Utente 541XXX
Gentile medico,
le scrivo per conto di mio fratello al quale 3 anni fa è stata diagnosticata una RCU con conseguente asportazione di un polipo.
Da allora, oltre ad un periodo di trattamento a base di mesalazina, non ha più seguito alcun tipo di terapia e alimentazione.
Da circa due settimane è cominciata una riacutizzazione e dalla colonscopia è emerso che la malattia si è estesa e che ad un certo punto si è creata un'ostruzione tale da non consentire alla sonda il passaggio.
Pertanto sta assumendo mesalazina, deltacortene da 25 mg e una schiuma rettale ma è molto debilitato, introduce quantità davvero minime di cibo, presenta forte sonnolenza, tremore alle gambe e ancora dolori nel basso ventre oltre a qualche scarica e senso di vomito.
Cosa ci consiglia? Pensa che questa terapia iniziata ieri possa bastare? Crede occorra ricoverarsi?
Ringraziandola per l'attenzione, le auguro una buona serata.

[#1]  
Dr. Marco Bacosi

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
20% attualità
20% socialità
POMEZIA (RM)
ROMA (RM)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2012
1) la terapia per RCU non andrebbe mai interrotta: si dovrebbe modificare il dosaggio dei farmaci in base alla risposta clinica.
2) Dalle poche informazioni fornite, direi che sarebbe necessario il ricovero anche perchè, in linea del tutto teorica, 25 mg sono pochi.
Cordiali saluti!
MARCO BACOSI MD PhD
Spec. in Gastroenterologia ed Endoscopia Digestiva
Dott. di Ricerca in Fisiopatologia Chirurgica e Gastroenterologia