Utente 104XXX
Gentili Dottori, da una visita ginecologica recente ho acquisito la spiacevolissima notizia di avere dei condilomi a livello di piccole labbra e bordo imenale. Il medico ha anche effettuato un test con acido acetilico??? (scusate l'ignoranza se non si dice così) e mi ha confermato la diagnosi, attendo anche risultato Pap-test, la dott.ssa suggerisce di eliminarli. A parte la demoralizzazione per il problema in sè mi chiedo come abbia potuto contrarli, ho 26 anni e il mio primo e unico compagno è l'unico da 9 anni con cui abbia mai avuto rapporti. La dottoressa mi ha insinuato dei dubbi sulla fedeltà di lui (cosa che mi ha reso fortemente scossa in un momento in cui stiamo programmando il matrimonio).
Lui sembra non avere alcuna anomalia visibile. Vorrei un parere sulle modalità di contagio, i condilomi (se davvero trattasi di questo come posso ulteriormente accertarmi di avere contratto il virus?) si trasmettono esclusivamente per via sessuale? Io ho due verruche sulle mani, posso essermeli contagiati? Che indagine far fare al mio compagno per appurare in lui la presenza latente del virus? Sono molto preoccupata e dispiaciuta, conduco un'igiene ottima, evito i bagni pubblici, ho avuto un solo compagno da sempre, mi chiedo come posso averli contratti, davvero può essere lui il portatore e se sì ha dovuto necessariamente avere rapporti con altre donne? Vi ringrazio per le risposte che vorrete darmi e che spero mi rassicurino.

[#1] dopo  
Dr. Luigi Laino

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2005
Gentile utente,

in virtù di una indicazione (Che spero mal compresa) che leggo nella sua richiesta, ed in virtù di tante indicazioni scritte in questo portale dai miei colleghi venereologi e dal sottoscritto (in quest'ultimo caso ho composto un articolo divulgativo per fruire di qualche dato in più su questa così fumosa patologia https://www.medicitalia.it/02it/notizia.asp?idpost=40632 ), invito a recarsi assieme al suo partner e comunque entrambi, a visita specialistica Venereologica, presso la quale oltre ad alla diagnosi vi potranno ben spiegare che la manifestazione di una condilomatosi genitale NON è obbligatoriamente sessuale e che in questi casi ambo i partner - nella stragrande maggioranza dei casi) sono affetti.

Prenotate quindi con fiducia questo controllo
Dr. Luigi Laino DermoVenereologo Tricologo
Già Dirigente Istituto San Gallicano
Tel. 06.45.55.06.61
www.latuapelle.it

[#2] dopo  
Utente 104XXX

Gentile Dottore, la ringrazio tanto per la sua spiegazione sicuramente più precisa ed esaustiva rispetto a quanto sentito finora. Ho letto con attenzione il suo articolo, mi sembra di capire che non si può dare la colpa a uno dei due se verrà accertato che abbiamo entrambi contratto il virus, nè credo sia il caso di nutrire ulteriori dubbi su possibili "scappatelle" come intuito dal colloquio con la ginecologa. Un ultimo suggerimento, consiglia di farci vedere anche da un dermatologo? Posso procedere con tranquillità a bruciarli e a fare il vaccino come consigliato? Grazie ancora tanto.

[#3] dopo  
Utente 104XXX

Ho ottenuto il risultato del pap test, fortunatamente non è stata rilevata la presenza del virus nell'utero, dovrò comunque bruciare i condilomi esterni. Che controlli far fare al mio compagno per essere certi che lui non abbia lesioni? Quando riprendere i rapporti? Grazie.

[#4] dopo  
Utente 104XXX

Esco dall'incontro con la ginecologa che mi ha di nuovo scosso. Ho chiesto delle possibilità di trasmissione del virus, di nuovo mi ha confermato le sue teorie sull'unica via di trasmissione, quella sessuale. Mi ha demoralizzato molto, lei esclude praticamente la fedeltà di un compagno, dice che l'uomo non sa e non può fisiologicamente stare 15 gg. senza una donna e allora non trovando magari accanto la compagna ne cerca altre. I dubbi che insinua sono pesanti e mi mettono in crisi più del problema stesso, continuando così il consulto necessario sarà di tipo psicologico.

