Fibrinogeno e d-dimero sempre in rialzo senza causa apparente

Salve,
Non so più cosa fare, ormai da 4 anni ho scoperto di avere il fibrinogeno e il D-dimero elevati e sempre in rialzo, ad oggi il fibrinogeno ha raggiunto 607 e il D-dimero 800.

Dapprima ho fatto vari esami con il medico di base e risultavano tutti nella norma.

Allora mi ha inviata al centro antitrombosi dove mi hanno fatto i vari esami del sangue sulla coagulazione ecc... e tutto risulta nella norma anche lì, come ultima spiaggia mi hanno mandato dal reumatologo ma anche lì tutto nella norma.
Anche perché mi hanno spiegato che i suddetti valori si alzano o per problemi di coagulazione o infezione ma nel mio caso la PCR e la ves sono sempre state buone solo lievemente alterate a volte ma veramente di pochissimo e non riconducibili invece a quanto continuavano a salire il fibrinogeno e il D-dimero.

Non so più cosa fare è frustrante che nessuno riesca a dare una spiegazione al mio problema, oltretutto ora sono anche molto spaventata perché con il Coronavirus avere dei valori così alti mi hanno detto che è pericoloso nel caso mi ammalassi.

Spero in una vostra risposta e magari in un qualcosa in più che potrei fare per arrivare ad una diagnosi.

Grazie mille e scusate per il messaggio lungo.

Cordiali saluto
[#1]
Dr. Giuseppe Curciarello Ematologo 68
Intanto non è acclarato che il covid produca più danni perché il fibrinogeno è più alto. Lo stesso per Ddimeri. Non ci sono evidenze mediche! Entrambi poi questi esami ( sarebbe anche da capire perché sono stati eseguiti la prima volta ..) possono essere alterati in situazioni infiammatorie varie ( motivo per cui l’hanno inviata dai reumatologi), e poi ,talvolta, non si rinviene una causa certa. La medicina non è la matematica .! . ciascuno di noi siamo individui e in biologia le variazioni individuali possono anche spiegare perché 2+2 non fa sempre 4! Le malattie si scoprono in un contesto ,in primis, di segni e/o sintomi clinici che quando non ci sono non si comprende perché ci si ostini a ripetere esami ematici o strumentali . A meno che non ci sia un episodio tromboflebitico e/o trombosi o in atto ( che nel suo caso il centro emostasi avrà certamente considerato) avere valori alterati ematici di fibrinogeno e/o D dimeri in un contesto di benessere deve forse anche far dire basta a ricerche , in particolare poi se le alterazioni di questi esami sono non eclatanti e ,in particolare, se queste alterazioni durano da tanto tempo.. tanto che la fioritura della patologia sottostante importante si sarebbe dovuta già dimostrare. Immagino che abbia anche fatto una eco pelvica e visita ginecologica per escludere ( visto che è una donna giovane ) altre situazioni flogistiche pelviche. Poi anche.. stop,.. e , se sta bene , una volta l’anno, nel contesto magari di un emocromo o dosaggio di ferritina ( che andrebbe fatto nel suo caso non solo per le frequenti Ferrocarenze misconosciute , anche perché può essere elevata isolatamente per fatti reattivi..) esegua pure dosaggio fibrinogeno esami coagulativi e d dimeri. Ma stando tranquilla se la visita medica ( più importante degli esami..!) esclude patologie in atto. Cordialità

Dr. Giuseppe Curciarello Medico-Chirurgo Specialista Ematologia Generale ( Clinica e Laboratorio)

[#2]
dopo
Utente
Utente
Salve.
Grazie per la risposta e per avermi tranquillizzata.
La reumatologia ha solo visto un invecchiamento precoce di cartilagine ecc..ma non riconducibile appunto ai valori in rialzo o a malattie autoimmuni quindi per lei la visita era ok.
Sì ho fatto anche gli esami che citava in quanto a novembre sono stata operata per cisti dermoide e una settimana dopo purtroppo per ernia di spigelio dicono che è stata una complicazione, da allora ho spesso dolore dove hanno messo la rete ma da i vari controlli tutto nella norma, apparte a volte del liquido nel Douglas.
Per quanto riguarda la ferritina sono seguita in quanto sono anemica e faccio il ferro endovena, perché da dopo le operazioni tutte le altre formulazioni mi davano problemi in quanto purtroppo ho scoperto che oltre alla stitichezza ho anche un prolasso rettale e il ferro per os mi peggiorava la motilità intestinale.
Sono un po' demoralizzata e impaurita perché ho 34 e vari problemi.
Spero di risolverli.
Grazie ancora

Quali argomenti vorresti approfondire su Medicitalia? Partecipa al sondaggio