Utente 241XXX
Gentilissimi dottori volevo porvi il mio problema, diagnosticato come rinofaringite catarrale dovuta ad un probabile reflusso gastrico.
Il tutto ebbe inizio il 23 di marzo 2008 con un forte mal di gola con una infiammazione anche del palato, andai dal dott. di base, 5 gg di antibiotico (amoxicillina), ma il dolore non passa, allora si cambia antibiotico, amoxicillina+ acido clavulanico, il dolore alla gola si attenua ma si sposta nella trachea con forte dolore a deglutire e senso di soffocamento.
Allora passo al pronto soccorso dove mi viene riconosciuta una simil forma di allergia 1 puntura di bentelan 4mg ed 1 di trimeton, il giorno dopo faccio la visita dall'otorino il quale mi dice che è tutto a posto e che il problema era stato risolto con le 2 iniezioni e quindi di continuare la stessa terapia del PS per 2 o 3 giorni. Fatto questo il problema si ripropone, di nuovo PS, mi vengono fatti rx torace standard dove non viene evidenziato nulla. In questo caso mi viene riconosciuta una Verosimile tracheite, cura bentelan 4mg, aerosol flixotide e fluibron, Zitromax cpr 500mg x 1 al dì. Risultato, sto peggio di prima.
Ho eseguito 2 volte il tampone faringeo risultato Negativo sempre, analisi tiroide TSH FT3 FT4 tutti nei limiti, PRIST dosaggio ige totali 28,38 a fronte di Atopia non probabile inf. a 20 e molto Probabile Sup. a 100.
Analisi del sangue Emocromo, formula leucocitaria, Glicemia, Azotemia, Creatininemia, ecc..Urine, Immunologia (elettroforesi sieroproteica) Risultati tutti OK. Ma il problema rimane.
Allorche vado da un altro otorino.
Diagnosi Non evidenza di flogosi virale o batterica.
Netta evidenza di flogosi retro laringea da reflusso. Mi dice che devo sospendere tutti gli altri farmaci ed assumere x 14 gg Sucralfin 2 volte dia e Lansoprazolo 30mg prima di andare a letto. Trascorsi 14 gg il problema rimane. Allora provo un altro Otorino il quale mi ispeziona orecchie, gola con telecamera, poi mi ispeziona anche naso fino alla trachea con una laringoscopia.
Diagnosi Rinofaringite catarrale cronica probabilmente provocata da possibile MRGE anche se l'ispezione fatta con la sonda non riscontrava segni evidenti da reflusso.
Volevo anche aggiungere che dopo avere smesso cortisone antibiotici ecc sono stato malissimo, tremori mal di testa, senso di impazzire e sopratutto insonnia , la quale me la porto dietro ancora oggi.
Ma a me rimane un dubbio, sarà questa la vera diagnosi? Non potrebbe essere una allergia, una malattia virale tipo mononucleosi(anche perchè i segni esterni non li ricordo di tale malattia, perchè all'inizio si puntava sul mal di gola)oppure altro? Cosa devo fare? La MRGE da questi problemi?
Ad oggi mi ritrovo con mal di gola intermittente una volta a sx
e una volta a dx ma che comunque non se ne va,
catarro retronosale che da un fastidio enorme ed insonnia.
Chiedo scusa se sono stato un po lungo, ma ho cercato di esporre il mio problema sintetizzandolo al massimo.
Vi ringrazio anticipatamente per la vostra pazienza e le vostre risposte .
Cordiali saluti

[#1]  
Dr.ssa Maria Morena Morelli

28% attività
0% attualità
16% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 44
Iscritto dal 2007
Gentile Utente,
in base a quanto da Lei riferito gli Specialisti Otorino che hanno avuto modo di visitarla hanno entrambi diagnosticato: ‘….Netta evidenza di flogosi retro laringea da reflusso’ - ’.. rinofaringite catarrale cronica probabilmente provocata da possibile MRGE…’; Ritengo Lei debba parlarne con il Suo medico di fiducia al fine d’indirizzarla presso Visita Gastroenterologica con, se indicato, approfondimento diagnostico-strumentale e successiva indicazione terapeutica.
Cordialmente
Dott.ssa M.M.Morelli

[#2] dopo  
Utente 241XXX

Grazie per la risposta.
Si in effetti il secondo otorino mi ha prescritto una ecografia al collo completa ed una gastroscopia (la quale ho provato a fare in passato, ma non ci sono riuscito), comunque sto seguendo una cura con gaviscon e lansoprazolo 30 mg, volevo anche aggiungere che da quando è cominciato tutto questo ho perso quasi 8kg di peso in quanto mangiavo poco per l'ansia, il senso di soffocamento ed il dolore a deglutire. Oggi mangio un po di più anche se non sono sereno perchè ho ancora appunto questo naso chiuso, catarro e a volte un po di mal di gola. Ho fatto proprio oggi le prove allergiche per inalanti, tutte negative. Il mio dottore di base mi ha detto che dopo tutte le visite che ho fatto, visto che dormo poco, il continuo raschiare la gola e l'ansia potrei avere contratto un problema neurologico, depressivo in quanto è vero che nel periodo della mia malattia ho avuto vari problemi tra lavoro, salute dei familari, liti condominiali.
Ora mi chiedo se veramente dovrei consultare uno Psichiatra o un Neurologo e quindi se i miei sintomi possano essere compatibili con una depressione.
Di nuovo grazie.
Cordiali saluti

