Utente 514XXX
Buongiorno,
scrivo per una situazione, la mia, molto complessa e problematica.
Cerco di sintetizzare al massimo.
Ragade anale sx 2005 operata, dopo tentativi falliti con tossina botulinica e dilatan, con sfinterotomia laterale sx.
Post operatorio difficile, ipertono ancora presente. Problema scomparso da solo quando decisi di non assumere più pomate o simili.
Per molti anni nessun tipo di problema.
Agosto 2017 comparsa di due grosse ragadi, una sx e una dx.
Nitroglicerina, tossina, dilatan. Niente.
Settembre 2018: sfinterotomia laterale dx; cauterizzazione due ragadi; exeresi fibropolipi.
Nelle varie visite di controllo, presso l’ospedale di Ferrara, la riepitelizzazione avviene a gennaio 2019.
No ipertono (lo sento anche io ora).
I dolori continuano, in alcuni giorni sono molto forti: fastidi, pruriti, in alcune occasioni bruciore, disconfort anale.
Visita anche a Bologna: lieve iperemia, mucosa un po’ fibrotica, no ipertono no ragade.
Faccio Rm addome e Pelvi: no ascessi, no fistole, nessun problema rilevato.
Altra visita, a Ferrara: mucosa rosea, cicatrice sx un po’ ipertrofica.
Chiedo disperatamente aiuto, non so più cosa fare.
I problemi maggiori sono da seduto ma spesso anche in piedi, solo da sx. Sembrano gli stessi dolori da ragade ma tre Proctologi non la rilevano.
Mi viene consigliato holoil o ozonia per tenere lubrificata la zona. Quando le metto sento a sx, alla pressione, tale dolore.
Mi viene detto che a volte gli esiti cicatriziali possono essere più lunghi del previsto, può essere dopo 10 mesi dall’intervento?
Sono nella disperazione, a due anni dal problema, dopo la seconda sfinterotomia.
Chiedo davvero un consiglio.
Saluti cordiali

[#1]  
Dr. Andrea Favara

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MARIANO COMENSE (CO)
CANTU' (CO)
COMO (CO)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2002
Prenota una visita specialistica
Potrebbe avere una neuropatia del pudendo ad esempio. E una colonscopia e' stata fatta?
Dottor Andrea Favara
http://www.andreafavara.it

[#2] dopo  
Utente 514XXX

Una delle dottoresse, a voce, lo ha messo in campo, anche se dalla Rm non risulta nulla. Mi aveva infatti prescritto pelvilen per questa.
Ho fatto una colonscopia nel 2014, per disturbi intestinali, ed era risultata solo una proctosigmoidite aspecifica, a detta dei vari dottori, grastroenterologo compreso, nulla di particolare, una colite aspecifica.
Sono davvero in difficoltà, non so se andare ancora da un altro medico oppure ritenere valide quelle del proctologo che dice a volte gli esiti cicatriziali possono durare anche più del dovuto, occorre pazienza .
Io ci provo, ma così è davvero durissima.

[#3] dopo  
Utente 514XXX

Aggiungo anche che dopo ogni visita il quadro flogistico peggiora, forse perché si infiamma ancora di più il tutto

[#4]  
Dr. Andrea Favara

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MARIANO COMENSE (CO)
CANTU' (CO)
COMO (CO)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2002
Bene, provi ad attendere allora
Dottor Andrea Favara
http://www.andreafavara.it

[#5] dopo  
Utente 514XXX

La ringrazio Dottore,
molto gentile.
Attenderò ancora, ma è dura davvero, a 10 mesi dall’intervento che speravo risolutivo dopo aver passato un anno di sofferenze continue.
Mi chiedo da dove possano derivare tali fastidi, dolori o pruriti? Se dalla cicatrice un po’ ipertrofica, se dalla mucosa infiammata, dalla lieve iperemia della mucosa. Sono le uniche cose rilevate.
Sto mettendo ozonia 15 alla sera per tenere la parte lubrificata e assumo psyllogel quotidianamente.

[#6] dopo  
Utente 514XXX

Va bene continuare a mettere Hoiloil o ozonia 15 alla sera per tenere lubrificata la mucosa?

