Utente
Salve signori dottori racconto un po la mia storia clinica. Sono un ragazzo di 19 anni è iniziato tutto tempo fa che avevo spesso episodi di diarrea prenoto una vista dal gastroenterologo che mi fa eseguire alcuni esami: test per l'intolleranza al lattosio, esami del sangue ed ecografia all addome i risultati sono stati intolleranza al lattosio positiva ecografia apposto il medico disse solo un po il fegato gonfio e la bile densa ma niente di preoccupante e infine le analisi del sangue per le infezioni ecc erano tutte buone ah feci anche un esame delle feci risultato nella norma. tornando dal medico mi fa eliminare tutti gli alimenti contenenti lattosio e mi da una cura con normix fatta la cura sintomi un po tamponati poi sono ritornati i sintomi piu aggressivi di prima cambio gastroenterologo e lui mi dice che soffro di colon irritabile sindrome dell intestino irritabile e mi da una cura gli dissi amche che avevo rigurgiti e mi da una cura per la diarrea e una cura per il reflusso prendevo circa 11 pillole al giorno ma non erano antibiotici devo dire che al fine della cura non ho avuto piu problemi di diarrea sono ritornato a defecare normalmente pero il rigurgito non mi e passato lasciando trascurare un po la cosa credevo passasse ma invece non e stato cosi faccio sempre rutti a stomaco pieno e vuoto e avvolte bruciori di stomaco e bocca amare specialmente se dormo il pomeriggio al risveglio sono tutto scombussolato. l altro giorno ho avuto un episodio di vomito chiamando la guardia medica il medico ha detto che era l influenza che stava girando perche ho avuto un po di febbre tremavo finchè non ho vomitato ma sara per l influenza?? premetto che sono un tipo ansioso al quanto pare cosi mi dicono i medici ora domani ho nuovamente un altra visita col gastroenterologo volevo chiederli lei cosa ne pensa di questo? prima diarrea ora bruciori ed eruttazioni continue? il gastroenterologo mi ha sconsigliato di fare una gastroscopia perche dice che non e il caso lei cosa ne pensa? potrebbe essere un ernia iatale o peggio mi preoccupo di questo o puo essere qualche infezione non diagnosticata? non capisco poi perche prima problemi di intestino diarrea e ora di stomaco non comprendo per niente questo volevo dirle siccome ho notato dei punti rossi sul glande che vanno e vengono da cosa dipende? puo essere qualche infezzione ?? nell attesa di risposta ringrazio tutto lo staf forse non sono stato abbastanza comprensivo facendo un po di confusione ma sto un po in ansia per questi problemi che mi perseguitano ormai da tempo e ho paura

[#1]  
Dr. Felice Cosentino

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
REGGIO DI CALABRIA (RC)
ROMA (RM)
CINQUEFRONDI (RC)
CROTONE (KR)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2008
Prenota una visita specialistica


<<ora domani ho nuovamente un altra visita col gastroenterologo volevo chiederli lei cosa ne pensa di questo? prima diarrea ora bruciori ed eruttazioni continue? <<

Gentilissimo,

credo sia utile attendere la visita del gastroenterologo domani in quanto la varietà dei disturbi descritti non ci consente di sintetizzare e fare una diagnosi on line. I sintomi, a parte l'intolleranza al alttosio, potrebbero essere attribuiti anche ad una sindrome dell'intestino irritabile con risentimento gastrico.

