Utente
Buongiorno a seguito di una colecistectomia, ho dei bruciori la notte allo stomaco che degludendo passano (a volte) altrimenti mi fanno alzare.
comunque il mio dottore mi ha prescrisse omeprazolo e di fare con calma gastroscopia, a settembre feci la gastroscopia, e dalle analisi risulto affetto da una gastrite cronica lieve, con reflusso.
il mio medico mi prescrisse omeprazolo da 20mg per 2 mesi.

adesso la situazione a distanza di 4 mesi sembra essere invariata i dolori la notte a volte ritornano.

facendo vedere ad un altro medico le analisi della gastroscopia mi ha consigliato di prendere:
Esomeprazolo da 40mg la mattina e Sucralafato dopo ogni pasto.

io vorrei sapere se adesso questa terapia sia corretta mi spiegato che non avevo la coliciste la bile tende a risalire (io mi sono molto fissato ma allora prima dell'intervento che non avevo questi dolori, era meglio non asportarla? avevo un calcolo di 3.6cm asintomatico)

vi allego la gastroscopia

esofago regola, in assenza di segni macroscopici di flogosi. Linea Z normoconformata.
cardias benate a 39cm dalle arcate dentarie. discreta quantità di bile da reflusso transpilorico presente a digiuno in cavità gastrica. diffusa iperemia della superficie mucosa anbtro-corpale, in assenza di lesioni focali: si eseguono biopsie multiple (e ricerca HP)
piloro pervio
Duodenopatia iperemica con edema bulbare
normale la seconda porzione duodenale.

conclusioni: Gastroduodenite: biopsie multiple gastriche.

grado dell'infiamazione 1
attività dell'infiamazione 1
(0=assente; 1=lieve/focale; 2=moderato; 3=severo)

conslusioni: gastrite cronica in fase di lieve attività

[#1]  
Dr. Marco Bacosi

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
20% attualità
20% socialità
POMEZIA (RM)
ROMA (RM)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2012
Gentile amco, i suoi disturbi sono dovuti al reflusso biliare che (normale dopo colecistectomia) non viene alleviato dagli inibitori della pompa protonica.
provi una terapia a base di procinetici e acido ursodesossicolico!
resto a sua disposizione!
Cordiali saluti!
MARCO BACOSI MD PhD
Spec. in Gastroenterologia ed Endoscopia Digestiva
Dott. di Ricerca in Fisiopatologia Chirurgica e Gastroenterologia

[#2]  
Dr. Andrea Favara

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MARIANO COMENSE (CO)
CANTU' (CO)
COMO (CO)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2002
Il suo calcolo non era asintomatico, lei, come ci ha scritto, ha avuto una colica nel 2007 e quindi l' indicazione ala colecistectomia era corretta.
Detto questo l' ipotesi del Dott. Bacosi è piu' che ragionevole e non posso che condividere le sue indicazioni.
Dottor Andrea Favara
http://www.andreafavara.it

[#3] dopo  
Utente
si esatto Dottore, ma dopo del 2007 non ho più avuto nessuna colica a parte delle sporadiche nause che non so se collegarla al calcolo, e comunque penso che prima poi avrei dovuto farla questo intervento.

la cura mi ha prescritto il medico Esomeprazolo da 40mg al di, la mattina per due settimane e sucralfato dopo i pasti

è corretta?

un altra cosa scusate ma il riflusso biliare è normale per la colecistectomia è quindi passerà, o è dovuto dalla gastrite cronica? e dovrò prendere queste bustine quasi sempre (detto dal medico)

cordialmente
Vittorio

[#4]  
Dr. Andrea Favara

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MARIANO COMENSE (CO)
CANTU' (CO)
COMO (CO)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2002
Certo.
No, come le ha scritto il Dottor Bacosi e come le confermo, dal nostro punti di vista la terapia corretta è quella indicata dal Dottor Bacosi che va prescritta da chi la segue personalmente.
Prego.
Dottor Andrea Favara
http://www.andreafavara.it

[#5] dopo  
Utente
si ok ma adesso il mio medico mi ha prescritto esomeprazolo+sucralfato, come faccio a dire che non è giusto.

ma una terapia a base di procinetici e acido ursodesossicolico, può farmi passare anche il dolore che ho comunque sul fiannco destro?

come si chiama il farmaco che ha questi principi?

cordialmente

[#6]  
Dr. Marco Bacosi

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
20% attualità
20% socialità
POMEZIA (RM)
ROMA (RM)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2012
Gentile utente,
Ovviamente non posso fare i nomi delle due specialità (procinetico ed ac. Ursodesossicolico).
Come confermato dal Collega Dott. Favara, l'ipotesi che le ho prospettato (senza averla visitata e quindi passibile de beneficio del dubbio) sembra essere la più probabile.
Ne parli serenamente con il suo curante il quale non credo si opporrà alla terapia suggerita (sempre che il quadro clinico obiettivo confermi la mia ipotesi)!
Cordiali saluti!
MARCO BACOSI MD PhD
Spec. in Gastroenterologia ed Endoscopia Digestiva
Dott. di Ricerca in Fisiopatologia Chirurgica e Gastroenterologia

[#7] dopo  
Utente
vabene riferiro al mio medico prima di acquistare i medicinali.

potrebbe gentilmente spiegarmi le differenze dei due medicinali (quello del mio medico ed il suo)

cosi da capire la mia situazione

cordialmente

[#8] dopo  
Utente
salve vi aggiorno, parlando con il mio medico, dei vostri consigli.
mi ha consigliato:

esomeprazolo 40mg, e prima dei pasti; pranzo e cena domeperidone

[#9]  
Dr. Marco Bacosi

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
20% attualità
20% socialità
POMEZIA (RM)
ROMA (RM)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2012
Gentile utente, l'esomeprazolo, in questo caso, non ha alcun effetto!
Dovrebbe insistere per provare un trattamento con acido ursodesossicolico!
MARCO BACOSI MD PhD
Spec. in Gastroenterologia ed Endoscopia Digestiva
Dott. di Ricerca in Fisiopatologia Chirurgica e Gastroenterologia

[#10] dopo  
Utente
ho fatto presente, mi ha risposto dicendo che l'acido ursodesossicolico, serve per disciogliere un pò i calcoli nella coliciste, e nel mio caso non avendola non servirebbe.

[#11]  
Dr. Marco Bacosi

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
20% attualità
20% socialità
POMEZIA (RM)
ROMA (RM)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2012
mi spiace!
MARCO BACOSI MD PhD
Spec. in Gastroenterologia ed Endoscopia Digestiva
Dott. di Ricerca in Fisiopatologia Chirurgica e Gastroenterologia