Utente 306XXX
Buongiorno,
ho un problema che mi assilla: il mio ragazzo, 28 anni è stato ricoverato in ospedale per un forte male al fianco sx. Eseguiti rx,ecografia, da cui si è scoperta una piccola ernia. I valori del sangue erano ok, solo pcr alta. Precedentemente, 3 mesi prima avea riportato monociti piu alti della norma e linfociti piu bassi.
é stata eseguita una terapia ev con augmentin e metronidazolo, sospesa l'alimentazione. Fatta la tac con mezzo di contrasto da cui risulta no diverticolite, per cui era invece curato ma linfoadenopatia aorto..non mi ricordo piu questi termni..cmq linfonodi infiammati che hanno fatto preoccupare il medico.
Il dolore è però passato quindi lui è stato dimesso ma ha fatto la colonscopia...si sospettava morbo di Crohn, ma l'analisi istologica è negativa.
Ora hanno fissato una visita ematologica, perche? ci stanno nascondendo qualcosa?
Di cosa si potrebbe trattare? Vi prego in una risposta perche ci stanno veramente facendo preoccupare...Grazie mille in anticipo!

[#1]  
Dr. Arduino Baraldi

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
12% attualità
20% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2006
Gentile Utente,

i linfonodi si possono ingrandire ed assumere aspetto reattivo in molte condizioni infiammatorie ed infettive.
Detto questo ritengo che la visita ematologica voglia meglio chiarire questo punto ma senza che si debba pensare a cose gravi.
Un saluto

A. Baraldi

[#2] dopo  
Utente 306XXX

Mamma mia qui ci stiamo agiitando parecchio invece, perche il medico che lo ha visitato oggi ha escluso che questo ingrossamento possa essere dovuto a qualche malattia infettiva perche i linfo inguinali, ascellari e sul collo sono ok. Sono quelli interni aorto-ecc e a livelo splenico che sono infiam. Ma si potrebbe trattare di qualche linfoma anche se i valori di linfociti sono normali, anci lievemente pu bassi del normale e i monociti, lievem piu alti?
>E in cosa consiste la prima visita ematologica?
la prego mi risponda al piu presto...la visita è martedi ed è lunga vivere con questa tensione fino a martedì.
La ringrazi anticipatamente...saluti.

[#3]  
Dr. Arduino Baraldi

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
12% attualità
20% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2006
Gentile Signora,

la invito a non allarmarsi perchè non si può pensare subito a linfomi per la presenza di linfonodi aorto iliaci ingrossati.
La visita ematologica servirà per fare altri esami e chiarire i dubbi. Ma eviti di trarre delle conclusioni negative.
Un saluto

A. Baraldi

[#4] dopo  
Utente 306XXX

Buongiorno,
scusi se la disturbo ancora. Oggi abbiamo fatto la visita ematologica, lui ha detto di sentire infiammati ma sembrano nella norma i linfonodi del collo e leggerm ingrossata la milza.
Oggi abbiamo ritirato anche i referti delle anmalisi dle sangue prescritte dall'infettivologo. I linfociti risultano sempre bassi, i monociti sono risaliti nel valori normali ma legeermenti spostati verso l'altto.
Pcr ok, ldh anche, piastrine leggerm sopra i 400 (superano di poco i limiti soglia), ves alta.
Che si puo dire? I marcatori cea...o come si chiama per cancro ai testicoli è ok, ok anche le gonadotropine.
L'ematologo ha prescritto tipizzazione leucocitaria, e i risultati sisanno venerdì.
Cosa ci si deve aspettare? Da cosa puo essere dovuta questa leucopenia?
Aspetto con ansia una sua risposta....disitinti saluti.

