Utente 435XXX
Gentili dottori in data 06 Marzo ho rimosso un nevo atipico sul polpaccio destro. Dopo circa 20 gg. ho ritirato l'esame istologico che riporta quanto segue:
"Le sezioni istologiche in esame mostrano una forma di melanoma in situ sviluppatosi in nevo melanocitario composito congenito.
Infatti in un breve tratto di epidermide è presente una proliferazione di elementi melanocitari epiteliodi atipici intensamente pigmentati. Queste cellule sono disordinatamente disposte lungo la giunzione e al di sopra di questa in un pattern pagetoide.
Il resto della neoplasia è invece costituito da elementi melanocitari nevici dall'aspetto banale,con una disposizione caratteristica delle forme neviche congenite.
La lesione melanomatosa è completamente in situ ed è stata escissa con ampio e adeguato margine.
Questi aspetti giustificano un atteggiamento terapeutico conservativo."
La Dottoressa mi ha detto di fare una radicalizzazione per essere più sicuri
Oltre ad avere un vostro consulto,dato che non mi è molto chiaro l'esito dell'esame,volevo chiedervi se data la mia età (30 anni) posso stare tranquilla?
oltre alla radicalizzazione che farò il 24 Aprile,devo fare qualche altro esame?
Essendo una persona ansiosa preferire fare qualche esame in più per stare piu tranquilla.Anche perchè sto tenendo sotto controllo anche altri due nei..
Ringrazio in anticipo per una vostra risposta ..

[#1] dopo  
Dr. Silvia Suetti

Referente scientifico Referente Scientifico
36% attività
4% attualità
16% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 56
Iscritto dal 2010
Prenota una visita specialistica
Gentilissima

l'iter è corretto: in caso di melanoma in situ, la radicalizzazione della lesione ed il normale follow up è sufficiente per stare sereni.
Si affidi quindi agli specialisti che la stanno ben seguendo!
Saluti
Drssa Suetti
Dr.ssa Silvia Suetti, Specialista DermoVenereologo e DermoChirurgo
Tel. 06.45.55.06.61
www.latuapelle.it

[#2] dopo  
Utente 435XXX

Grazie mille Dottoressa.. Buona giornata