Utente
Salve, sono un ragazzo di 19 anni. 3 mesi fa ho avuto un'infiammazione del retto. Il decorso è lentissimo, tuttavia dopo 3 mesi i residui del decorso non sono scomparsi. Visite da diversi proctologi non hanno verificato emorroidi ragadi o altro, una visita da un medico internista nemmeno, forse un'infiammazione intestinale. I sintomi che sento sono fastidi anali legati alla defecazione, che spariscono circa una mezz'ora dopo lo scarico. Non è un dolore istantaneo ma una sensazione di bruciore/Fastidio prolungato. Ricordo un dolore fortissimo all'interno di tutto il canale durante le visite, per localizzare la zona. Non ho sangue nelle feci diarrea, ma solo un po' di muco. Quest'infiammazione mi era venuta in seguito a degli sforzi esagerati durante il sollevamento pesi, che ovviamente ho subito interrotto. Un amico medico mi aveva detto che poteva anche essere frutto ealla compressione di due vertebre responsabili dei fasci nervosi collegati al retto. Infinite ipotesi, infinite terapie, zero certezze. Sapreste darmi un idea su cosa pensare? Se può essere d'aiuto 25 giorni prima dell'infiammazione ero stato operato di varicele. Grazie, a presto.

[#1]  
Dr. Roberto Rossi

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
16% attualità
16% socialità
CHIERI (TO)
RACCONIGI (CN)
TORINO (TO)

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2011
Prenota una visita specialistica
Credo che la prima cosa da dare sia una rettoscopia per escludere lesioni infiammatorie della mucosa. Se tale esame è già stato eseguito e non ha dato esiti allora potrà essere presa in considerazione la natura neurologica del sintomo.
Dr. Roberto Rossi

[#2] dopo  
Utente
Ho fatto l'anoscopia(negativa). Devo quindi approfondire ulteriormente?
Cosa si intende natura neurologica?
Grazie

[#3]  
Dr. Roberto Rossi

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
16% attualità
16% socialità
CHIERI (TO)
RACCONIGI (CN)
TORINO (TO)

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2011
L'anoscopia non consente di vedere la mucosa rettale e quindi l'eventuale infiammazione del retto e la eventuale presenza di un'ulcera (ulcera benigna del retto). In seguito se anche questa eventualità sarà esclusa potrà essere presa in considerazione l'ipotesi dell'interessamento nervoso come ipotizzato dal suo medico.
Dr. Roberto Rossi

[#4] dopo  
Utente
Va bene intanto la ringrazio per la consulenza. Un'ultimissima cosa e poi chiudo. Dato che il fastidio che mi è rimasto è di lieve entità,posso permettermi di dar fiducia alla guarigione spontanea del mio corpo e aspettare ancora qualche settimana, oppure c'è un'urgenza per problemi di questo tipo?