Esofago o polmoni?

Partecipa al sondaggio
Salve a tutti.
Circa 6 mesi fa mi è stata diagnosticata tramite gastroscopia una esofagite e ernia jatale. riporto il referto:
esofago beante al cardias con piccola e intermittente ernia jatale da scivolamento, erosioni di 5mm alla giunzione gastroesofagea.
stomaco scarsamente distensibile per incontinenza del les, mucosa e duodeno nella norma.
Conclusioni: Esofagite erosiva da reflusso di grado A
ernia jatale da scivolamento con incontinenza del cardias.

sono stato curato per un mese con ESOPRAL (una compressa al giorno)
durante il trattamento ho riscontrato qualche beneficio ma purtroppo, non ho osservato anche le prescrizioni accessorie ai medicinali cioè di non fumare, niente alcolici, grassi etc etc...
ritenevo i medicinali in grado di far passare tutto.
ora a distanza di due mesi dalla fine del trattamento, mi ritrovo pressoché li stessi sintomi, con l'accentuazione di un fastidio al torace, a volte dietro lo sterno e a volte in mezzo alle scapole, il fastidio lo definirei come un piccolo peso), si attenua molto dopo i pasti, si accentua lontano dai pasti.
premetto che bevo mezzo bicchiere di vino ai pasti, fumo circa 10-15 sigarette al giorno.
ora sono molto preoccupato possa essere qualcosa ai polmoni visto che l'esofagite e l'ernia non giustificano a mio avviso fastidi simili in quelle zone.
mi farò prescrivere una RX-torace comunque.
mi chiedevo se faccio bene a avere questi dubbi o se è meglio che mi metta in riga con il cibo e con il fumo e che stia tranquillo.

grazie e scusate se le mie sono solo paranoie.
Distinti Saluti

[#1]
Dr. Andrea Favara Gastroenterologo, Chirurgo apparato digerente, Colonproctologo, Chirurgo generale 26.9k 668 234
I disturbi sono compatibili con il reflusso, non ben controllato dalla dieta, peggiorato dal fumo ed in assenza di terapia farmacologica. Prego.

Dottor Andrea Favara

http://www.andreafavara.it