Utente
Gentili dottori,
soffro di una piccola ernia jatale da scivolamento e gastrite da parecchi anni,e che non passa mai.HP negativo.Non ho però reflusso patologico documentato dalla ph-impedenziometria.Da circa un paio di settimane si sono molto riacutizzati i sintomi,che penso siano della gastrite a questo punto:bocca cattiva e acida,lingua bianca e impastata,inappetenza,sensazione di buco,di vuoto allo stomaco,tipo una morsa,dolore e bruciore.Da sabato ho iniziato col Lansox 30,1 cp al mattino a digiuno,prima dei pasti sempre Valpinax cp,e dopo i pasti Gaviscon Advance,1 cucchiaio.
Nonostante la cura la situazione non migliora,e i sintomi sono sempre più invalidanti...mi chiedo,è possibile che con tutte queste medicine lo stomaco non si calmi?E'possibile che ci sia una componente psicosomatica che amplifica il problema?
Grazie per l'attenzione,
Distinti saluti.
Grazie e scusi ancora del disturbo.

[#1]  
Dr. Francesco Quatraro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
16% attualità
20% socialità
ACQUAVIVA DELLE FONTI (BA)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2012
Gentile utente,
la componente ansiosa ha sicuramente la sua influenza,
ma l'ernia iatale credo sia per lei un dato acquisito.

Credo che l'uso di procinetici vada affiancato alla terapia antiacida oltre a norme antireflusso.

Saluti
Responsabile U.O. di Endoscopia Digestiva Osp. MIULLI
www.enterologia.it
www.transnasale.it

[#2] dopo  
Utente
Grazie mille dottore.
Quindi l'ernia jatale può dare sintomi anche senza reflusso?
Forse non sono stata chiara,ma la mia ph impedenziometria è negativa,non ho un reflusso patologico.Non sono sintomi della gastrite questi?
Mi scusi ma sono un pò confusa.
I procinetici li avevo usati in passato con scarsi risultati.
Saluti.

[#3]  
Dr. Francesco Quatraro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
16% attualità
20% socialità
ACQUAVIVA DELLE FONTI (BA)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2012
Esatto, l'ernia può dare ugualmente sintomi,
anche soltanto legati al dato anatomico,
ovvero alla presenza di una parte di stomaco erniato in torace.

In un consulto di qualche anno fa lei aveva dichiarato, per lo stesso problema di avere
<<un pò di reflusso specialmente quando mi piego in avanti o mi sdraio su un fianco,>>
che dovrebbe corrispondere al
<<dolore e bruciore>> di oggi.

Inoltre la
<<gastrite da parecchi anni,e che non passa mai>>
non può rifarsi ad esami endoscopici di anni fa che tra l'altro descrivevano una mucosa gastrica
<<modicamente iperemica>>.

Pertanto credo che l'ernia le crei parte dei fastidi che riferisce,
molto probabilmente commisti a quelli che possono essere fattori ansiogeni.

Cordialmente
Responsabile U.O. di Endoscopia Digestiva Osp. MIULLI
www.enterologia.it
www.transnasale.it

[#4] dopo  
Utente
Gentile dottor Quatraro,dall'ultimo consulto da me richiesto sono passati 7/8 anni circa.Dopo quel referto endoscopico,cambiai gastroenterologo e ho ripetuto altre 4 gastroscopie,tutte con lo identico esito: piccola ernia jatale da scivolamento non complicata da esofagite.Mucosa iperemica ed edematosa.Numerose formazioni polipoidi sessili,bioptizzati e HP negativo.Ho fatto una ph impedenziometria delle 24 ore che ha riferito un reflusso nella norma e non patologico,probabile disturbo funzionale.
Il mio sintomo più fastidioso è una sensazione di vuoto allo stomaco,come un buco,un languore intenso che non passa col mangiare,e quando aumenta diventa una morsa che stringe.Poi ho sempre la lingua bianca patinata,bocca acida e impastata,"cotta",come anestetizzata e inappetenza.Sto prendendo Lansox 30 a digiuno al mattino,Levopraid prima dei pasti,ora non so più davvero cosa prendere...

[#5]  
Dr. Francesco Quatraro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
16% attualità
20% socialità
ACQUAVIVA DELLE FONTI (BA)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2012
Gentile utente,
L'ernia iatale è di per se condizione favorente il reflusso, e lei lamenta bruciori.

