Utente 332XXX
Ciao a Tutti,
sono nuovo del Forum, ma ho davvero bisogno e piacere di condividere con voi questo mio problema, per avere magari delle risposte da chi se ne intende e da chi sta passando la mia stessa situazione;
Io sono un ragazzo giovane, ho 21 anni e nonostante io sia sempre stato molto magro, ho sempre avuto molto appetito (sono di bocca buona per capirsi).
Il tutto è iniziato circa 3 anni fà, quando al risveglio dalla prima notte di vacanza con gli amici, mi ritrovai scombussolato e senza appetito; diedi la colpa alla serata, ma per tutta la settimana seguente, andai avanti a latte e biscotti perchè ero talmente nauseato e con lo stomaco chiuso da non riuscire a mangiare nemmeno qualche foglia di insalata.
Al ritorno da quella settimana, la mia vita (seppur con un brutto ricordo) tornò quella di prima, di nuovo appetito, fame e via con le mie care abbuffate.
Purtroppo qualche tempo dopo iniziai ad avere gli stessi sintomi, sopratutto nei week-end: durante la settimana tutto ok, ma il sabato e la domenica mi diventava impossibile avere una vita normale, non mangiavo e non avevo ne la forza ne la voglia di uscire.
Andai dal mio medico che mi disse di eseguire una gastroscopia (esperienza che non rifarei mai più se non in annest pesante)
la quale diede come risultato una ernia jatale non grave e un pò di gastrite.
Il mio medico mi disse che era tutto causato dallo stress e che non c'era nulla di cui preoccuparsi, mi ordinò del Riopan, fattostà che io ho passato quasi un anno in questa situazione ed è stato un anno davvero impegnativo.
Andai a sentire il parere di un altro medico che mi prescrisse del Levobren da prendere prima dei pasti e il Riopan per il bruciore di stomaco.
Il primo mi aiutò sopratutto a digerire, perchè mangiare con lo stomaco chiuso mi comportava un mattone allo stomaco durante la digestione.
Dopo tanto tempo e senza sapere il perchè, tutto questo finì e ho passato quasi tutto il 2013 senza aver problemi: mangiavo di gusto come prima, dormivo bene, ero felice e contento nonostante le complicanze della vita di tutti  giorni, avevo iniziato a fare palestra, uscivo come sempre.
Poco più di un mese fà però qualcosa iniziò a disturbarmi: il bruciore di stomaco circa un ora dopo i pasti.
Divenne sempre più forte e iniziai a tamponare il tutto con il Riopan (che finalmente serviva a qualcosa) ma purtroppo, dopo un mese di bruciore davvero potente il Riopan non bastava più.
Iniziai a togliere i sughi e tutti gli alimenti che potevano darmi bruciore ma niente.
Nonostante ciò io mangiavo ugualmente e con molto appetito anche se la situazione ormai iniziava ad essere pesante.
Il medico mi prescisse il Raxar che insieme al Riopan avrebbe dovuto aiutare, ma purtroppo ha funzionato poco o niente.
Dopo una settimana tornai da lui e mi disse di lasciar perdere tutto e di iniziare a prendere il Pantorc: 1 al giorno per 1 mese dopodichè il problema disse, sarà risolto.
Ho inziato a prendere il Pantorc poco prima delle feste e finalmente il bruciore spari totalmente ma dopo 3 giorni dall'inizio della cura mi ritrovo nell incubo di 2 anni fà: il mio stomaco si è chiuso, non riesco a mangiare nulla, e la vità è tornata ad essere l'inferno di prima.
Ho subito chiamato il medico pensando che il problema fosse il nuovo farmaco ma mi disse che non era quello e che dovevo star tranquillo.
Attualmente sono nel disagio più totale da 2 settimane circa.
Ho parlato con una omeopata e la sua valutazione è che il mio è un problema psicosomatico e che devo combatterlo con la mente, cercando di tranquillizzarmi e mi ha dato da prendere: Nux Vomica, Cuprum, Biomag e Datif.
Attualmente quindi utilizzo questi prodotti più la pastiglia di Pantorc alla mattina e sto bene 1 giorno si e 5 no.
I giorni in cui sto bene mangio con gusto e digerisco bene, ma i giorni che sto male non riesco a mangiare ho nausea e sono agitato e per non rischiare di svenire, mangio a forza un piatto di pasta e dopo mi ritrovo con un mattone allo stomaco e una nausea pazzesca.
Cari lettori, io ho una vita e dei progetti e voglio superare questo problema e capire da dove se ne è uscito e rispedircelo all'istante; ho passato delle feste molto brutte e voglio star bene, mangiare di gusto come prima, avere la forza di fare di uscire di vivere.
Ringrazio chiunque mi dia una risposta e chi ha avuto la pazienza di leggere.
Un saluto a tutti!!