[#3]  
Dr.ssa Maria Morena Morelli

28% attività
0% attualità
16% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 44
Iscritto dal 2007
Gentile Utente,
considerando che stress, depressione ed ansia possono ‘favorire’ l’acuirsi di una sintomatologia da reflusso, al momento i Suoi disturbi ‘favoriscono’ stress, depressione ed ansia; Mi scusi per il gioco di parole ma, poiché non sono state ancora escluse eventuali cause organiche (malattia da reflusso gastro-esofageo ??) , ribadisco la necessità di una diagnosi di certezza che Le potrà essere data solo dopo una valutazione gastroenterologica.
Cordialmente
Dott.ssa M.M.Morelli

[#4] dopo  
Utente 241XXX

Ancora grazie per la risposta.
Cercherò di consultare al più presto un bravo gastroenterologo.
Cordiali saluti.

[#5] dopo  
Utente 241XXX

Gentilissima Dr.ssa Morelli,
ho appena eseguito una gastroscopia, con i seguenti risultati:

ESOFAGO: regolare per calibro e decorso; cardias lievemente beante in ernia iatale da scivolamento di circa 1,5cm; linea z regolare.

STOMACO: lago mucoso chiaro; pliche soffici; pareti distensibili; mucosa del fondo, corpo ed antro macroscopicamente nella norma.

DIAGNOSI: Lieve beanza in piccola ernia iatale da scivolamento.

Quindi penso che i sintomi di ansia, dolore a deglutire ecc.. possano trovare un riscontro con questa diagnosi.
Cordiali Saluti

[#6]  
Dr. Francesco Nardacchione

Referente scientifico Referente Scientifico
32% attività
16% attualità
16% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 64
Iscritto dal 2006
Gentile signore,
in attesa che la dottoressa Morelli si esprima in merito Le chiedo: ma Lei è andato dal Gastroenterologo o ha effettuato solo una Gastroscopia ?
La diagnosi di MRGE è una diagnosi complessa che necessita oltre che della raccolta dei dati clinici anche di alcuni esami, oltre alla EGDS, che lo specialista prescrive se ... reputa opportuno.
Il fatto poi che Lei abbia eseguito una EGDS che documenta una "Lieve beanza in piccola ernia iatale da scivolamento" non vuol dire che Lei ha un Reflusso GE.
La invito quindi, anche io, a rivolgersi ad un gastroenterologo.

Cordiali saluti
Dr. F. Nardacchione
NB: qualunque sia il consulto la visita medica rimane imprescindibile

[#7] dopo  
Utente 241XXX

Gentile Dr. Nardacchione;
Ho consultato il gastroenterologo dell'ospedale dove ho eseguito l' EGDS, e premetto, come ho spiegato a lui, che tutto il mio problema è cominciato dopo alune notti, almeno 5 o 6, mentre dormivo, di svegliarmi rigurgitando acido sul cuscino, con un fortissimo bruciore alla gola e dolore allo stomaco difficile da sedare.
La sua risposta è stata che la mia diagnosi è compatibile con MRGE.
Prescrivendomi motilium, o motilex, o peridon.
Cordiali Saluti.

[#8]  
Dr. Francesco Nardacchione

Referente scientifico Referente Scientifico
32% attività
16% attualità
16% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 64
Iscritto dal 2006
Gentile signore,
sono felice per Lei.
Vedrà che con la terapia adeguata, facendosi seguire da uno specialista, riuscirà a venire a capo dei suoi disturbi.

Cordiali saluti
Dr. F. Nardacchione
NB: qualunque sia il consulto la visita medica rimane imprescindibile

[#9]  
Dr.ssa Maria Morena Morelli

28% attività
0% attualità
16% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 44
Iscritto dal 2007
Gentile Signore,
perdoni la risposta in 'ritardo' ma noto con piacere che il Dott. Nardacchione (che conosco e stimo) non l'ha 'abbandonato'.
Assuma regolarmente la terapia consigliatale, si attenga a delle regola di ordine alimentare-comportamentale e vedrà che i Suoi sintomi si attenueranno-scompariranno e l'ansia e la depressione non avranno più ragione di 'esserci'.

P.S. Ricorda ?: stress, depressione ed ansia possono ‘favorire’ l’acuirsi di una sintomatologia da reflusso, al momento i Suoi disturbi ‘favoriscono’ stress, depressione ed ansia.....

Cordialmente
Dott.ssa M.M.Morelli

[#10] dopo  
Utente 241XXX

Gentilissima DR.ssa Morelli,
grazie per la risposta, in effetti mi sono accorto del famoso cane che si morde la coda.
Cordiali Saluti.