[#5] dopo  
Dr. Luigi Mocci

40% attività
4% attualità
20% socialità
ALESSANDRIA (AL)
VALENZA (AL)
TORTONA (AL)

Rank MI+ 64
Iscritto dal 2005
Cara signora,
io trovo fuor di luogo sia la sua preoccupazione volta nongià alla patologia di cui è affetta ma alla presunta infedeltà del suo compagno o se un uomo possa o no avere dei periodi di astinenza sessuale superiori ai 15 giorni.
Lei ha detto di avere delle verruche nelle mai: ma scusi, con cosa lo fa il bidet? io credo con le stesse, per cui essendo le verruche patologie da HPV come i condilomi (che non a caso, nella letteratura anglosasone sono chiamate verruche genitali)il contagio potrebbe essere quello. D'altro canto l'HPV è l'HPV, per cui non è che un ceerto tipo conytagi solo un certo distreto anatomico piuttosto che un altro. Ciò che, invece, è vero, è che il contagio il maggior numero di volte avviene per via sessuale, ma non esclusivamente.
Per sapere che tipo di virus è occorrerebbe fare una tipizzazione virale cosiddetta.
Non tormenti il suo compagno ma abbiate rappporti protetti anche dopo la sua guarigione per almeno un anno di controlli, dopodichè si potrà pensare a rapporti liberi.
Faccia fare una visita dermatologica al suo partner con una penescopia che è il corrispettivo della sua vulvo e colposcopìa, poi stia tranquilla.

arrivederci


Mocci
Luigi Mocci MD

[#6] dopo  
Utente 104XXX

La ringrazio per il suo parere,lei ha perfettamente ragione a richiamarmi sull'importanza del problema in sè ma i pareri espressi dalla sua collega sono stati pesanti in tutte e due le visite. La ginecologa sostiene improbabile il contagio dalle verruche delle mani in quanto dovrei averne allora su tutto il corpo, punta il dito sul mio compagno e basta, questo mi ha molto infastidito e sfiduciato. Brucerò i miei condilomi fortunatamente pochi e solo esterni e farò di certo controllare il mio compagno. Grazie per la sua opinione che ritengo più professionale nel fornire una spiegazione al problema.

[#7] dopo  
Dr. Luigi Mocci

40% attività
4% attualità
20% socialità
ALESSANDRIA (AL)
VALENZA (AL)
TORTONA (AL)

Rank MI+ 64
Iscritto dal 2005
cara signora,
grazie per l'apprezzamento nei miei confronti, perchè fa sempre piacere, ma citerrei anche a mettera in chiaro una cosa: col mio discorso non ho voluto nè igudicare nè tanyomeno discreditare ai suoi occhi la collega ginecologa, semplicemente ho cercato di porre il problema sotto un altro aspetto, quello del rapporto individuo / malattia; per il resto, veda, nella mia professione ho sempre cercato un pò di misura ed equilibrio e far precipitare in crisi una giovane coppia direi che non è nè l'una cosa nè l'altra, ancor più per una patologia che potrebbe avere una spiegazione diversa da come appare.
Con questo le faccio i miei più cari saluti ed un ion bocca al lupo.

Mocci
Luigi Mocci MD

[#8] dopo  
Utente 104XXX

Grazie ancora per l'utile sopporto che offrite. Spero di superare al meglio il problema.

[#9] dopo  
Utente 104XXX

Non ho bruciato i presunti condilomi, e meno male! Ieri nuovo controllo, nuovo medico, colposcopia e vulvoscopia e si scopre che non sono condilomi ma papillomatosi! Niente di contagioso. Le mie crisi sono state inutili e assurde,il medico superficiale! Scusate per lo sfogo.

[#10] dopo  
Dr. Luigi Mocci

40% attività
4% attualità
20% socialità
ALESSANDRIA (AL)
VALENZA (AL)
TORTONA (AL)

Rank MI+ 64
Iscritto dal 2005
salve,
ecco uno dei buoni motivi per cui bisogna sempre cercare di stare calmi e ragionare.
Sono molto contento per lei!


Mocci
Luigi Mocci MD