Ci aggiorni sull'esito della visita di domani


Cordialmente
Dr Felice Cosentino, Gastroenterologo/Endoscopista - Milano (Clinica La Madonnina), Roma, Calabria (Crotone,Reggio)
www.endoscopiadigestiva.it

[#2] dopo  
Utente
dottore sono andato alla visita ho spiegato i sintomi e il dottore mi ha detto mi ha spiegato diciamo il funzionamento dello stomaco dicendomi che tra l esofago e lo stomaco c'e una valvola di chiusura che tiene i succhi gastrici nello stomaco quando questa valvola non si richiude piu perfettamente ci porta a i sintomi che gli ho descitto ce rutti con bruciore di stomaco ecc e mi ha detto che questo puo essere causato da tre disturbi uno e il reflusso gastroesofageo l altro un ernia iatale e un alta cosa che ora non ricordo e mi ha detto noi possiamo andare a curare il disturbo con un farmaco ma mi ha detto che questo va preso anche al momento del bisogno c'è mi ha detto che devo gestirlo io come piu mi occore allora mi ha dato una cura di peridon per un mese e poi pantorc per 3 4 mesi e vedere come va laq situazione poi io gli ho fatto alcune domande dicendogli ma siccome non sappiamo la causas giusta di questo disturbo il patorc cura un eventuale ernia iatale o reflusse ecc?? e mi ha risposto di si che per tutte e tre le cose che mi ha elencato si curano col pantorc ora gli e lo domando a lei si curano tutte col pantorc?? lui ha esluso di fare una gastroscopia ma ripensandoci non sarebbe utile sapere sicuro di cosa soffro? sai queste diagnosi a "occhio" diciamo vanno bene? non so lei cosa ne pensa? sono un po preoccupato e indeciso forse a fare una gastroscopia mi consiglia la prego mi faccia sapere la ringrazio

[#3]  
Dr. Felice Cosentino

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
REGGIO DI CALABRIA (RC)
ROMA (RM)
CINQUEFRONDI (RC)
CROTONE (KR)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2008
Gentilissimo,

il reflusso gastroesofageo viene controllato con i farmaci antisecretivi (come il pantoprazolo prescritto) e, per favorire lo svuotamento gastrico (qualora ci fosse necessità come nel suo caso), viene prescritto un procinetico (il domperidone). Continui con la terapia per 45 giorni e poi provi a sospendere. La gastroscopia nel suo caso non ha alcuna necessità. Mi creda.


Cordiali saluti

Dr Felice Cosentino, Gastroenterologo/Endoscopista - Milano (Clinica La Madonnina), Roma, Calabria (Crotone,Reggio)
www.endoscopiadigestiva.it

[#4] dopo  
Utente
Dottore ho iniziato la cura col pantorc sto meglio e da pochi giorni che la sto facendo ma i rutti non sono cessati del tutto nel senso che faccio parecchi rutti durante la giornata pero non sono mai acidi..e normale che gli continuo a fare? e gli continuero a fare sempre?? o ancora la cura deve fare il suo effetto? la rigrazio per l'eventuale risposta.

[#5]  
Dr. Felice Cosentino

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
REGGIO DI CALABRIA (RC)
ROMA (RM)
CINQUEFRONDI (RC)
CROTONE (KR)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2008
Oltre al pantoprazolo potrebbe essere utile un farmaco procinetico (domperidone, levosulpiride).

Saluti

Dr Felice Cosentino, Gastroenterologo/Endoscopista - Milano (Clinica La Madonnina), Roma, Calabria (Crotone,Reggio)
www.endoscopiadigestiva.it

[#6] dopo  
Utente
Dottore mi scusi sto continuando la cura stasera stesso ora che le sto scrivendo avverto un malore premetto che oggi ho mangiato abbastanza specialmente staseraa ho mangito verso le 9 e 30 da circa una mezzora ora sento un senso di pesantezza allo stomaco e mi e partito di nuovo il tremore che le ho descritto sopara quando le dissi che vomitai ora sono andato in bagno con la speranza che defecando mi sentissi piu leggero mi sono sforzato e ho defecato il tremore e diminuito come anche il senso di pesantezza pienezza ma non e passato del tutto...ora mi chiedo perche mi e venuto questo ho mangiato troppo puo darsi ma mi chiedo ma perche devo mangiare sempre poco?? questo sintomo e correlato al fatto del reflusso gastroesofageo o ernia iatale quello che sia?? o ci puo essere qualcosaltro di grave sotto? qualcosa che occupa spazio nello stomaco ce ho paura vivamente di avere qualcosa di brutto ci penso perche dico perche questi sintomi? avvolte mi capita anche che mangiando non ce la faccio piu mi sento pienissimo ma secondo me non e normale questo...La prego dottore mi aiuti

