Utente
Buongiorno a tutti!
Sono una ragazza di 32 anni. Da 5 giorni sto combattendo con una forte diarrea e dolori e spasmi. E' cominciato tutto di notte. Mi sono svegliata all'improvviso con dei forti crampi addominali e nausea seguita da scariche di diarrea durate per 3 ore.
Ho preso una compressa di Plasil, per bloccare soprattutto la nausea ( soffrendo di emetofobia, la nausea per me è un segnale di pericolo).
Il mattino dopo mi sentivo meglio anche se non sono riuscita a fare colazione. Sono andata dal mio medico di base che mi ha detto, senza visitarmi, che si trattava di enterite e mi ha dato da prendere fermenti lattici.In farmacia mi hanno consigliato il Prolife.
Ho fatto così, ho preso i fermenti lattici e dopo aver cenato con riso in bianco ancora una scarica.
Il giorno dopo però sono stata benissimo. Nessuna scarica. Ho preso solo i fermenti lattici e sono riuscita a mangiare, sempre in bianco, senza problemi. Il mattino dopo, però, mi sono svegliata con un senso di malessere alla pancia, e infatti dopo aver fatto colazione...di nuovo scariche di diarrea e nausea. Mi stavo recando al lavoro, per cui ho preso nuovamente il Plasil e pian pianino il malessere si è attenuato. Sono tornata dalla dottoressa per aggiornarla sulle mie condizioni e mi ha detto che potevo sostituire il Prolife, fermenti con le bustine di Kaleidon 60 e per i crampi potevo prendere il Buscopan.
La sera dopo cena ancora scariche di diarrea e crampi, che non si sono attenuati neanche con il Buscopan. Stessa cosa il mattino dopo....qualsiasi. Nausea perenne, inappetenza, e se per caso inizio a sentire il senso di fane e provo a mangiare qualcosa poco dopo inizio a scaricare con forte nausea e dolori addominali e un senso di vuoto allo stomaco che si protrae per lungo tempo.....anzi direi che da qualche giorno mi accompagna costantemente.
Sono passati 5 giorni dal primo episodio e stanotte son stata veramente male. Il senso di vuoto allo stomaco si è accompagnato a spasmi e ho chiamato la guardia medica. Il dottore non mi ha proprio visitato, toccato cioè la pancia...mi ha detto che si tratta di gastroenterite e mi ha prescritto il Bimixin (2 compresse 3 volte al giorno oggi e da domani 1 compressa 3 volte al giorno) Codex fermenti e in caso di nausea il Biochetasi.
Ho preso le prime 2 compresse di antibiotico stamattina (ovviamente a stomaco vuoto perchè la nausea mi rende impossibile mandare giù qualsiasi cosa) e dopo qualche ora i fermenti. Ho avuto però scariche ancora più dolorose, la nausea si è quadruplicata nonostante il biochetasi e mi è persino salita la febbre (37.8) e mi fa male la schiena.
Secondo voi non sono eccessive 6 compresse oggi? ....E... in caso di forte nausea posso prendere il Plasil invece del Biochetasi che si è rivelato praticamente inutile?
Dimenticavo, Anni fa ho sofferto di gastrite e da qualche anno invece soffro della sindrome del colon irritabile.

Aspetto un vostro gentile riscontro.

Debora

[#1]  
Dr. Francesco Quatraro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
8% attualità
20% socialità
ACQUAVIVA DELLE FONTI (BA)

Rank MI+ 84
Iscritto dal 2012
Penso, vista le febbre, si possa trattare di gastroenterite, di solito virale,
non abuserei con farmaci e soprattutto con antibiotici che possono peggiorare la diarrea.

Riposo e dieta leggera (liquida).

