Utente 293XXX
Salve dottori, sono una ragazza di vent'anni che soffre da sei di un problema particolare (forse una follicolite acneica a detta della mia dottoressa...anche lei non ne è molto sicura) sul petto, schiena e di recente sui glutei. Le lesioni a cui mi riferisco sono delle bollicine molto piccole rosa sul petto e glutei e proprio dei brufoli (un po' più grossi e alcune volte con il pus) sulla schiena. La dermatologa mi ha prescritto vari farmaci (duac gel, bifiderm bustine ed efracea) che mi stanno dando molti risultati (a parte l'efracea)
La pelle del mio corpo è quasi priva di brufoli.

Purtroppo non posso dire lo stesso della pelle del mio viso. Ho sempre sofferto di leggere imperfezioni limitate alla zona della fronte, ma da un anno ogni tanto mi esce, durante il periodo del ciclo, un brufolo sulle guance sotto pelle.
In questo periodo, ultimo mese, ho la pelle molto grassa (lo stesso vale per i capelli) e in concomitanza dei brufoletti sulla fronte (che tengo tranquillamente a bada con una maschera all'argilla) stanno uscendo un po' più brufoli sulle guance ( in realtà nulla di cui spaventarsi troppo).

La dottoressa mi ha consigliato di mettere il duac gel anche sulla guancia, solo sul brufolo . Lo applico sui brufoli e nella zona limitrofa, ma ho notato che, dove applico il duac poi esce un altro brufolo (se ne cura uno e esce un altro vicino). Quindi, mi chiedevo, se fosse causa del duac gel che esfoliando "porta a galla" altri brufoli che altrimenti resterebbero sotto pelle quasi invisibili. La mia dottoressa al momento è partita e non posso contattarla.

Devo continuare ad utilizzare e il duac? E' possibile che la mia pelle stia spurgando e per questo mi escono più brufoli?

I brufoli lasciano macchie e buchetti, come li posso evitare?

In secondo luogo mi farebbe piacere conoscere il parere di altri medici riguardo alla situazione petto\schiena. Ho paura che non sia proprio acne. Per quanto difficile possa essere tentare di capire un problema di pelle senza vedere il paziente, sapreste dirmi una malattia che ha queste caratteristiche: piccole bollicine sul petto e brufoletti sulla schiena che vanno e vengono a seconda del ciclo mestruale, del clima (marzo è il periodo peggiore, l'umidità e il caldo influiscono molto, quando invece mi espongo al sole per un periodo prolungato quasi scompaiono) e dell'assunzione di contraccettivi ormonali? Ho assunto l'anello nuvaring per un anno, durante il quale non avevo alcun inestetismo, smesso l'anello e sono tornati i brufoletti (molto peggio di prima!). Gradualmente si sono attenuati sino a tornare come prima di prendere l'anello.
Ho fatto una radiografia delle ovaie e non ho alcun problema..dovrei fare altri accertamenti? Intolleranze, allergie...?

Mi chiedevo se fosse acne o meno perchè non ho mai conosciuto nessuno che abbia questi " puntini" sul petto.

Cordiali saluti, spero mi possiate aiutare.

[#1] dopo  
Dr. Luigi Laino

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2005
Gentile utente,
Ammesso che si tratti di un'acne, appare un poco improbabile che solo un preparato topico possa trattare una situazione diffusa più parti del corpo: a mio avviso sarebbe opportuno approfondire con delle indagini sierologiche il suo stato ormonale e comprendere mediante un algoritmo diagnostico-terapeutico quale sia la scelta migliore da fare a livello terapeutico.
Questa situazione potrà reperirla presso la sede dermatologica di sua scelta.
Per ulteriori informazioni può scegliere nel sito www.acne.roma.it
Dr. Luigi Laino Responsabile Centro Latuapelle - Roma
MST, Tricologia, Laserterapia, Dermochirurgia
www.latuapelle.it

[#2] dopo  
Utente 293XXX

Grazie dottore per la risposta. Cosa intende esattamente con "approfondire con delle indagini sierologiche"? Quali sono di preciso gli esami che mi consiglia? Nel caso in cui dovessi scoprire che il mio problema è causato da un problema ormonale, esistono cure efficaci per questo tipo di acne?

Devo aggiungere che quando sono andata dalla mia dottoressa a settembre la situazione da me descritta era molto blanda, forse per questo la dottoressa non mi ha prescritto alcun esame (avrà sottovalutato il problema). Avevo pochi brufoletti dietro la schiena e quattro-cinque "puntini" sul petto. Prima dell'estate ho utilizzato di mia spontanea volontà una mousse con l'acido salicilico al 2% che al tempo mi tolse qualsiasi imperfezione. La smisi prima di andare in vacanza al mare per non avere problemi di fotosensibilizzazione (chiedendo parere ad un amico di famiglia dermatologo). In vacanza purtroppo mi sono ammalata di cistite e il mio medico mi ha prescritto un antibiotico e mi ha sconsigliato l'esposizione ai raggi solari, quindi non ho potuto beneficiare dell'azione dei raggi del sole. Tornata a casa, non appena il problema mi si è ripresentato, come ho già detto, in maniera molto blanda sono corsa ai ripari rivolgendomi per la prima volta ad un dermatolgo.