[#7] dopo  
Utente 514XXX

Non vorrei che l’uso prolungato di creme irriti ancora di più la parte rendendola fragile.

[#8]  
Dr. Andrea Favara

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MARIANO COMENSE (CO)
CANTU' (CO)
COMO (CO)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2002
Non credo
Dottor Andrea Favara
http://www.andreafavara.it

[#9] dopo  
Utente 514XXX

Lo dico perché 15 anni fa, dopo la prima sfinterotomia, non riuscivo a recuperare fin quando interruppi ogni assunzione di creme, dopo qualche giorno scomparvero i problemi fini ad agosto 2017, forse si era formata una dermatite o una infiammazione dall’uso di tali pomate, non so.

[#10] dopo  
Utente 514XXX

Buonasera,
purtroppo la situazione resta pesantemente problematica, da due anni ormai.
Continuo ad avere fastidi, disconfort, pruriti, sia a dx che sx, pesantezza.
I tre proctologi dicono:
1) può essere neuropatia del pudendo; holoil per tenere lubrificata la mucosa; neurotin per un mese
2) non essendoci una causa rilevata dagli esami bisogna agire sui sintomi: antrolin, gentalyn, proktis e se persistono i dolori allora dilatan
3) non mettere più alcuna crema, aspettare che torni la funzionalità persa dopo tanti interventi

Capisce la mia confusione, cosa fare? Sono sconfortato a dir poco.
Saluti cordiali

[#11]  
Dr. Andrea Favara

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MARIANO COMENSE (CO)
CANTU' (CO)
COMO (CO)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2002
Sono tutte e tre strade percorribili.
Dottor Andrea Favara
http://www.andreafavara.it

[#12] dopo  
Utente 514XXX

La situazione resta sempre la stessa, non so più cosa fare.
Sono andato da un quarto proctologo, rileva solo lieve congestione emorroidaria.
Ho periodi di benessere alternati a periodi di profondo malessere, con dolore che parte dalla zona anale e si irradia all’interno coscia.
La dottoressa mi ha detto di intraprendere un percorso di riabilitazione del pavimento pelvico. Concorda sulla scelta?
Sono disperato.

[#13]  
Dr. Andrea Favara

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MARIANO COMENSE (CO)
CANTU' (CO)
COMO (CO)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2002
Puo' avere senso certo
Dottor Andrea Favara
http://www.andreafavara.it

[#14] dopo  
Utente 514XXX

Da mercoledì inizio questo lercorso di riabilitazione pelvica, vedremo.
Dopo due anni sono davvero al limite.
I fastidi partono dalla zona anale e si propagano alla coscia, pube e inguine.
Possoni essere le emorroidi lievemente congeste a creare tale problema?
Cosa può essere?
Mi conviene fare anche visita neurologica per la sospeta nevralgia del pudendo?

[#15]  
Dr. Andrea Favara

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MARIANO COMENSE (CO)
CANTU' (CO)
COMO (CO)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2002
Bene, attenderei l' esito del percorso prima di fare altro.
Dottor Andrea Favara
http://www.andreafavara.it

[#16] dopo  
Utente 514XXX

Salve,
aggiorno sulla situazione.
Ho avuto un periodo di benessere con assunzione del miorilassante Lyseen.
Ho fatto una seduta di riabilitazione pelvica ma questa mi ha di nuovo riacuito la zona anale, forse perché ha fatto una prolungata esplorazione digitale all’interno con mosse per cercare i trigger point.
Sinceramente vorrei evitare di tornarci visto che ha peggiorato la situazione.
Il miglioramento, precedente a questo trattamento, con il Lyseen fa pensare ad una problematica nevralgica? Per quanto tempo posso prenderlo?
Consigliabile un’altra visita?
A livello proctologico l’ultima risale ad ottobre, il quarto medico che mi ha visto, rilevando solo un po’ di emorroidi congeste.
Sono veramente disarmato, questa storia va avanti da due anni e mezzo, e da un anno e più dopo l’intervento.
Chiedo davvero un aiuto...

[#17]  
Dr. Andrea Favara

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MARIANO COMENSE (CO)
CANTU' (CO)
COMO (CO)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2002
Sembrerebbe proprio trattarsi di un problema neuropatico
Dottor Andrea Favara
http://www.andreafavara.it