Utente
Salve, vorrei chiedere, pur sapendo che non c'è un riconoscimento scientifico ufficiale, quale test mi consigliereste per verificare se ho delle intolleranze alimentari, quale ritenete più "attendibile". Sono piuttosto sicura di avere una qualche intolleranza ma non riesco ad individuare a che cosa. Ci sono giorni in cui sono gonfissima, e non è una sensazione: ho pancia e stomaco fuori del normale e a volte anche cosce e fianchi, tanto che sento i pantaloni stretti, giorno dopo magari scompare tutto. Inoltre comincio a sospettare che anche qualche forte mal di testa (che prima imputavo solo a problemi di cervicale) dipendano da un'intolleranza, poiché a volte concomitanti con il gonfiore. Inizialmente credevo fossero i latticini ma mi succede anche quando non ne mangio...non so, vorrei almeno provare a capire a cosa potrei essere intollerante, come posso farlo? Grazie, saluti

[#1]  
Dr. Francesco Quatraro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
4% attualità
20% socialità
ACQUAVIVA DELLE FONTI (BA)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2012
Per il Lattosio il test ufficialmente validato è il Breath Test (test del respiro),
per la celiachia si effettuano dei riscontri ematici: AGA-EMA-AtTG.

Cordialmente
Responsabile U.O. di Endoscopia Digestiva Osp. MIULLI
www.enterologia.it
www.transnasale.it

[#2] dopo  
Utente
Grazie dottore...ieri ci ho pensato un po' su cercando di analizzare i cambiamenti recenti (sono in Svizzera da tre mesi) e mi è venuto in mente che un grande cambio è stato il non mangiare quasi più pasta ma soprattutto sostituirla con pane sempre, a pranzo e cena. Quindi ho dedotto che potrebbe essere il lievito? Anche in Italia mangiavo pane ma solo un paio di fette a cena, una quantità che forse riuscivo a tollerare...in effetti qualche sera fa, dopo un pizza, ho avuto anche forti coliche, l'ho imputato alla mozzarella, ma comincio a cambiare idea. Ad esempio ieri sera ho mangiato pasta e stamattina mi sento più energica e soprattutto anche le funzioni fisiologiche sono state più nella norma. Potrei chiederle cosa ne pensa e come mi consiglia di accertare?
Grazie di nuovo

[#3]  
Dr. Francesco Quatraro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
4% attualità
20% socialità
ACQUAVIVA DELLE FONTI (BA)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2012
Riterrei preliminare l'accertamento sul glutine.

Cordialità
Responsabile U.O. di Endoscopia Digestiva Osp. MIULLI
www.enterologia.it
www.transnasale.it

[#4] dopo  
Utente
Salve dottore,
credo di avere sbagliato test! Ho fatto il test per le intolleranze ma non avevo capito che si trattasse di alimenti, quindi ho la lista di un centinaio di alimenti ma non glutine, lattosio o nichel.
In ogni caso, non ho alcuna intolleranza seria: ho un fattore di intolleranza 1 (tra cui il grano) a vari alimenti e 2 solo al sedano. Questo può bastare a capire se è necessario fare anche il test per glutine o altro?
Vorrei aggiungere che ho notato che da un giorno all'altro il mio peso varia non di 1 o 2 kg, che potrebbe essere fisiologico, ma addirittura anche di 4,5 kg! E infatti da un giorno all'altro i vestiti mi stanno bene-larghi-stretti.
Inoltre, mi capita che venga fuori una grande chiazza rossa alla base del collo e decolletè, con prurito e bruciore...mi è successo 4-5 volte e sempre d'estate, quindi ho pensato fosse il sole...e in effetti stavolta è successo in un periodo molto caldo, ma mi l'ho notato di più perché era più grande e vistosa del solito e inoltre non sono una che prende il sole, affatto. Non so se potrebbe essere pericoloso e come accertare le cause sia del gonfiore eccessivo che di questa chiazza...
Grazie, saluti.

[#5]  
Dr. Francesco Quatraro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
4% attualità
20% socialità
ACQUAVIVA DELLE FONTI (BA)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2012
La dermopatia descritta va osservata direttamente per potersi esprimere correttamente a riguardo.