[#1] dopo  
Dr. Felice Cosentino

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
VIBO VALENTIA (VV)
CINQUEFRONDI (RC)
REGGIO DI CALABRIA (RC)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2008
Prenota una visita specialistica
Da come descrive ci sarà probabilmente un reflusso e una digestione lenta, disturbi che possono essere controllati con i farmaci che le hanno prescritto, ma il problema principale é di tipo ansiogeno. È questo non è facilmente controllabile dai farmaci se non da lei stesso. Non ne é convinto ?


Cordialmente.

Primario di Gastroenterologia ed Endoscopia, Osp. San Giuseppe - Milano
Centro di COLONSCOPIA ROBOTICA
www.endoscopiadigestiva.it

[#2] dopo  
Utente 332XXX

Salve Dottore,
si ne sono convinto, è proprio questo che mi spaventa.
Ieri sera sono riuscito a mangiare di gusto ed ero contentissimo ma questa mattina mi sento nuovamente agitato e ho paura di ritornare al punto di partenza.
Non voglio essere un peso per nessuno e non voglio assumere nessun psicofarmaco perchè ho paura di prendere una strada che non mi appartiene.
Qual'è il vostro consiglio?
La ringrazio davvero per la sua attenzione.
Cordiali Saluti

[#3] dopo  
Dr. Felice Cosentino

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
VIBO VALENTIA (VV)
CINQUEFRONDI (RC)
REGGIO DI CALABRIA (RC)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2008
Il mio consiglio é quello di superare senza farmaci il problema ansiogeno. Il fatto che lei ne sia cosciente é già un ottimo punto di partenza.

Non si allarmi.

Auguroni.

Primario di Gastroenterologia ed Endoscopia, Osp. San Giuseppe - Milano
Centro di COLONSCOPIA ROBOTICA
www.endoscopiadigestiva.it

[#4] dopo  
Utente 332XXX

Salve Dottore, la ringrazio per quanto mi ha riferito. Credo però di avere un grosso dubbio da chiarire.
Sono cosciente del fatto che sono una persona ansiogena e di avere dei disturbi legati all ansia ma chiedo a questo punto se in tutto questo può aver a che fare la pressione. Tutte le volte in cui sto per iniziare a star male, così come quando sto male, mi capita sempre di avere giramenti mani che tremano occhi rossi gambe che nn mi tengono. Il giorno dopo aver pubblicato la mia storia, sono riuscito a star meglio e ho ripreso la mia vita serenamente. Questa mattina invece ho iniziato ad avere dei giramenti dei tremolii e tutti i sintomi che ho riportato in precedenza.
Ho mangiato ugualmente anche se avevo poco appetito e dopo pranzo ho iniziato a star meglio. Il problema poi si è presentato nuovamente verso le 17 e 30 e ho cercato di mangiare dei cracker pensando si trattasse di un calo di zuccheri.
Nn riesco a spiegarmi il perché di questa cosa ma è strettamente legata al problema dello stomaco chiuso. I sintomi sono chiari, sembro sotto effetto di uno spinello e la cosa non mi garba.
Attendo sue notizie dottore.
Ne ho bisogno.
Grazie mille

[#5] dopo  
Dr. Felice Cosentino

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
VIBO VALENTIA (VV)
CINQUEFRONDI (RC)
REGGIO DI CALABRIA (RC)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2008
Ovviamente é importante che il suo medico segua un completo iter diagnostico, anche endocrinologico, in modo da escludere problematiche di base. Mi sembra però che dagli accertamenti non risulti niente ed allora rimane la problematica ansiogena. Di più è difficile dire senza una visita diretta.

Cordialmente



Primario di Gastroenterologia ed Endoscopia, Osp. San Giuseppe - Milano
Centro di COLONSCOPIA ROBOTICA
www.endoscopiadigestiva.it