggioramento: più muco e feci (la parte iniziale 1-2 cm) sporche di sangue esternamente.
Si tratta di qualche macchia rosso vivo visibile sulle feci e sulla carta igienica quasi diluita, credo, dal muco.
Sinceramente da 2-3 mesi il sanguinamento con muco è frequente (quasi giornaliero) mentre prima era raro e con poco muco. Non ho dolori.
Alla luce della prima anoscopia e relativo referto devo pensare a diagnosi non corretta o è probabile un peggioramento del prolasso e proctite?
Avrei bisogno di un suggerimento.

Grazie

[#12]  
Dr. Felice Cosentino

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
ROMA (RM)
CINQUEFRONDI (RC)
CROTONE (KR)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2008
Sono passati più di due anni dalla visita proctologica. Credo sia utile una rivalutazione ed eventuale colonscopia.

Cordialmente

Dr Felice Cosentino, Clinica La Madonnina - Milano
Gastroenterologia/Endoscopia, Centro per la Disbiosi intestinale.
www.endoscopiadigestiva.it

[#13] dopo  
Utente 166XXX

Salve,

la scorsa settimana ho nuovamente rifatto la visita proctologica e l'anoscopia.

Il medico che mi ha visitato mi ha detto che non c'è più proctite ma soltanto alcune piccole emorroidi interne; non mi ha parlato del prolasso precedentemente riscontrato (è possibile che quest'ultimo sia regredito?).
Ha parlato di eventuale colonscopia ma ha proposto di eseguire prima degli esami chimico-fisico delle feci (ipotizzando che il muco sia del grasso non digerito) e per completezza anche l'esame del sangue occulto.
Premesso che comincerò con quest'ultimo esame, le chiedo se è verosimile che le macchiette di sangue sulla superficie delle feci siano causate dalle emorroidi (possono generare anche muco?) e il perchè sia il muco arancione e lo stesso sangue si notino nella prima parte delle feci e non nella maggior quantità che segue immediatamente.
Ultima domanda è come mai la situazione è peggiorativa (come quantità di muco) se passano uno o due giorni dall'ultima evacuazione?
Grazie

[#14]  
Dr. Felice Cosentino

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
ROMA (RM)
CINQUEFRONDI (RC)
CROTONE (KR)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2008
Il sangue può essere giustivfcato dalle emorroidi ed i sintomi peggiorano con la stipsi.

Dr Felice Cosentino, Clinica La Madonnina - Milano
Gastroenterologia/Endoscopia, Centro per la Disbiosi intestinale.
www.endoscopiadigestiva.it

[#15] dopo  
Utente 166XXX

Salve,

da domenica sera dopo sanguinamento lieve ho sensazione di defecazione ma con scarsa emissione di feci con muco (molle e più o meno appiattita) e solo emissione di muco.
Il fastidio non doloroso (di evacuazione mancata o incompleta) mi turba molto (tra l'altro sono un soggetto molto ansioso) facendomi inevitabilmente pensare a qualcosa di grave.
Nonostante faccia attività fisica (corsa), alimentazione regolare (senza eccessi) e sia normopeso non riesco a non collegare (erroneamente) i sintomi e ricondurli a improvvisati brutti pensieri.
So che la soluzione è un esame ma una colonscopia mi porterebbe ad aspettare una lunga attesa per non considerare poi la preoccupazione della dolorosità dell'esame cosi come sentito dire.
Le chiedo se una rettoscopia (magari almeno adesso prima della colon) , da eseguire privatamente, potrebbe darmi qualche indicazione più importante.
Purtroppo non ho ricevuto sufficiente informazione nelle ultime visite. Ho ragione di preoccuparmi?

Grazie

[#16]  
Dr. Felice Cosentino

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
ROMA (RM)
CINQUEFRONDI (RC)
CROTONE (KR)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2008

>> Le chiedo se una rettoscopia (magari almeno adesso prima della colon) , da eseguire privatamente, potrebbe darmi qualche indicazione più importante <<

Direi proprio di si anche se non vedo motivi di preoccupazione.

Saluti

Dr Felice Cosentino, Clinica La Madonnina - Milano
Gastroenterologia/Endoscopia, Centro per la Disbiosi intestinale.
www.endoscopiadigestiva.it

[#17] dopo  
Utente 166XXX

Salve,
ho effettuato a settembre 2013 un esame chimico-fisico delle feci,
dal punto di vista macroscopico e microscopico sono state rilevate tracce di muco.
Dopo di ciò ho notato un notevole diminuzione del problema nelle settimane successive ad oggi, addirittura oserei dire scomparso per settimane e quasi lieve ogni tanto.

Cordialità

[#18]  
Dr. Felice Cosentino

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
ROMA (RM)
CINQUEFRONDI (RC)
CROTONE (KR)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2008
Quindi tutto risolto. Molto bene ed auguroni.


Dr Felice Cosentino, Clinica La Madonnina - Milano
Gastroenterologia/Endoscopia, Centro per la Disbiosi intestinale.
www.endoscopiadigestiva.it