[#5]  
Dr. Arduino Baraldi

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
12% attualità
20% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2006
Aspettiamo di vedere la tipizzazione linfocitaria, per il resto non vedo grosssi problemi, ma , ripeto, aspettiamo quest'ultimo esame
Un saluto

A. Baraldi

[#6]  
Dr. Salvo Catania

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
LECCO (LC)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2005
Non c'è da aggiungere nulla a quanto puntualmente ha scritto il collega Baraldi, ma le segnalo solo per un approfondimento un articolo pubblicato su questo sito

https://www.medicitalia.it/minforma/oncologia-medica/63-i-linfonodi-o-linfoghiandole-le-adenopatie-ed-il-sistema-linfatico.html

Cordiali saluti
Salvo Catania, MD
Chirurgo oncologo-senologia chirurgica
www.senosalvo.com

[#7] dopo  
Utente 306XXX

Purtroppo tipizzazione linfocitaria fatta e non buoni risultati seccono l'elatologo, ma vorrei sapere anche il vs parere...
linfociti risultano ancora piu bassi, qualcosa tipo 11% o 18%, non ricordo bene, cd4 bassissimi sugli 80 mcl, cupremia alta fuori limite, oltre i 400...
L'ematologo ed il medico di malattie infettive che lo stanno seguendo hanno detto che è una situazione di immunosoppressione fortissima e che guardando le analisi cosi si direbbe hiv, ma l'esame è assolutam negativo!
Pertento ora l'infettivologo non ha piu nessun compito ma è competenza di un ematologo..
ci ha parlato di linfoma hodgkins e non hodgkins..ma siamo in una situazione del genere? Puo essere con i linfociti cosi bassi?
E soprattutto perche nel caso di un linfoma la ves risulta alta???
i Monociti sono tornati nei limiti...
che dite?
A me veniva in mente, sono farmacista, una probabile magari malattie autoimmune vista la ves, pertatno oggi abbiamo fatto esami del sangue anti-dna ecc, perche lui parlava di eventuale lupus...
in effetti lui ha sempre avuto problemi di catarro nei bronchi. Potrebbe essere?
E mercoledì abbiamo la pet..poi il medico se pet risulta positiva voleva procedere con asportazione dle linfonodo e analisi.
Vi prego datemi un aiuto..secondo voi di cosa si puo trattare?
Non so piu se sperare che sia un autoimmune o un linfoma...e soprattutto vorremo delle risposte dopo le 1000 analisi fatte.
Voi che suggerite?
Grazie mille della consulenza intanto e attendo con ansia un vs parere su questo caso.

[#8]  
Dr. Arduino Baraldi

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
12% attualità
20% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2006
Gentile Utente,

a questo punto, soprattutto alla luce di risposte diverse da parte dei vari colleghi, ritengo che sia opportuno un breve ricovero ospedaliero presso una struttura specializzata in ematologia per fare una diagnosi corretta; il problema non sono i linfociti al 19 % , ma le varie sottopopolazioni linfocitarie, che , secondo i colleghi, indicherebbero una forte immunosoppressione; sicuramente utile anche una biopsia linfonodale, ma, ripeto, è opportuno che tutto sia fatto presso un centro specializzato. Ne parli con il suo medico
Un saluto

A. Baraldi

[#9] dopo  
Utente 306XXX

Abbiamo la pet mercoledì, quindi aspetterei di avere i risultati e poi magari chiedere qualche consulto altrove...noi siamo di Bolzano, mi saprebbe indicare un centro specializzato su cui fare affidamento? Dicono che qui siano bravi nel reparto di ematologia, Lei che ne dice?
Ma da cosa può dipendere una così bassa percentuale di cd4?
Grazie ancora e scusi il disturbo, ma non è una situazione molto facile.

[#10]  
Dr. Arduino Baraldi

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
12% attualità
20% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2006
Si rivolga con fiducia al centro di Bolzano; non si può valutare solo i CD4 , ma và fatta un'analisi completa per arrivare ad una diagnosi definita, soprattutto alla luce di questi pareri diversi.
Rimango a disposizione se avrà bisogno di ulteriori informazioni
Un saluto

A. Baraldi

[#11] dopo  
Utente 306XXX

E per analisi completa cosa intende? La pet di mercoledì potrebbe già essere indicativa se fosse presente un linfoma?
e se non fosse postiva la pet sarebbe corretta la supposizione di una possibile malattia autoimmune?

