x

x

Calcoli colecisti e fegato steatosico.

Gent.mo DOTTORE,sono un uomo di 40 anni alto 185 cm X 92 kg peso, vita sedentaria alternata da periodi di corsetta amatoriale; non fumo, non mangio pesante, bevo 2 bicchieri di vino al dì e superalcolici nel fine settimana.NEL 2010, a seguito di 3/4 episodi di fitta acuta (da seduto, mentre guidavo) all'addome destro, della durata di pochi secondi mi sono sottoposto ad una eco addome.IL REFERTO indicava: FEGATO di volume ai limiti superiori, a margini arrotondati e ad ecostruttura parenchimale piuttosto iperecogena e finemente disomogenea, con segni di una discreta steatosi; in tale contesto, nel 3° segmento in sede sottoglissoniana anteriore, si osserva piccola focalità debolmente ipoecogenadi circa 7mm, possibile espressione di un piccolo angioma di aspetto atipico per la concomitante steatosi. Evidenza area parenchimale ipoecogena a ridosso della biforcazione portala con aspetto di una zona di risparmio della steatosi. Non dilatato l'albero biliare intra e extra epatico. La colecisti è apparsa alitisiaca, normo distesa e a pareti non ispessite. Presso la parete declive si osserva un aggregato polipoide colisterinico di 5 mm, accenno di un ulteriore microaggregato colisterinico presso la parete antideclive del corpo/fondo. vena porta ll'ilo e vene sovraepatiche di calibro normale. Milza di volume modicamente aumentato (135mm di DPM) e strutturalmente omogenea. Pancreas esente da alterazioni morfo-volumetriche e ecostrutturali. Non dilatato il dotto di Wirsung.
A DISTANZA DI TRE ANNI, non avendo accusato più sintomi acuti, se non un senso di pesantezza e pienezza dopo i pasti, ho rifatto l'esame, con il seguente referto:FEGATO aumentato di dimensioni ad ecostruttura riflettente come per epatopatia su base steatosica.A livello del 3° segmento epatico, si conferma formazione ipoecogena con tenue rinforzo di parete di circa 11mmX6mm, riferibile verosimilmente a formazione cistica.Colecisti iperdistesa, con contenuto finemente addensato e formazione litisiaca a livello del fondo con diametro max di 27mm. Non dilatazione delle vie biliari intraepatiche. Nella norma il calibro dellla vena porta e delle vene sovraepatiche. l milza presenta diametro bipolare di 119mm ad ecostruttura regolare in assenza di focalità nel suo contesto. pancreas regolare per morfologia ed ecostruttura. DA QUELLO CHE POSSO CAPIRE IO, mi rendo conto di avere un calcolo alla colecisti di 27mm (prima era colisterinico e ora è una pietra?), la milza sembra tornata di normali dimensioni, MA IL FEGATO MI PREOCCUPA E' PEGGIORATO? Vorrei un parere sulla gravità della situazione ed un suggerimento se rivolgermi ad un gastroenterologo o ad un epatologo (chi dei due può darmi una visione complessiva del problema?). Al momento la colecisti non mi ha dato sintomi acuti (dolori lancianti, febbre, vomito ecc.) ma continuo ad avere questo senso di pesantezza dopo i pasti con cui ho imparato a convivere. Sono preoccupato e la ringrazio per le indicazioni che potrà darmi.
[#1]
Dr. Marco Bacosi Gastroenterologo 26,1k 1k 13
Gentile amico, il suo quadro cllinico, è il risultato del sovrappeso e del consumo di alcool.
La colecisti contiene un calcolo che sembra essere costituito di colesterolo.
Le consiglio una visita gastroenterologica e di iniziare una dieta rigorosa che la aiuti a ritrovare uno stile di alimentazione corretto!
Deve essere, inoltre, effettuato un pannello di analisi di laboratorio per lo studio del suo metabolismo.
Resto a sua disposizione!
Cordialmente!

