Utente
Buongiorno,
sono un ragazzo di 26 anni, con nessuna storia di patologie precendenti , anche a carico del sistema gastrointestinale.

Da più di una settimana le mie feci appaiono sformate e molli (senza tuttavia diarrea, una sola evacuazione al giorno come sempre). Ieri e oggi invece un episodio di leggera stipsi (evacuazione un po più faticosa del solito ma niente di impossibile).
Quello che mi preoccupa è la variazione repentina.

Devo dire che sono sempre stato "sensibile", ho sofferto di stipsi da piccolo, e ho una spiccata tendenza ad avere aria nell'intestino, ma ho imparato a controllarla con l'alimentazione e bevendo molta acqua. Sono purtroppo anche molto ansioso (e anche se talvolta ho imbarazzo a dirlo, un po' ipocondriaco) e spesso il mio intenstino ne soffre.
Devo dire che il periodo è molto stressante e faticoso, e l'episodio di stipsi è arrivato in una giornata di levataccia mattutina, lungo viaggio in auto , esame universitario, mancanza di sonno ecc.
Per scrupolo negli ultimi tempi ho controllato le feci, non ci sono tracce di sangue nè nelle feci stesse nè perdite dall'ano; l'unica piccola "anomalia" è la forma, la consistenza, oltre alla frequente presenza di aria nell'intestino, la quale certe volte si acuisce dopo i pasti.

Ho cercato anche di osservare colore , odore e altre caratteristiche ma sinceramente mi sembrava di cadere nella fissazione anche perchè sono dati talmente soggettivi e variabili che valutati da un non-medico mi appaiono ridicoli (e comunque non ci sono grosse differenze).

Per precauzione ho mangiato di conseguenza (evitando bevande gassate caffè e simili) e ho preso un probiotico (lactobacilli indica la confezione); da circa 6 giorni ma non vedo grossi miglioramenti.

Sono quasi convinto che i sintomi siano perlopiù psicosomatici, però ho paura di ignorare certi sintomi solo perchè "ci ho sempre sofferto, sono sensibile", non so se mi spiego.

Vorrei sapere se esistono dei limiti ragionevoli ai sintomi oltre i quali necessitano ulteriori approfondimenti, tipo analisi del sangue o addirittura colonscopia. E sapere quando le alterazioni dell'alvo diventano preoccupanti (perlomeno degne di ulteriori indagini).

Mi scuso per la prolissità, e Vi ringrazio in anticipo.

[#1]  
Dr. Giuseppe D'Oriano

Referente scientifico Referente Scientifico
36% attività
20% attualità
20% socialità
POZZUOLI (NA)

Rank MI+ 76
Iscritto dal 2006
Gentile Utente.
Non deve eseguire nessun esame, le variazioni dell'alvo, la motilità e i disturbi associati (aria, rumori, etc, etc,), come lei afferma, dipendono anche dal stato ansioso.
Potrebbe esserle utile un colloquio con un colonproctologo per confermare la "benignità" dei suoi disturbi.
Cordiali saluti.
Dr.Giuseppe D'Oriano Docente Scuola Speciale A.C.O.I. di Coloproctologia. Chirurgo Colonproctologo.
www.drgiuseppedoriano.blogspot.com

[#2] dopo  
Utente
Gentile dott. D'Oriano,
La ringrazio innanzitutto della risposta.
La rassicurazione di un esperto per me è molto importante.

Dopo l'isolato episodio di leggera stipsi (collegato alla giornataccia prima credo a questo punto) sono tornate le feci molli e poco formate.

Sempre un evacuazione al giorno al mattino come mio solito.
Però sono quasi completamente spariti dolori e fastidi dovuti all'aria nell'intestino.

Mi sento più tranquillo anche se ancora non è tornata la normalità.

Ho letto che potrei soffrire di IBS, ma le autodiagnosi via internet lasciano il tempo che trovano ovviamente.

E' possibile che questo probiotico dopo più di una settimana stia avendo un effetto contrario o comunque controproducente (non so se le linee guida permettono di scriverlo, ma si tratta di Reuflor compresse) ?

Grazie ancora

[#3] dopo  
Utente
Gentile dott. d'Oriano,
Le scrivo per aggiornarLa e ricevere magari altre sue opinioni.

Sono stato dal medico curante, che dopo avermi palpato l'addome e non trovando niente, mi ha prescritto un farmaco naturale (Spasmicol) e dieta ferrea.

Se dopo 3-4 giorni non dovessi avere effetti mi ha prescritto una cura di Digerent di un mese e un'ecografia addominale completa ("per stare tranquilli" mi ha detto).

Dopo due giorni di dieta e Spasmicol, le feci sono diventate poche e sottili perlopiù (della dimensione di un pollice più o meno).
L'aria nell'intestino e i dolori/pesantezza sono quasi spariti.
Le feci vanno dal marroncino al verdino; ho letto che integratori di questo tipo e dieta vegetale può provocarle.