[#12]  
Dr. Arduino Baraldi

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
12% attualità
20% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2006
La PET sarà molto importante ma insieme ad essa , sempre che vi sia un sospetto di linfoma, và fatta una TAC , radiografia del torace, vari esami di laboratorio, una biopsia linfonodale ed eventuale biopsia osteomidollare. Detto questo, però, credo che sia assolutamente prematuro trarre delle conclusioni, ma è appunto importante una valutazione globale che può essere fatta solo in ambito ospedaliero da un centro ematologico. Ad oggi non sussiste una diagnosi certa ed è necessario fare queste ulteriori indagini; questo poichè soltanto sulla base di un esame alterato di tipizzazione linfocitaria non si può fare diagnosi di linfoma
Un saluto

A. Baraldi

[#13] dopo  
Utente 306XXX

Purtroppo la disturbo ancora...pet eseguita oggi e il linfoma è confermato. Domani verrà eseguita l'asportazione chirurgica del linfonodo in anestesia totale perche piuttosto profondo e vogliono asportare quello piu grande che ha una forma particolare..
Ma cosa dobbiamo aspettarci? Hodgkins o non Hodgkins?
e soprattutto potrebbe essere negatva la biopsia?
mamma che botta....è una diagnosi che ti cade in testa come un sasso.
Scusi del disturbo e in attesa si una risposta la saluto.

[#14]  
Dr. Arduino Baraldi

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
12% attualità
20% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2006
Gentile Signora,

bisogna aspettare la biopsia , per la valutazione del tipo istologico . Posso dirle che oggi sia per i linfomi Hodgkin che quelli NH vi sono numerose terapie molto valide e risolutive, naturalmente sempre tenendo presente il tipo istologico e la stadiazione. Abbia fiducia nel centro ematologico che sta seguendo il suo fidanzato.
Un saluto

A. Baraldi

[#15] dopo  
Utente 306XXX

Abbiamo avuto l'esito dell biopsia che dice non linfoma ma sarcoidosi?!?! Puo essere che la diagnosi cambi cosi in fretta e potrebbe essere attendibile secondo lei? Di che malattia si tratta?
La ringrazio ancora.

[#16]  
Dr. Salvo Catania

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
LECCO (LC)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2005
Non è cambiata la malattia, ma l'approfondimento ha dimostarto trattarsi di sarcoidosi, non sospettata, sulla quale il collega Baraldi potrà esprimere valutazioni più dettagliate.

La localizzazione linfonodale della sarcoidosi è molto comune, essendo descritta nel 75-90% dei pazienti.

Fra le stazioni profonde quelle ilari e mediastiniche sono le più frequentemente colpite, possibili ma meno comuni sono localizzazioni intraddominali . Frequente è poi l’interessamento di stazioni superficiali quali quelle epitrocleari, laterocervicali, sovraclaveari, ascellari e inguinali .

Cordiali saluti





Salvo Catania, MD
Chirurgo oncologo-senologia chirurgica
www.senosalvo.com

[#17]  
Dr. Arduino Baraldi

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
12% attualità
20% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2006
Gentile Utente,

l'mportante è essere giunti ad una diagnosi spero definitiva.

Riguardo la sarcoidosi è una malattia sistemica ad andamento cronico con presenza di granulomi in varie sedi ( polmonare, linfonodale ecc. ), come le ha già detto il collega Catania.

Le indagini di laboratorio riguardano la VES, PCR, ALFA 2 Globulina, ed un particolare enzima ACE specifico di questa malattia; le indagini strumentali riguardano la Rx torace , scintigrafia, broncoscopia con lavaggio bronco alveolare.

Il trattamento si basa sull'utilizzo di corticosteroidi

Un saluto

A. Baraldi