I medici mi hanno riscontrato emorroidi

Partecipa al sondaggio
Buongiorno,
capisco che ci sono diverse domanda in riferimento a quest'argomento, ma ogni caso è a se, almeno credo, ognuno descrive sintomi diversi e casistiche di ogni tipp. Mi scuso in anticipo con i medici del forum, ma non sò più davvero cosa fare.
32 anni, emissione di sangue rosso vivo dopo la defecazione, stasera anche prima, mi son seduto sull'amato/odiato water, ho spinto leggermente e sanguinamento.

Son stato visitato da 4 medici diversi, ergo quattro esplorazioni rettali, che come molti sanno, non sono piacevoli e non adoro farle.
Nessuna anoscopia (ma perche' non l'hanno fatta dico io)
Tutti e 4 i medici mi hanno riscontrato emorroidi di primo grado non complicate.
Il sanguinamento avviene circa 2-3 volte a settimana, sangue rosso vivo, tipo stillicidio alla fine della defecazione ; terapia attuale con arvenum 500 (2 compresse al giorno) e pomata a base di idrocortisone (proctosedyl).
Sto' seguendo questo trattamento, ma di risultati sinceramente non ne vedo, sembrano palliativi e non risolutivi, ed io voglio risolvere il problema ; ho chiesto anche della legatura elastica ma mi han detto che i gavoccioli son troppo piccoli e non aggredibili.
Ma come posso fare? Non posso continuare così, tra l'altro sono spesso seduto in ufficio e questa cosa non aiuta.
Tengo a precisare che le perdite ematiche sono iniziate anni fà, all'inizio molto piccole e saltuarie, adesso molto più frequenti e copiose.
Sono terrorizzato anche da patologie ben più gravi, ma mi hanno assicurato (!! ma come senza anoscopia) che posso star tranquillo.
Stasera guardando con uno specchietto (con questa patologia si arriva a far cose che non verrebbero in mente a una persona che non ne soffre :-) ) ho notato come delle pallina viola/bluastre che si intravedevano...
Qualche mese fà avevo anche dolore e mi fù riscontarto un piccolo trombo (mi prescrissero eparina in pomata, non ricordo il nome)
Aiutatemi vi prego

[#1]
Dr. Andrea Favara Gastroenterologo, Chirurgo apparato digerente, Colonproctologo, Chirurgo generale 26.9k 668 234
E' impossibile dare un' indicazione specifica a distanza, tuttavia qualsiasi sanguinamento anorettale necessita in linea di massima di approfondimento diagnostico mediante colonscopia, anche in presenza di emorroidi.
Le emorroidi di I grado, se sanguinanti nonostante la terapia medica, possono venir trattate con successo con legature elastiche. Auguri!

Dottor Andrea Favara

http://www.andreafavara.it

[#2]
Utente
Utente
Chiedo scusa per il ritardo e grazie per avermi risposto.

Per quanto riguarda la colonscopia, gradirei un approccio più "soft", magari un'anoscopia, mi sembra sicuramente meno invasiva ( e sicuramente meno esplorativa).

La colonscopia, d'altro canto, offre sicuramente una risposta più completa, anche per l'estensione della zona esplorata.

Sicuramente farò un esame per confermare e togliere qualsiasi dubbio.
Non riesco a capire perche' sono restii a trattarle con legatura, dato che mi hanno diagnosticato queste emorroidi di I grado.. allora cavolo.. procedete con la legatura! Non riesco a capire questo scetticismo.

La ringrazio per la sua gentilezza e disponibilità
[#3]
Dr. Giuseppe D'Oriano Chirurgo oncologo, Colonproctologo, Chirurgo generale, Chirurgo apparato digerente, Chirurgo d'urgenza 12.9k 366 4
Gentile Utente
L'opinione che, in presenza di un prolasso emorroidariodi I grado si possa ottenere una attenuazione della sintomatologia con la terapia medica o una guarigione con le legature elastiche, è ormai superata dalla nuova classificazione del prollaso rettale. In presenza di un prolasso occulto rettale(prolasso interno)associato ad un prolasso emorroidario di I grado le legature potrebbero essere insufficienti senza trattare il prolasso interno.Quindi un inquadramento preciso della sua malattia emorroidaria non può essere fatta senza una precisa valutazione del prolasso occulto. Ritengo la visita coloproctologica non completa se non accompagnata da una proctoscopia. La proctoscopia, in associazione alla manovra del batuffolo, in mani esperte è sufficiente a valutare la presenza di un prolasso interno. In tal senso concordo con lei sul perchè non è stata eseguita. La Colonscopia ,indagine in assoluto, considerata la più valida per escludere altre cause di sanguinamento, in caso di accertato prolasso emorroidario la considero necessaria,in base all'anamnesi, all'età del paziente e non prima di una proctoscopia.

Dr.Giuseppe D'Oriano Docente Scuola Speciale A.C.O.I. di Coloproctologia. Chirurgo Colonproctologo.
www.drgiuseppedoriano.blogspot.com

Emorroidi

Cosa sono le emorroidi? Sintomi, cause, cura, rimedi e prevenzione della malattia emorroidaria. Quando è necessario l'intervento chirurgico o in ambulatorio?

Leggi tutto