Ho riferito tutto ciò alla dottoressa e lei mi ha proposto, nonostante la situazione blanda, di valutare l'ipotesi in un futuro di utilizzare l'isotretinoina per eliminare del tutto il problema. Mi chiedevo se l'isotretinoina, a patto che sia acne, possa riuscire realmente a risolvere definitivamente il problema.
Nonostante l'ottimo risultato del duac gel ho paura che l'effetto sia temporaneo e che una volta smesso si ripresenterà la situazione precedente. Il problema è che il periodo di peggior picco della mia " acne" è solitamente Marzo (non ne ho ancora capito il motivo, forse a causa dell'umidità) periodo in cui so che non si dovrebbe utilizzare l'isotretinoina. Nel caso dovesse tornarmi proprio a Marzo e non potessi beneficiare dell'isotretinoina, esistono delle cure che posso fare alternative fino alla fine dell'estate che tengano a bada i brufoletti e poi utilizzare l'isotretinoina a settembre?


Per quanto riguarda la situazione viso, mi consiglia di utilizzare il duac sul brufoletto? E' possibile che il duac stia facendo uscire più brufoli? (devo dire che però da quando ho scritto il post, ho continuato ad utilizzare il duac sui singoli brufoletti e sembrano essere in via di guarigione).

[#3] dopo  
Dr. Luigi Laino

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2005
Gentilissima

comprenderà che non è questa la sede per approfondire una visita specialistica: abbia fiducia e programmi una nuova valutazione che andrà seriamente anche in tal senso:

per il resto la risposta è si: anche in caso di legami ormonali le terapie esistono e sono efficaci

cari saluti ancora
Dr. Luigi Laino Responsabile Centro Latuapelle - Roma
MST, Tricologia, Laserterapia, Dermochirurgia
www.latuapelle.it

[#4] dopo  
Utente 293XXX

Sono andata dal medico e come da lei consigliato mi sono fatta prescrivere i dosaggi ormonali che farò tra poco.

Avendo ormai terminato la cura precedente il medico me ne ha data un'altra che dovrebbe riuscire a regolarizzare anche gli ormoni.
I farmaci che mi sono stati prescritti sono:

Levigon bustine (integratori che servono a regolarizzare il ciclo e la produzione ormonale)
Monodermà vitA15 (da mettere sul viso)
Aknikare lotion (da mettere sulla schiena se mi escono brufoletti )
Diakon krem (per idratare il viso al mattino)

Ora come ora non ho quasi nessun brufoletto, a parte quei brufolini sporadici di cui parlavo nel precedente post che durante i periodi premestruali mi escono sulle guance. Si tratta di due o tre brufoletti. La pelle del viso continua ad essere mista.

La dottoressa mi ha dato appuntamento a Marzo, siccome le ho detto che solitamente è quello il periodo peggiore per la mia pelle.

Avrei però delle domande:

Domanda n° 1) Mi vergogno a chiederlo alla dottoressa, ma la diakon krem serve solo per idratare? In questo caso, posso sostituirla con un'altra crema per pelli impure non comedogena che costa decisamente di meno? La crema di cui parlo è una crema della marca cosmetica Antos per pelli impure e miste con vari estratti vegetali.

Domanda n° 2) L'anno scorso ho avuto la Pitiriasi Rosea di Gilbert (diagnosticata ovviamente da un dermatologo) e proprio ieri sera, ho notato una macchietta rosa sul seno che sembra proprio essere un principio di Pitiriasi. Nel caso dovesse ripresentarsi la malattia, i farmaci prescritti dalla dottoressa dovrebbero essere sospesi? E' possibile che sia nuovamente Pitiriasi? C'è un modo per bloccare il processo sin dal principio? Sulla macchia in questione, grande meno di un centimetro, ho applicato una crema a base di ossido di zinco (ricordo che l'anno scorso la crema in questione riuscì a rendermi più sopportabile il prurito).

Domanda n° 3) L'utilizzo di monodermà vitamina A15 potrebbe inizialmente farmi uscire più brufoli sul viso? E' necessario utilizzare una protezione solare?

