Utente 115XXX
BUONGIORNO!
HO 38 ANNI E SETTIMANA SCORSA HO FATTO GLI ESAMI DEL SANGUE DOPO ANNI.
I VALORI SONO TUTTI NELLA NORMA TRANNE COLESTEROLO TOTALE 245 E TRIGLICERIDI 310.
HO UN ALIMENTAZIONE DI QUESTO TIPO:
COLAZIONE SOLO CAFFE
PRANZO: UNA PASTA CON CONDIMENTO LEGGERO E VERDURA (CAROTE, FAIOLINI, MELANZANE, CARCIOFI)
CENA: CARNE BIANCA O ROSSA, PESCE, BRESAOLA ALTERNATI NEL CORSO DELLA SETTIMANA ,CON UN CONTORNO.
DURANTE IL FINE SETTIMANA TUTTO E' MOLTO PIU' LASCIATO AL CASO...
IL PROBLEMA PENSO RISIEDA NEL FATTO CHE BEVO UN SACCO DI BIRRA, 1,5 AL GIORNO E ALMENO IL DOPPIO NEL WEEK-END...
NON BEVO SUPERALCOOLICI E RARAMENTE IL VINO.
FUMO CIRCA 15 SIGARETTE AL GIORNO.
FACCIO UN LAVORO ABBASTANZA ATTIVO, INSOMMA NON SOLO UFFICIO E COMPUTER.
CORRO ALMENO 2 VOLTE A SETTIMANA CIRCA 7 KM PER VOLTA, CON PUNTE DI 10 QUANDO MI SENTO IN FORMA!
BASTA MODERARE GLI ECCESSI CON UNA BUONA DIETA PER RIENTRARE NELLA NORMALITA'?
I MIEI VALORI SONO PREOCCUPANTI O SOLO SBALLATI?
GRAZIE PER L'ATTENZIONE!

[#1]  
Dr. Arduino Baraldi

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
12% attualità
20% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2006
Cominci a moderare gli eccessi sia di birra che alimentari; non basta avere un'alimentazione corretta durante la settimana, è importante che ci sia sempre anche nei week end, salvo qualche concessione , naturalmente. I suoi valori non sono preoccupanti ma necessitano di correzioni. Cominci a ridurre di molto le birre, il fumo, è poi sbagliato non fare colazione ( solo un caffè )poichè l'alimentazione dovrebbe basarsi su cinque pasti: colazione, spuntino mattinata, pranzo, spuntino pomeriggio, cena. Per quanto riguarda la frutta cerchi di privilegiare quella non particolarmente ricca in fruttosio, come uva, kaki, ananas ecc., in genere quella molto dolce, che và ad incidere sul valore dei trigliceridi. Và molto bene l'attività fisica che deve continuare a fare. In aggiunta agli esami già fatti si faccia anche prescrivere una elettroforesi delle lipoproteine, per avere un quadro più completo. Ne parli con il suo medico e con un dietologo
Un saluto

A. Baraldi