Utente
Buongiorno, ho 33 anni e scrivo per un problema che ho da ormai parecchi mesi. Devo premettere che sono in attesa del risultato dell'esame delle feci e che ho già effettuato una gastroscopia che non ha rilevato nulla di anomalo, anche se per precauzione lo specialista ha prelevato un po' di tessuto per una biopsia (ma i risultati non sono ancora arrivati). Non sono ancora seguita da uno specialista in gastroenterologia, ma sicuramente lo consulterò appena avrò in mano il quadro completo della situazione, intanto chiedo a voi perché questo problema mi fa vivere davvero male.

Da parecchi mesi ho una costante sensazione di gonfiore all'addome, a volte più accentuata e a volte meno, ma comunque giornaliera e indipendentemente dai pasti e dall'evacuazione, anche se spesso peggiora anche con l'ingestione di un semplice bicchiere d'acqua. Anche visivamente l'addome è molto gonfio, ma non si tratta di aria.
Da tempo, seppure non abbia problemi di diarrea o stitichezza, ho notato che le feci contengono sempre residui di cibo di svariato tipo, dalle bucce di pomodoro a quelle di mais e legumi, fino alla frutta secca. Non so dire se questo sia iniziato in corrispondenza con il gonfiore addominale o prima/dopo.
Devo precisare che sono sovrappeso e ho una vita piuttosto sedentaria a causa di una limitazione di mobilità agli arti inferiori, ma ho un'alimentazione assolutamente sana. Non bevo alcolici o bevande gassate, non fumo, mi nutro principalmente di vegetali, mangio fibre integrali e da poco ho eliminato carne e latticini.

Chiedo quindi a voi se gonfiore e cibo nelle feci possano essere collegati e da cosa potrebbe dipendere questo problema. Vorrei inoltre sapere se nel mio caso ci sono altri esami consigliati per approfondire la questione.

Grazie anticipatamente per le risposte!

[#1]  
Dr. Felice Cosentino

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
ROMA (RM)
CINQUEFRONDI (RC)
CROTONE (KR)
REGGIO DI CALABRIA (RC)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2008
Prenota una visita specialistica
Deve sicuramente farsi seguire da un gastroenterolgo ed escludere in primis eventuali intolleranze (lattosio,glutine).

Cordialmente
Dr Felice Cosentino, Gastroenterologia ed Endoscopia - Milano (Clinica La Madonnina), Roma, Calabria (Crotone,Reggio)
www.endoscopiadigestiva.it

[#2]  
Dr. Francesco Quatraro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
16% attualità
20% socialità
ACQUAVIVA DELLE FONTI (BA)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2012
Perchè esclude il meteorismo?
È stato visitato dal curante?

Cordialmente
Responsabile U.O. di Endoscopia Digestiva Osp. MIULLI
www.enterologia.it
www.transnasale.it

[#3] dopo  
Utente
Buongiorno, grazie per le risposte!
Ho escluso il meteorismo perché a volte mi capita e la sensazione è nettamente diversa da quella del gonfiore che provo giornalmente, che invece è più simile ad una "compressione" (non so se rendo l'idea)...come se portassi perennemente dei vestiti molto stretti (che invece non porto assolutamente).

Sicuramente mi sottoporrò alle analisi per le intolleranze, anche se quella al lattosio posso già escluderla avendo eliminato da parecchie settimane tutti gli elementi che ne contengono, anche quelli che ne contengono in minima parte.

[#4]  
Dr. Francesco Quatraro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
16% attualità
20% socialità
ACQUAVIVA DELLE FONTI (BA)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2012
Vorrei sottolinearle che, con i limiti della distanza,
credo si tratti proprio di meteorismo (tipico anche nelle intolleranze),
anche se solo la visita diretta può fare diagnosi differenziale oltre che chiarezza.