Grazie mille per il vostro aiuto.
Buona giornata

[#5] dopo  
Dr. Luigi Laino

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2005
Gentilissima,
Alla prima domanda non posso rispondere per ovvi limiti telematici.
Alla seconda posso dire che è possibile riavere una pitiriasi rosea di Gilbert seppur raramente.
Alla terza rispondo che solitamente quel tipo di terapia non è come comedogenica e quindi non causa un ritorno di acne.
Si determini con la sua specialista dermatologa
Dr. Luigi Laino Responsabile Centro Latuapelle - Roma
MST, Tricologia, Laserterapia, Dermochirurgia
www.latuapelle.it

[#6] dopo  
Utente 293XXX

Perfetto grazie mille dottore, è gentilissimo. Mi scuso per la prima domanda, chiederò alla stessa dermatologa facendomi coraggio. Non che non voglia prendere la crema in questione, però il costo mi sembra eccessivo per una crema solo " idratante" per questo chiedevo se potesse avere qualche altra funzione.

Avrei un'ultima domanda, questa inerente agli eccipienti dei farmaci in questione.
Non so se questa domanda possa avere risposta e non so se possa essere considerata scomoda, quindi mi scuso anticipatamente:

Ho notato che la maggior parte delle creme utilizzate per l'acne hanno nell'inci il silicone, che ho letto su internet essere comedogenico. Siccome non mi pare di aver mai avuto problemi di pelle a causa dei siliconi contenuti nelle creme che mi sono state prescritte e notando che in molte creme di farmacia prescritte dagli stessi medici dermatologi c'è la scritta " non- comedogenic" quando nella formula è presente il silicone, è giusto pensare che ciò che ho letto su internet sia una bufala? Se l'informazione letta su internet è sbagliata, l'utilizzo di cosmetici (fard, correttori ecc...) con il silicone non dovrebbe peggiorare la situazione, giusto? Quindi, posso utilizzare sul volto cosmetici che lo contengano senza farmi alcun problema (ne uso davvero pochissimo e non tutti i giorni)?

Cordiali saluti, buona serata. :)

[#7] dopo  
Utente 293XXX

Altra domanda, ma se prendo da adesso l'integratore alimentare Levigon bustine, i dosaggi ormonali che farò saranno alterati?

[#8] dopo  
Dr. Luigi Laino

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2005
L'hai ragione: il silicone e i gel siliconici sono comunque comedogenici; ovviamente non conosco nello specifico i prodotti che indica e comunque la invito a non giustapporli per ovvi motivi chiedendo lumi al suo dermatologo di fiducia.
Carissimi saluti.
Dr. Luigi Laino Responsabile Centro Latuapelle - Roma
MST, Tricologia, Laserterapia, Dermochirurgia
www.latuapelle.it

[#9] dopo  
Utente 293XXX

Sono finalmente andata a ritirare le analisi del sangue e da quel che ho potuto vedere io, sono sana. Non ho portato le analisi dal dermatologo perchè lei stesso mi ha detto di rivederci a Marzo. Le ho fatte al terzo giorno di ciclo e i parametri sono tutti nei limiti previsti (le ho controllate attentamente con i valori scritti al lato delle analisi)...non sembra esserci alcun problema. Non ho un ginecologo di fiducia, quindi non saprei a chi farle vedere. Mi consigliate comuque di farle vedere a qualcuno? Posso andare all'asl o farle vedere al medico di base?

Nel caso fossi sana, ci sono altre analisi che potrei fare? Intolleranze, ecc...?

E' da un mese che ho smesso con il duac-gel e pian piano la pelle sta iniziando a peggiorare di nuovo.

Tempo fa parlai con la dottoressa dell'ipotesi di prendere l'isotretinoina, fermo restando che la mia è una situazione più o meno blanda, la consigliereste in caso di follicolite acneica?

Vorrei poi fare un'altra domanda: ho notato che con le creme topiche esfolianti la mia pelle sta decisamente meglio, del tutto sana anzi, però una volta smesse (tempo fa utilizzai anche una mousse con l'acido salicilico) ovviamente torna pian piano tutto. Mi chiedevo se queste creme a base di esfolianti potessero essere utilizzate (a parte durante il periodo estivo) per sempre o almeno fin quando da sola la mia pelle tornerà normale.

Il fumo (sigarette) potrebbe essere la causa di questa strana forma acneica?


Cordiali saluti.

[#10] dopo  
Utente 293XXX

Perdonatemi, un'altra domanda:
Citando la prima risposta ricevuta: se non si tratta di acne, come faccio a scoprirlo?

Per quanto riguarda invece la pitiriasi, ho ancora la macchia sul petto...sembra in via di guarigione (l'anello chiaro al suo interno si espande) e non sono presenti altre macchie. Le altre macchie devono ancora arrivare o è possibile che si sia manifestata solo ed esclusivamente con la macchia madre? Solitamente, la seconda volta che si ha la pitiriasi la malattia si presenta in forma più lieve?