Utente 292XXX
Gentile dottore, sono un ragazzo di 27 anni che necessita di alcune risposte.
il 25 marzo ho ricevuto un rapporto orale da un ragazzo di cui non conosco praticamente nulla, conosciuto in chat.
Come ho già letto in altri consulti la possibilità di trasmissione di HIV con questo tipo di rapporto è a basso rischio ma possibile.
Ho deciso in ogni caso di eseguire il test per HIV a distanza di 2 settimane, un mese e 3 mesi (oltre ad altre sierologie per MST).
La mia preoccupazione riguarda il fatto che a distanza di 1 settimana esatta dal rapporto ho cominciato a manifestare astenia e comparsa di febbre nel tardo pomeriggio pari a 37,7°C (no linfoadenomegalia o altri segni o sintomi).
Avrei 3 domande:
1) tale sintomatologia potrebbe riferirsi alla infezione primaria da HIV anche se è trascorsa solo 1 settimana?
2) il test HIV con PCR qualitativa me lo consiglia per ridurre il periodo finestra e placare eventualmente anticipatamente le mie ansie?
3) dopo quanto tempo un soggetto contagiato può trasmettere il virus agli altri?
Grazie di cuore per le risposte.

[#1] dopo  
Dr. Luigi Laino

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2005
Gentile ragazzo,

deve sapere che in un rapporto orale a rischio (attivo o passivo), fra tutte le MST, l'HIV è quella assolutamente meno probabile:

può leggere un mio approfondimento in tema:

https://www.medicitalia.it/luigilaino/news/1330/Decalogo-di-prevenzione-sul-rapporto-sessuale-orale-non-protetto-il-terrore-dell-HIV-Co

e cerchi di trovare un venereologo di sua fiducia, in luogo di analisi (comunque effettuabili) fatte a caso.

cari saluti
Dr. Luigi Laino DermoVenereologo Tricologo
Già Dirigente Istituto San Gallicano
Tel. 06.45.55.06.61
www.latuapelle.it