Utente
Buongiorno,
ho 36 anni ed è ormai un anno che avverto un forte dolore in zona basso ventre. si tratta di fitte molto forte che durano ultimamente sempre di più e sempre più a lungo. passano però a volte lunghi periodi (1 settimana - 10 giorni circa )tra una crisi ed altra.
ho la febbre che mi sale 37,6 massimo ... non è molto ma mi sento debole ed è molto fastidioso. in più da circa 3 mesi ho notato delle tracce di sangue nelle feci e piccole macchie di sangue sulla carta igienica.
ho fatto vari accertamenti e fino ora unica cosa che è risultata all'ecografia dell'abdome completa sono dei linfonodi reattivi nella zona pelvica. visita ginecologica è ok. pap-test fatto a febbrai negativo.
non so più cosa fare ho questi dolori che mi fanno stare veramente male.
cosa potrebbe essere?? che accertamenti dovrei fare???
grazie mille
miriam

[#1]  
Dr. Alessandro Scuotto

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
12% attualità
20% socialità
COMO (CO)
SARONNO (VA)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2007
Prenota una visita specialistica
Gentile signora,
alla luce della sintomatologia e dell'ecografia è indicata la visita specialistica gastroenterologica nella quale si potrà verificare l'opportunità della colonscopia.
Cordiali saluti.
Alessandro Scuotto, MD, PhD.

[#2] dopo  
Utente
Gentile dr. Alessandro Scuotto,
la ringrazio per la sua risposta. Ho prenotato la visita gastroenterologica purtroppo solo a gennaio 2012.
purtroppo i tempi di attesa sono questi... posso stare tranquilla ad aspettare gennaio oppure è meglio rivolgermi ad un centro privato per fare questa visita?? che cosa potrebbe essere? qualcosa di grave?
essendo molto pudica non avevo parlato con il medico di base del sangue nelle feci. l'ho fatto solo ora a distanza di un pò di mesi dal primo episodio...
Grazie mille
Cordiali saluti
Miriam
p.s tra tempo ho ritirato anche gli esiti per gli anticorpi anticlamidia che risultano negativi.

[#3]  
Dr. Alessandro Scuotto

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
12% attualità
20% socialità
COMO (CO)
SARONNO (VA)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2007
Gentile signora,
anche se non ci sono caratteri che impongano urgenza per la visita e per la eventuale colonscopia, le consiglio di parlare in dettaglio con il suo medico curante per verificare la possibilità di accorciare i tempi.
Intanto è utile che lei - se il suo medico è d'accordo - pratichi alcuni esami di laboratorio (emocromo e sideremia) per valutare l'entità della perdita di sangue prolungata nel tempo e l'opportunità di terapia su questo versante.
Cordiali saluti.
Alessandro Scuotto, MD, PhD.

[#4]  
Dr. Roberto Rossi

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
16% attualità
16% socialità
CHIERI (TO)
RACCONIGI (CN)
TORINO (TO)

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2011
Gentile signora le notizie che fornisce non consentono di fare delle ipotesi fondate. Il problema potrebbe essere una Sindrome da colon irritabile. Certamente è però indispensabile una visita gastroenterologica che come già detto dal Collega potrà consigliarla circa l'opportunità di eseguire qualche approfondimento diagnostico.
Dr. Roberto Rossi

[#5] dopo  
Utente
Grazie mille!!
Cordiali saluti
Miriam

[#6] dopo  
Utente
Buonasera,
ho anticipato la visita gastroenterologica a metta di dicembre.
tra tempo ho fatto degli esami di sangue che riporto :

esame emocromocitometrico (sistema sixmex - TOA XE-2100)
leucociti (wbc) 4,54x1000/ul
eritrociti (RBC) 4,21 milioni/ul
emoglobina (Hb) 12,7 g/dl
ematocrito (Hc) 38,3%
volume globulare medio (MCV) 91,0 fl
contenuto HB medio(MCH) 30,2
concentraz. HB media (MCHC)33,2 gr/dl
RDW (distribuz.volumi RBC) 13 CV%
piastrine (PLT) 199 x 1000/ul

Formula leucocitaria procentuale
neutrofili 48,9%
linfociti 41%
monociti 7,9%
eosinofili 2,0 %
basofili 0,2 %

Valori assoluti
neutrofili 2,22 x 1000/ul
linfociti 1,86 x 1000/ul
monociti 0,36 x 1000/ul
eosinofili 0,09 x 1000/ul
basofili 0,01 x 1000/ul

A.S.L.O 367 u.i/ml

ultimamente ho anche un forte mal di testa. Può essere un collegamento tra il dolore in basso ventre e il mal di testa?
grazie mille
Cordiali saluti

[#7]  
Dr. Roberto Rossi

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
16% attualità
16% socialità
CHIERI (TO)
RACCONIGI (CN)
TORINO (TO)

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2011
Francamente non saprei rispondere, certamente problemi dispeptici potrebbero incidere sulla cefalgia. Però solo una visita che valuterà le caratteristiche dei vari problemi saprà dare risposte più giuste.
Dr. Roberto Rossi

[#8]  
Dr. Alessandro Scuotto

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
12% attualità
20% socialità
COMO (CO)
SARONNO (VA)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2007
Gentile signora,
gli esami di laboratorio riferiti indicano che NON vi sono elementi di urgenza: la perdita di sangue protratta nel tempo NON è stata di entità tale da determinare squilibri (anemia). Il quadro sarebbe stato più completo con il rilievo della sideremia. NON sono inoltre presenti elementi che facciano pensare a situazioni infettive acute in atto e ciò è rassicurante. Il valore lievemente elevato della ASLO può essere posto in relazione con una infezione da streptococco del passato e attualmente NON attiva (il medico curante la consiglierà in modo opportuno).
La cefalea è un sintomo aspecifico e la sua relazione con gli altri aspetti può essere correttamente inquadrata soltanto con la visita clinica; se vi fosse una relazione con i dolori pelvici, questa potrebbe avere molte giustificazioni, non ultima lo stress psichico indotto dalla condizione.
In attesa della visita specialistica l'uso di antispastici e/o antidolorifici per mitigare la sintomatologia dolorosa dovrà essere deciso dal suo medico curante.
Cordiali saluti.
Alessandro Scuotto, MD, PhD.