Sto mangiando pasta in bianco e carni arrostite, con poco pane e frutta poco zuccherina (mele perlopiù).

Non sono davvero necessari esami delle feci e del sangue?

Ci sono due cose che mi preoccupano:
1. La forma delle feci, una volta ho sentito che le feci sottili possono indicare una ostruzione di qualche tipo, polipi o peggio.
2. Oggi ho la pressione arteriosa a 120/75 più bassa dei soliti 130/80 che mi ritrovo; una emorraggia che dà sangue occulto nelle feci può dare un abbassamento di pressione di questo tipo?

Scusate la mia ansiosità, e Grazie

[#4]  
Dr. Giuseppe D'Oriano

Referente scientifico Referente Scientifico
36% attività
20% attualità
20% socialità
POZZUOLI (NA)

Rank MI+ 76
Iscritto dal 2006
Tranquillo, nulla di anormale, sia per le feci che per la pressione.
Saluti.
Dr.Giuseppe D'Oriano Docente Scuola Speciale A.C.O.I. di Coloproctologia. Chirurgo Colonproctologo.
www.drgiuseppedoriano.blogspot.com

[#5] dopo  
Utente
Gentile dr. d'Oriano,
La ringrazio come sempre.

In questi due giorni mi sono relativamente tranquillizzato, i dolori sono spariti ma mi rimane il sintomo di feci sformate.

Avverto rumori e movimenti a livello intestinale 6-7 ore dopo i pasti, e lo spasmicol (provato in tutte le posologie, 20 gocce due volte al di, trenta due volte, venti tre volte, prima e dopo i pasti) non ha effetto defintivo.

Il curante mi ha detto che se lo spasmicol non dovesse dare effetti dopo 3-4 giorni passare al Digerent. Mi ha prescritto una cura di Digerent di un mese, quindi vorrei aspettare qualche altro giorno prima di intraprendere un percorso così lungo.

Espongo le domande:
1. Mi conviene continuare con la dieta e lo spasmicol qualche altro giorno prima di passare al Digerent? Non ho ben chiaro quanto sia "forte" quest'ultimo.
2. Quando dovrei prendere le gocce di spasmicol? A orari fissi o solo quando sento rumori movimenti e fastidi?
3. Nonostante la prescrizione di un mese dovrebbe dare effetti perlomeno nei primi giorni?
4. Sullo stato ansioso; sono quasi sicuro che l'ansia perlomeno accentui i sintomi. Lo stress di questo tipo può rendere inefficace lo spasmicol o addirittura il Digerent?

Grazie ancora.

[#6]  
Dr. Giuseppe D'Oriano

Referente scientifico Referente Scientifico
36% attività
20% attualità
20% socialità
POZZUOLI (NA)

Rank MI+ 76
Iscritto dal 2006
Le domande, in merito alla terapia ed ai dosaggi dei farmaci, vanno rivolte al medico curante, a distanza e tramite questo mezzo non facciamo prescrizioni o modifiche di terapie.
I farmaci prescritti sono dei sintomatici, agiscono solo sul sintomo e non sulla malattia, per risolvere il suo problema potrebbe essere necessario un supporto psicologico, per vincere l'ansia ed i disturbi intestinali.
Prego.
Dr.Giuseppe D'Oriano Docente Scuola Speciale A.C.O.I. di Coloproctologia. Chirurgo Colonproctologo.
www.drgiuseppedoriano.blogspot.com

[#7] dopo  
Utente
Gentile dr D'Oriano,
mi scuso non era mia intenzione chiederLe una terapia.
Pensavo che lo spasmicol fosse un leggero sjntomatico senza controindicazioni.

Chiedevo solamente se puo' esserr normale che pur continuando la dieta, prendendo fermenti lattici e dopo.due giorni di digerent, le feci non siano ancora formate (nonstante qualsiasi altro sintomo sia sparito,compreso il colore delle.feci)
Principalmente per capire fino a che punto posso attribuire la cosa ad un fattore nervoso.

Mi scuso se Le appaio insistente.
Grazie

[#8]  
Dr. Giuseppe D'Oriano

Referente scientifico Referente Scientifico
36% attività
20% attualità
20% socialità
POZZUOLI (NA)

Rank MI+ 76
Iscritto dal 2006
Una delle cause potrebbe essere una aumentata velocità del transito intestinale.
Velocità sempre alterata nei pazienti che soffrono di intestino irritabile.
Le ripeto che, per affrontare i suoi problemi e confermare la benignità, è necessaria una visita specialistica.
Dr.Giuseppe D'Oriano Docente Scuola Speciale A.C.O.I. di Coloproctologia. Chirurgo Colonproctologo.
www.drgiuseppedoriano.blogspot.com