Utente 195XXX
Salve,
il mio dermatologo mi ha diagnosticato una balanite circinata al glande (sebopsoriasi minima). Ho eseguito la cura che mi ha prescritto già due volte, ovvero: Desanix effe per 5 giorni la sera e poi Placenex al mattino per 20 giorni ma una volta concluso il ciclo terapico, torna tutto come prima (puntini rossi). Non ho bruciore o prurito. Mai avut ma la balanite non va via.

Sono molto preoccupato, guarirò o starò meglio per un periodo più lungo?
Sono davvero in apprensione per questa situazione, la quale è anche imbarazzante in caso di rapporti sessuali.

Grazie

[#1] dopo  
Dr. Luigi Laino

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2005
Gentilissimo, sarebbe opportuno fare una diagnosi precisa, ma mi pare che il suo dermatologo Gliel'abbia composta: dal mio punto di vista non comprendo il termine di balanite Circinnata, connesso a quello di sebopsiroasi.. Ovviamente il suo dermatologo potrà essere più chiaro. Nel frattempo le indico un sito monotematico di approfondimento su questa patologia diffusa www.balanopostite.it

Cari saluti, Dott.Laino
Dr. Luigi Laino DermoVenereologo Tricologo
Già Dirigente Istituto San Gallicano
Tel. 06.45.55.06.61
www.latuapelle.it

[#2] dopo  
Utente 195XXX

La ringrazio... il mio dermatologo ha proprio scritto così
"balanite circinata"(sebopsoriasi minima)

Grazie per il link al sito...
Confido di vedere a breve il mio dermatologo ora in ferie ma nel frattempo, come ho già spiegato, sono in grande apprensione non notando risultati duraturi nella terapia ed è per questo motivo che vi ho contattati.
Intanto vorrei sapere se è contagiosa e avere, se possibile, qualche informazione precisa sul mio caso e sul tipo di medicamento che sto utilizzando e sulla sua sporadica efficacia.
Come ho già scritto, è imbarazzante presentare il proprio pene in queste condizioni in caso di rapporto. >Temo che questa patologia non scompaia più

[#3] dopo  
Utente 195XXX

Sono davvero avvilito e non cerco supporto psicologico qui sul web ma voglio raccontarvi l’evoluzione della mia situazione.
Nel mese di novembre il mio dermatologo mi diagnostica una balanite circinata - sebopsoriasi minima, dice lui.
Dopo un mese di desamix e placentex durante il quale il glande si era sbiancato e si era assottigliata la pelle causandomi anche qualche rivolo di sangue durante il rapporto sessuale, è tutto tornato come prima. Torno dal medico che mi rincuora spiegandomi che ho una sorta di dermatite e mi dice di proseguire per un altro mese con la stessa terapia, diminuendo le dosi di desamix. Lavaggi con balanil sapone. Trascorre un mese e mezzo (ho proseguito la cura per qualche giorno in più), il glande è sempre più chiaro, la cura termina. Non ho nulla per una settimana e poi ecco ricomparire delle macchioline rosse. Intanto noto che la pelle del prepuzio è arrossata , a volte avverto un leggero bruciore alla zona glande e prepuzio, altri giorni no, così come alcuni giorni il prepuzio è meno arrossato. Il frenulo è anch’esso rosso a volte. In pratica la situazione è peggiorata.
Dopo due trattamenti, ben due a base di cortisonici siamo di nuovo tornati al principio. Da novembre a marzo non ho risolto nulla e ho speso soldi per unguenti vari e visite. Ora dovrei tornare per la terza volta dal medico e sinceramente mi sento molto avvilito.

Ormai la mia balanite mi ha totalmente complessato, ho vergogna a mostrarmi in queste condizioni nei rapporti e li evito.
Chiedo solo ai medici qui su di non rimandarmi a link vari, oramai credo di conoscere tutti “i retroscena” di questa malattia, e temo che non guarirò più.
La cosa peggiore è che questa malattia bastarda ha compromesso i miei rapporti sessuali (soprattutto orali, sia perché la pelle è sottile sia perché vedere delle macchioline o il prepuzio arrossato non è certo attraente).
Ecco come una stupida malattia può frustrare, compromettere l’autostima. A causa di essa devo reprimere il desiderio di avere rapporti.

vedo forse tutto troppo nero? Ma dopo tanti mesi di cura che devo pensare? Che devo fare? Conviverci per tutta la vita? Mi sa di si.
Scusatemi per lo sfogo. Non cerco una spalla su cui piangere ma, se possibile, una spiegazione esauriente al mio caso (la diagnosi e la terapia le ho descritte). Grazie