MARCO BACOSI MD PhD
Spec. in Gastroenterologia ed Endoscopia Digestiva
Dott. di Ricerca in Fisiopatologia Chirurgica e Gastroenterologia

[#2]
dopo
Utente
Utente
Gent. mo Dottore, la ringrazio per avermi risposto.
Per una più completa visione, le riporto ALCUNI valori delle mie analisi del sangue: URINE PESO SPECIFICO 1013 (105-1025) ELETTROFORESI ALFA 1% 2,9 (3,1-5,6)
PCT 0,1 ( 0,2-0,5), COLESTEROLO TOTALE 100 (160-220); COLESTEROLO HDL 38 (>35); AST GOT 36 (<37); ALT GPT 27 (<41) TRIGLICERIDI 71 (<200), POTASSIO, CLORO, GLICEMIA PROTEINE TOTALI SIDEREMIA SONO TUTTE NELLA NORMA. Gli unici valori fuori norma è il colesterolo totale che ho sempre basso, ma come può vedere i valori del fegato sono nella norma. All'apparenza i mie valori sono abbastanza normali.A fronte di un fegato grasso non dovrei avere valori più sballati? Accetto il consiglio di diminuire l'uso di alcool, anche se il mio sovrappeso credo sia di di 3/4 chili. A proposito del calcolo invece, mi sembrava di capire che prima era colisterinico (quindi con qualche possibilità di sciogliersi) adesso sia "litisiaco". Vuol dire che è diventato indissolubile e quindi solo un colicistectomia possa risolvere?. Per quanto riguarda il fegato non ho capito se è peggiorato, ovvero se oltre al fatto di essere steatosico, il che mi rendo conto sia già di per se una patologia, non ci siano altri segni di malattia. In ultimo, sperando di non abusare della sua disponibilità, le chiederei un parere circa l'intervento di colicistectomia tramite SILS con l'accesso dall'ombelico. E' sufficientemete sicuro?
Grazie ancora.
[#3]
Dr. Marco Bacosi Gastroenterologo 26,1k 1k 13
Litiasi = presenza di calcoli (non dice nulla circa la composizione del calcolo).
Perchè pensa ora ad una colecistectomia?
La colecistectomia si esegue, in linea di massima, solo dopo aver avuto una colica.
Per studio del metabolismo intendevo anche uno studio sul metabolismo dei carboidrati!
[#4]
dopo
Utente
Utente
Credo allora di aver capito, potrebbe essere che il cattivo metabolismo dei carboidrati porti ad un accumulo di grasso sul fegato, oltre all'alcool che, ovviamente, andrebbe ridotto se non eliminato. La glicemia nelle analisi del sangue( la mattina a digiuno) era di 95 (60-110), ma immagino non sia un valore esaustivo per non compiere altri accertamenti. Il colesterolo totale ce l'ho sempre sotto il limite minimo, mentre quello "buono" HDL nei valori della norma. Ricordo che il mio vecchio medico di famiglia ci scherzava sopra, ma alla luce di questi problemi potrebbe preoccupare?
Questa è la mia ultima nota, la ringrazio ancora una volta per la dedizione, tempestività e soprattutto "pazienza.
[#5]
Dr. Marco Bacosi Gastroenterologo 26,1k 1k 13
Le consiglierei di eseguire una curva da carico orale di glucosio con parallela curva insulinemica!
[#6]
dopo
Utente
Utente
Gent.mo Dottore,
quali sono gli elementi che potrebbero far sospettare un cattivo metabolismo degli zuccheri, se non addirittura un diabete? I valori delle analisi del sangue sono tutti nella norma, compresi la glicemia, il potassio e altri minerali. Lo stesso dicasi per i valori tiroidei (TSH-FSH). Forse questo colesterolo totale intorno ai 100/140 quindi sotto i valori minimi, potrebbe dare indicazioni in tal senso? Oppure è un esame comunque consigliato per scoprire una possibile causa di un fegato steatosico o una colecisti con calcoli? Mi scuso per la replica è solo che mi piacerebbe capire.
Distinti saluti.
[#7]
Dr. Marco Bacosi Gastroenterologo 26,1k 1k 13
E' un esame da eseguire in presenza di fegato steatosico!
[#8]
dopo
Utente
Utente
La ringrazio del consulto esaustivo dei miei dubbi. Seguirò il suo consiglio per approfondire circa le possibili cause della patologia.

Sai proteggerti dal sole? Partecipa al nostro sondaggio