[#7]  
Dr. Felice Cosentino

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
REGGIO DI CALABRIA (RC)
ROMA (RM)
CINQUEFRONDI (RC)
CROTONE (KR)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2008


>> ci puo essere qualcosaltro di grave sotto? qualcosa che occupa spazio nello stomaco ce ho paura vivamente di avere qualcosa di brutto <<

Fino a quando teme di avere un brutto male non c'è medicina che possa aiutarlo. Deve elimare tale paura altrimenti non ne esce.


Saluti


Dr Felice Cosentino, Gastroenterologo/Endoscopista - Milano (Clinica La Madonnina), Roma, Calabria (Crotone,Reggio)
www.endoscopiadigestiva.it

[#8] dopo  
Utente
Dottore le scrivo per notificarle alcune cose e come sta andando la cura col pantorc lo sto ancora prendendo tutti i giorni i rutti non sono cessati ma non sono acidi solo in alcuni casi pero le volevo dire una cosa ho provato dopo tantissimo tempo a bere mezzo bicchiere di birra ho notato che appena e scesa giu nello stomaco ho avvertito un senso di bruciore premetto che e da tantissimo che non bevo alcolici ma mi chiedo estrano che mezzo bicchiere di birra ad ogni sorso faccia bruciare lo stomaco cosi..stavo pensando potrebbe trattarsi di gastrite? o ci puo essere qualche ulceretta? non so perche so che appena sospendero la cura i bruciori torneranno..perche il pantorc resta solo un farmaco che diminuisce l acidita mi tampona solo il problema in pratica ho deciso che voglio fare una gastroscopia per vedere davvero cosa c'è nello stomaco lei cosa ne pensa? la ringrazio

[#9]  
Dr. Felice Cosentino

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
REGGIO DI CALABRIA (RC)
ROMA (RM)
CINQUEFRONDI (RC)
CROTONE (KR)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2008
Probabilmente c'e' un'infiammazione gastrica (= gastrite) ed e' per questo che l'alcol determina il sintomo. Il farmaco e' utile per ridurre lo stato infiammatorio della mucosa riducendo l'acido.



Dr Felice Cosentino, Gastroenterologo/Endoscopista - Milano (Clinica La Madonnina), Roma, Calabria (Crotone,Reggio)
www.endoscopiadigestiva.it

[#10] dopo  
Utente
Quindi è opportuno fare una gastroscopia giusto? inoltre curando un eventuale gastrite potrebbe anche regredire l intolleranza al lattosio? ce puo dipendere dalla gastrite?

[#11]  
Dr. Felice Cosentino

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
REGGIO DI CALABRIA (RC)
ROMA (RM)
CINQUEFRONDI (RC)
CROTONE (KR)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2008
La gastroscopia alla sua età e per i suoi disturbi non è indispensabile e l'intolleranza al lattosio è determinata dalla mancanza (o riduzione) di un enzima (lattasi) e non c'è alcun rapporto con la gastrite.



Dr Felice Cosentino, Gastroenterologo/Endoscopista - Milano (Clinica La Madonnina), Roma, Calabria (Crotone,Reggio)
www.endoscopiadigestiva.it

[#12] dopo  
Utente
Dottore e quindi cosa dovrei fare??

[#13]  
Dr. Felice Cosentino

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
REGGIO DI CALABRIA (RC)
ROMA (RM)
CINQUEFRONDI (RC)
CROTONE (KR)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2008
Dovrebbe procedere con la terapia antisecretiva con la dose idonea e per il tempo necessario per eliminare il disturbo. Ovviamente sotto la guida del suo medico o del gastroenterologo.

Dr Felice Cosentino, Gastroenterologo/Endoscopista - Milano (Clinica La Madonnina), Roma, Calabria (Crotone,Reggio)
www.endoscopiadigestiva.it