Purtroppo i tests da lei eseguiti non consentono di poter escludere, o al contrario sospettare, la Celiachia, o l'intolleranza al lattosio;
occorre pertanto effettuarei corretti tests.

Prego
Responsabile U.O. di Endoscopia Digestiva Osp. MIULLI
www.enterologia.it
www.transnasale.it

[#6] dopo  
Utente
D'accordo, volevo aggiungere solo una cosa, magari non c'entra nulla ma ho notato che tutti gli alimenti a cui risulto intollerante (anche se lievemente) sono quelli sconsigliati in una dieta per chi è intollerante al nichel...

[#7]  
Dr. Francesco Quatraro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
4% attualità
20% socialità
ACQUAVIVA DELLE FONTI (BA)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2012
Per questo tipo di constatazione varrebbe la pena di approfondire in ambito immuno-allergologico.
Responsabile U.O. di Endoscopia Digestiva Osp. MIULLI
www.enterologia.it
www.transnasale.it

[#8] dopo  
Utente
Sono stata dal mio medico di famiglia ma mi ha consigliato di fare una prova (mi ha detto che con il patch test potrei anche non risultare allergica ed esserlo, poiché potrei avere l'intolleranza alimentare ma non da contatto), facendo una dieta povera di nichel per qualche mese, cosa ne pensa?
Soprattutto le chiedo se può chiarire due dubbi:
- FARINA: quale tipo di farina sarebbe opportuno evitare per evitare il nichel? Farina 00, di grano tenero, integrale...non ci ho capito molto, trovo informazioni molto contrastanti! In sostanza, pane e pasta di uso comune si possono consumare?
- Inoltre, per la colazione i CEREALI di riso, tipo Kellog's (non di mais) vanno bene? E i biscotti, visto che ho letto che sarebbe meglio evitare i lieviti in polvere ed i grassi vegetali, sono da eliminare? Cioè, praticamente a colazione cosa si potrebbe mangiare?

Grazie mille di nuovo.

[#9]  
Dr. Francesco Quatraro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
4% attualità
20% socialità
ACQUAVIVA DELLE FONTI (BA)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2012
Penso che sarebbe giusto farsi prima visitare dallo specialista competente.

Prego
Responsabile U.O. di Endoscopia Digestiva Osp. MIULLI
www.enterologia.it
www.transnasale.it

[#10] dopo  
Utente
Quindi un allergologo? Ok, grazie. I riscontri ematici che mi suggeriva per il glutine, AGA-EMA-AtTG, rilevano solo la celiachia vera e propria oppure anche l'intolleranza o la sensibilità al glutine? Grazie, farò una visita dall'allergologo.

[#11]  
Dr. Francesco Quatraro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
4% attualità
20% socialità
ACQUAVIVA DELLE FONTI (BA)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2012
L'intolleranza al glutine e la Celiachia sono due termini diversi di definire la stessa malattia.
Responsabile U.O. di Endoscopia Digestiva Osp. MIULLI
www.enterologia.it
www.transnasale.it

[#12] dopo  
Utente
Scusi ma non ho mai avuto questi problemi e ho molta confusione...cos'e' che e' diverso dalla celiachia, l'alldrgia, l sensibilita'? In ogni cazo i riscontri che mi suggeriva rilevano ogni problema con il glutine? E lo spec ialista e' un allergolovo...scusi ma, ripeto, nn ho mai avuto problemi di questo tipo.

[#13]  
Dr. Francesco Quatraro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
4% attualità
20% socialità
ACQUAVIVA DELLE FONTI (BA)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2012
Lo specialista per le intolleranze è preferibilmente il gastroenterologo,
mentre per le allergie è preferibilmentel'allergologo.

Le intolleranze note sono due: al lattosio ed al glutine.
Le allergie (lei non descrive sintomi allergici) sono altra cosa.

Inoltre lei nel consulto chiedeva
<<quale test mi consigliereste per verificare se ho delle intolleranze alimentari, quale ritenete più "attendibile". Sono piuttosto sicura di avere una qualche intolleranza>>

e la risposta,
che coincide anche per quanto chiede ora,
è già espressa in replica #1.
Responsabile U.O. di Endoscopia Digestiva Osp. MIULLI
www.enterologia.it
www.transnasale.it