Prego
Responsabile U.O. di Endoscopia Digestiva Osp. MIULLI
www.enterologia.it
www.transnasale.it

[#5]  
Dr. Felice Cosentino

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
ROMA (RM)
CINQUEFRONDI (RC)
CROTONE (KR)
REGGIO DI CALABRIA (RC)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2008
Se è certa di non essere intollerante al lattosio, si accerti per l'intolleranza al glutine o per una Gluten Sensitivity, che potrebbero giustificare il meteorismo. Ovviamente il percorso andrà condiviso dal gatsroenterolgo dopo visita diretta.

Saluti

Dr Felice Cosentino, Gastroenterologia ed Endoscopia - Milano (Clinica La Madonnina), Roma, Calabria (Crotone,Reggio)
www.endoscopiadigestiva.it

[#6] dopo  
Utente
Grazie, appena arriveranno i risultati delle feci prenderò appuntamento col gastroenterologo.

[#7]  
Dr. Felice Cosentino

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
ROMA (RM)
CINQUEFRONDI (RC)
CROTONE (KR)
REGGIO DI CALABRIA (RC)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2008
Molto bene e a risentirci.

Dr Felice Cosentino, Gastroenterologia ed Endoscopia - Milano (Clinica La Madonnina), Roma, Calabria (Crotone,Reggio)
www.endoscopiadigestiva.it

[#8]  
Dr. Francesco Quatraro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
16% attualità
20% socialità
ACQUAVIVA DELLE FONTI (BA)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2012
Se riterrà ci aggiorni pure.

Saluti cordiali
Responsabile U.O. di Endoscopia Digestiva Osp. MIULLI
www.enterologia.it
www.transnasale.it

[#9] dopo  
Utente
Gentili dottori, vi aggiorno sul mio stato di salute e vi chiedo l'ennesimo consiglio.
L'esame delle feci eseguito ad agosto, con mia grande perplessità, non aveva dato indicazioni particolari (era tutto assente). Il medico a cui mi ero rivolta per un check-up e che mi aveva prescritto gli accertamenti - gastroscopia, eco addome, visita cardiologica - mi ha così sconsigliato di fare altre visite, dicendomi in pratica che ero sana come un pesce, nonostante i gonfiori addominali continuassero e fossero sempre fastidiosi e le feci, per quanto potessi vedere, contenessero sempre cibo "non digerito".

Nel frattempo ho perso qualche chilo con una dieta prevalentemente vegetariana (ma senza latticini) e il problema del gonfiore è in parte diminuito, ma le feci, di contro, sono addirittura peggiorate, probabilmente a causa della fibra che ingerisco. Ora sono sempre molto molli (ma non da diarrea), galleggianti, e riesco a distinguere chiaramente ogni mio pasto.
Mi sono così rivolta al medico curante che mi ha prescritto nuovamente l'esame delle feci. Oggi è arrivato il risultato, che vi copio, sperando che voi possiate darmi qualche delucidazione e un consiglio:
COLORE marrone
CONSISTENZA poltacea
REAZIONE 6,0
MUCO presente
RESIDUI VEGETALI discreti
FIBRE CARNEE rare
GRANULI DI AMIDO assenti
GRASSI NEUTRI discreti
ACIDI GRASSI rari
SAPONI assenti
LEUCOCITI rari
PARASSITI assenti

Vi ringrazio!

[#10]  
Dr. Francesco Quatraro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
16% attualità
20% socialità
ACQUAVIVA DELLE FONTI (BA)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2012
Non vedo motivi di particolare apprensione.

Prego
Responsabile U.O. di Endoscopia Digestiva Osp. MIULLI
www.enterologia.it
www.transnasale.it

[#11] dopo  
Utente
Grazie mille dottore!
Quindi secondo lei tutti quei residui e la consistenza "molle" dipendono esclusivamente dalla dieta prevalentemente a base vegetale e non da fattori interni tipo malassorbimento o cose del genere?

Grazie ancora, sono molto più tranquilla.

[#12]  
Dr. Francesco Quatraro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
16% attualità
20% socialità
ACQUAVIVA DELLE FONTI (BA)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2012
Esatto.

Prego
Responsabile U.O. di Endoscopia Digestiva Osp. MIULLI
www.enterologia.it
www.transnasale.it