Come saprà la lingua bianca è una condizione abbastanza diffusa in cui si trova la lingua quando è totalmente o parzialmente ricoperta, appunto, da una patina bianca (muco).

Oltre a ricerche colturali per escludere cause come il mughetto e patologie varie (epatiche e/o intestinali), le vorrei proporre un valido schema con alcune motivazioni su cui poter riflettere:

- Alimentazione: un’alimentazione ricca di grassi e colesterolo (farinacei, latticini, formaggi) o di zuccheri favorisce la creazione di squilibri della flora batterica e, di conseguenza, la proliferazione di muco, che si deposita sulla lingua. Al contrario, anche una dieta restrittiva può essere causa di lingua bianca perché congestiona la digestione, con conseguente ristagno di muco nell’apparato digerente (e quindi anche sulla lingua).

- Secchezza del cavo orale: se lo strato mucoso che riveste le pareti del cavo orale è scarso, il cavo orale diventerà secco, provocando lo sfaldamento delle cellule da cui è composto. I residui di cellule morte prodotte si depositano sulla lingua, formando uno strato di patina bianca. La secchezza del cavo orale può essere causata da assunzione di particolari farmaci, da scarsa idratazione e dall’abitudine di respirare con la bocca aperta.

- Stress: in condizioni di stress le ghiandole surrenali producono livelli più alti di adrenalina. L’aumento dell’adrenalina produce modifiche nella composizione del sudore e della saliva, favorendo la produzione della patina bianca.

Cordialmente
Responsabile U.O. di Endoscopia Digestiva Osp. MIULLI
www.enterologia.it
www.transnasale.it

[#6] dopo  
Utente
Una domanda ai dottori presenti nel gruppo: il sintomo principale che mi assilla continuamente ed è sempre presente è una sensazione fastidiosissima di languore allo stomaco,come una"falsa fame",una specie di buco,di vuoto che poi si trasforma in crampi dolorosi tipo una morsa che mi stringe,accompagnati da brontolii allo stomaco,come se fossero crampi di fame ma non passano col cibo,a volte li attenua soltanto un pò,ma anche dopo un pò di tempo da un pasto ricominciano.Sto prendendo per questo problema Valpinax 20 cp,una prima dei pasti principali.Da circa 10 giorni ho lasciato il Lansox 30 cp,ne prendevo una la mattina a digiuno,l'ho preso per diverse settimane..come l'ho sospeso,zac,ecco riafforare questi fastidiosissimi sintomi,accompagnati da inappetenza e bocca velenosa con lingua bianca SEMPRE!Ora la domanda è questa: se io non soffro di MRGE,ma soltanto di una gastrite cronica e una piccola ernia jatale,come può darmi giovamento il Lansox??Altra domandina:sono costretta a prendere il Lansox sempre,tutti i giorni dell'anno,dato che come lo sospendo ritornano questi sintomi??Premetto che sto seguendo un'alimentazione sana,stile di vita sano e attività fisica regolare...grazie mille:)

[#7]  
Dr. Francesco Quatraro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
16% attualità
20% socialità
ACQUAVIVA DELLE FONTI (BA)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2012
Le rispondo che il Lansoprazolo fa una una sola cosa: riduce l'acidità gastrica,
con l'improvvisa sospensione si ha l'effetto "rebound", ovvero un picco acido cha fa star male il pazientespecie se soffre di MRGE
(anche se lei dice di avere riscontro di Ernia iatale ma non di reflusso acidi all'esame phmetrico).

Il fattore ansiogeno ed alcune abitudini di vita e/o alimentari possono complicare la situazione.

Ad esempio respirando con la bocca aperta (ad es. durante il sonno) si determina il fattore della bocca asciutta ed impastata, effetto che poi si riduce non appena si ripristina la salivazione.
Anche l'uso di farmaci potrebbero determinare una riduzione della salivazione.
Anche l'ansia e lo stress possono determinare una riduzione della salivazione.
Altri elementi che possono entrare in gioco sono una alimentazione non corretta a base prevalente di grassi e zuccheri e con minor apporto di frutta verdura e liquidi.

Le consiglio di affidarsi ad un buon gastroenterologo, potrà giovarsene.

Saluti
Responsabile U.O. di Endoscopia Digestiva Osp. MIULLI
www.enterologia.it
www.transnasale.it