Utente
Buongiorno,
soffro da circa un anno di dolori in epigastrio. Ho iniziato con dolori, crampi e "rumore" gastrico solo la mattina, ma ora si sta estendendo anche al pomeriggio e alla sera. Quando questo fastidio è più evidente sembra spostarsi anche alla schiena, circa alla stessa altezza. Il periodo della giornata più critico rimane comunque dal mattino sino al pasto del pranzo; se rimango per molto tempo seduto senza alzarmi (mi capita in università), i crampi ed i rumori si fanno sempre più intensi.
Ho eseguito i seguenti esami: EGDS, ecografia degli organi sovramesocolici, test Helicobacter, esami del sangue. Tutti nella norma ad esclusione di emoglobina, ematocrito e bilirubina alta. Ma sono valori che ho sempre avuto alti.
Gli altri esami erano perfetti.

Ho eseguito diverse terapie farmacologiche con antiacidi, inibitori di pompa, prodotti per reflusso e per gastrite/duodenite (limpidex 15 mg).
L'ultimo farmaco consigliato dal gastroenterologo, dopo l'ECDS negativa, è stato Debridat, nessun effetto dopo 5 gg e sconsigliato comunque dal mio medico di famiglia poichè mi aveva già prescritto un farmaco simile tempo prima senza alcun effetto.

Le ultime parole del medico, dopo aver letto il referto della EGDS sono state che non ho nulla, potrebbe trattarsi di sintomi legati a "nervosismo" e di colon irritabile, e che quindi non c'è più nulla da fare.

Mi sembra però strano, anche in piena estate, lontano da impegni soffro di questo fastidio; ormai ho accettato la convivenza con questi dolori e crampi che si fanno sempre più frequenti ed intermittenti.. chiedo il vostro parere ed un consiglio su qualche farmaco che possa per lo meno alleviare i sintomi "rumorosi".
Farmaci come Buscopan non hanno effetto, così come il consumo continuo di alimenti.

Grazie mille per aver letto queste righe.

[#1]  
Dr. Francesco Quatraro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
16% attualità
20% socialità
ACQUAVIVA DELLE FONTI (BA)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2012
Gentile utente,
la sua espressione ...
"Le ultime parole del medico, dopo aver letto il referto della EGDS sono state che non ho nulla, potrebbe trattarsi di sintomi legati a "nervosismo" e di colon irritabile, e che quindi non c'è più nulla da fare. "...
è angosciante!

Io penso che qualcosa "si debba e si possa fare".

Lei descrive dei borborigmi (lei li chiama "rumori") che, tanto per cominciare le consiglio di trattare con del simeticone e fermenti lattici magari per tre settimane.

Si faccia coraggio, ad una cosa sola non v'è rimedio!

Cordialità ed auguri per i suoi studi.
Responsabile U.O. di Endoscopia Digestiva Osp. MIULLI
www.enterologia.it
www.transnasale.it

[#2] dopo  
Utente
La ringrazio per la celere risposta!!
Sinceramente ci sono rimasto un po' male anche io della "sentenza" del medico, ma trattandosi della sindrome da colon irritabile, penso che un po' di ragione ce l'abbia.
Dopo aver effettuato pure una EGDS, inutile, ho perso pure io la speranza che bastasse una compressa per concludere il tutto.

La ringrazio per il consiglio del simeticone, sicuramente mi gioverà anche per il sintomo di flatulenza che ho dimenticato di citare sopra, che comunque ultimamente è nettamente migliorato.

Il dolore epigastrico, e alla schiena, può essere un dolore riferito, oltre che agli organi addominali, a regioni corporee sofradiaframmatiche? (permetta la battuta: studiare medicina fa male quando si ha anche un minimo sintomo).

Ancora grazie!

[#3]  
Dr. Francesco Quatraro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
16% attualità
20% socialità
ACQUAVIVA DELLE FONTI (BA)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2012
I sintomi che descrive nel suo ultimo post meritano una riflessione.

Oltre al colon irritabile deve considerare la possibilità di una Malattia da Reflusso gastroesofageo!

Studi pure medicina senza farsi condizionare troppo, l'aiuterà a diventare medico "al meglio"!

Auguroni.
Responsabile U.O. di Endoscopia Digestiva Osp. MIULLI
www.enterologia.it
www.transnasale.it

[#4] dopo  
Utente
La malattia da reflusso gastroesofageo non sarebbe evidenziabile con una EGDS? Esofago, stomaco e duodeno sono perfetti.

Grazie.

[#5]  
Dr. Francesco Quatraro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
16% attualità
20% socialità
ACQUAVIVA DELLE FONTI (BA)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2012
L'attività cardiale, a meno di manifesta incontinenza, a volte, può non essere adeguamente verificabile in corso di EGDScopia!
Responsabile U.O. di Endoscopia Digestiva Osp. MIULLI
www.enterologia.it
www.transnasale.it

[#6] dopo  
Utente
Grazie dr.Quatraro per i consigli e per la sua disponibilità!

[#7]  
Dr. Francesco Quatraro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
16% attualità
20% socialità
ACQUAVIVA DELLE FONTI (BA)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2012
Di nulla, ancora auguri!
Responsabile U.O. di Endoscopia Digestiva Osp. MIULLI
www.enterologia.it
www.transnasale.it