Utente
Ho 23 anni e da qualche tempo prima della defecazione ho un forte dolore a livello annale che cessa durante l'atto per poi ricomparire.Spesso trovo delle tracce di sangue e una secrezione mucosa,non ho parlato con nessuno e non so cosa fare.
Può trattarsi di un cancro? Devo preoccuparmi?
Grazie

[#1]  
Dr. Stefano Arcieri

24% attività
4% attualità
12% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 40
Iscritto dal 2000
Prenota una visita specialistica
Gentile signore, quasi sicuramente il suo problema è legato alla presenza di una ragade anale, che rappresenta una piccola ferita nella regione anale, che non guarisce facilmente senza trattamento medico o chirugico. Le consiglio di rivolgersi ad uno specialista della sua città che Le saprà sicuramente consigliare la terapia più appropriata.
Cordialità
Dott. Stefano ARCIERI
Policlinico Umberto I
"La Sapienza" ROMA
Prof. Stefano ARCIERI
Università di Roma "Sapienza"
Policlinico Umberto I

[#2]  
Dr. Vincenzo Petrosino

28% attività
8% attualità
16% socialità
()

Rank MI+ 52
Iscritto dal 2001
L'affezione così ben descritta sembra essere una abbastanza comune ragade anale.Trattasi in effetti di una piccola ferita che ad ogni defecazione tende ad aprirsi e a dare dolore cono lieve sanguinamento.La stitichezza normalmente porta a tale lesione unitamente ad un ipertono dello sfintere anale.Le conviene innanzi tutto sottoporsi a visita con eventuale ano rettoscopia e intraprendere una terapia medica ed eventualmente provare la terapia con dilatatori anali.Nel caso trattasi realmente di ragade se i fastidi dovessero perdurare un piccolo intervento chirurgico ambulatoriale può risolvere il problema.
Dott.Vincenzo Petrosino

[#3]  
Dr. Andrea Favara

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
CANTU' (CO)
MARIANO COMENSE (CO)
COMO (CO)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2002
Sono sostanzialmente d accordo con i colleghi e non ho molto da aggiungere se non il fatto che il piccolo intervento e' quasi sempre risolutore ma a volte puo' dare qualche piccolo problema, soprattutto nelle donne.Possono essere prese in considerazione anche terapie non chirurgiche magari non cosi' rapidamente efficaci ma sostanzialmente esenti da importanti effetti collaterali.Non si preoccupi.Auguri
Dottor Andrea Favara
http://www.andreafavara.it

[#4]  
Dr. Michele Schiano Di Visconte

20% attività
0% attualità
0% socialità
CONEGLIANO (TV)
PIEVE DI SOLIGO (TV)

Rank MI+ 20
Iscritto dal 2005
Sono d'accordo con i Colleghi, molto probabilmente si tratta di una ragade anale. E' opportuno sottoporsi a valutazione specialistica anche al fine di valutare la necessità di effettuare una manometria ano-rettale per valutare la verosimile presenza di ipertono anale
Dr. Michele Schiano di Visconte