Utente 146XXX
Salve,
qualche settimana fa, a cena, mangiai 3 fette di pollo e poco dopo cominciai ad avere crampi allo stomacoe flatulenza maleodorante. Mi era già capititato altre volte in passato (anche a mio nonno succedeva la stessa cosa col pollo), ma nel giro di qualche ora tutto passava. Questa volta però i sintomi sono durati una settimana intera, fino a che la situazione è rientrata da sola, senza cure.
Qualche giorno fa ho fatto un test delle intolleranze alimentari (dicitura corretta: "Ricerca anticorpi IgG eseguita con Self test E.L.I.S.A. su sangue capillare") da una nutrizionista, a seguito di offerta a prezzo stracciato su Groupon. Ebbene, da questo test è risultato "Intolleranza elevata" (valore +3 su range da 0 a +3) per i seguenti alimenti:
- Formaggi fusi;
- Burro;
- Ricotta;
- Latte vaccino;
- Yogurt;
- Pollo.
Premesso che sono sottopeso (peso 64 kg) e che faccio palestra da qualche mese, la stessa nutrizionista mi ha dato un piano alimentare da seguire "ipercalorico" per aumentare la massa grassa e muscolare, dicendo di fregarmene dell'intolleranza al momento, perchè l'obbiettivo è per ora quello di aumentare il mio peso e il pollo e i latticini mi servono e che raggiunto l'obbietivo (aumentare di 5 kg il mio peso) mi cambierebbe il piano alimentare escludendo per 90 gg gli alimenti a cui sono risultato intollerante per poi reintrodurli (poichè, mi ha riferito, il corpo se ne disintossica dopo 90gg ed è possibile reintrodurli).
Non nego che a pelle questa nutrizionista mi sembra abbastanza inesperta e non mi ispira profonda fiducia, vi chiedo:
1) E' vero che dopo 90 giorni dall'esclusione degli alimenti a cui si è intolleranti, è possibile riprendere a mangiarli come se niente fosse, poichè l'organismo se ne disintossica? (Pensavo, ignorantemente, che l'intolleranza fosse a vita e che quindi i cibi a cui si è intolleranti andassero eliminati per sempre ...).
2) Io adoro il pollo e i latticini in genere, mangio soprattutto questi alimenti... se continuassi a mangiarli provocherei grossi danni al mio organismo (intestino e non solo) o si tratta di intolleranze blande che danno al massimo qualche maldipancia ogni tanto?
Grazie anticipatamente per l'attenzione.
Saluti

[#1] dopo  
Dr. Francesco Quatraro

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
12% attualità
20% socialità
ACQUAVIVA DELLE FONTI (BA)

Rank MI+ 84
Iscritto dal 2012
Non esiste l'intolleranza al pollo ma al glutine ed al lattosio,
vanno verificate con opportuni tests.
Spero poi che il suo nutrizionista sia un medico, è così?

Cordialmente
Responsabile U.O. di Endoscopia Digestiva Osp. MIULLI
www.enterologia.it
www.transnasale.it

[#2] dopo  
Dr. Felice Cosentino

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
VIBO VALENTIA (VV)
CINQUEFRONDI (RC)
REGGIO DI CALABRIA (RC)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2008
Gentilissimo, ci sono solo due intolleranze riconosciute dalla medicina convenzionale: lattosio e glutine. Sul resto vi è molta incertezza.

Cordialmente
Primario di Gastroenterologia ed Endoscopia, Osp. San Giuseppe - Milano
Centro di COLONSCOPIA ROBOTICA
www.endoscopiadigestiva.it