Legga questo articolo
https://www.medicitalia.it/minforma/gastroenterologia-e-endoscopia-digestiva/1686-influenza-intestinale-gastroenterite-virale-non-va-confusa-con-altre-forme-di-diarrea.html
Responsabile U.O. di Endoscopia Digestiva Osp. MIULLI
www.enterologia.it
www.transnasale.it

[#2] dopo  
Utente
Sto prendendo il bimixin 1 compressa 3 volte al giorno e 1 volta al giorno il codex....quando ho la nausea forte 1 compressa di Plasil.
Nonostante l'antibiotico ( oggi è il 4 giorno ), continuo ad avere disturbi intestinali, senso di vuoto allo stomaco,crampi addominali dopo i pasti, feci giallastre non formate e flatulenza.
Faccio ancora molta fatica a mangiare, ieri sera ho mangiato 2 fettine sottili di petto di pollo e carote lesse e dopo qualche ora ho iniziato a sentire questi disturbi che non mi hanno dato tregua per tutta la notte. anche stamattina che ho fatto colazione con thè e biscotti secchi...si sono ripresentati subito gli stessi disturbi.
E' passata esattamente una settimana da quando è cominciato tutto, cioè dal primo episodio di diarrea.... possibile che una gastroenterite duri così tanto o pensate ci possa essere altro? L'antibiotico devo prenderlo ancora per 2 giorni...possibile che finora non abbia ancora fatto effetto e che causi flatulenza? Cosa mi consigliate di fare?

Grazie


[#3]  
Dr. Francesco Quatraro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
8% attualità
20% socialità
ACQUAVIVA DELLE FONTI (BA)

Rank MI+ 84
Iscritto dal 2012
Forse non ha letto attentamente il mio articolo.

La durata del processo è quanto mai variabile.
Spesso gli antibiotici sono superflui se non peggiorativi
e la dieta dev'essere essenzialmente liquida (reidratante con sali minerali, etc.).

Il controllo medico dev'essere assiduo.
Responsabile U.O. di Endoscopia Digestiva Osp. MIULLI
www.enterologia.it
www.transnasale.it

[#4] dopo  
Utente
Grazie dottore dei suoi consigli.
La situazione è un pò migliorata. Non ho avuto più scariche, ho meno crampi alla pancia e anche la nausea è decisamente diminuita ( mi sto aiutando bevendo acqua e limone ).
Oggi però si è ripresentato il senso di vuoto alla bocca dello stomaco e infatti se mi tocco nella parte alta dell'addome, nella regione sottostante lo sterno sento dolore.
Fa parte del decorso della gastroenterite o potrebbe essere segnale di qualcos'altro? Gastrite o peggio ancora Helicobacter pylori?
Può essere utile, vero, effettuare gli esami delle feci?
Grazie ancora

[#5]  
Dr. Francesco Quatraro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
8% attualità
20% socialità
ACQUAVIVA DELLE FONTI (BA)

Rank MI+ 84
Iscritto dal 2012
Certo, può essere utile.
Responsabile U.O. di Endoscopia Digestiva Osp. MIULLI
www.enterologia.it
www.transnasale.it

[#6] dopo  
Utente
Grazie dottore.
Ho chiesto al mio medico di base di prescrivermi gli esami delle feci e una visita specialistica da un gastroenterologo. Avrei voluto farle già domattina ma purtroppo ho letto che questo tipo di esame non si può fare in presenza di sangue mestruale. Il ciclo mi è arrivato ieri, è molto,molto leggero,quasi invisibile, in quanto uso l'anello vaginale nuvaring. Devo comunque aspettare?

Intanto sto continuando ad assumere il codex (fermenti lattici) e nient'altro.
Faccio una dieta leggera a base di pane tostato, pasta in bianco, riso, patate e prosciutto crudo magro. A colazione thè e biscotti secchi.
Stamattina sono andata comunque in bagno, l'aspetto delle feci è migliorato ma avverto ancora un pò di disturbi addominali prima e dopo l'evaquazione.
Come detto ieri, tuttavia, continuo ad avere dolore allo stomaco, in modo particolare la notte e dopo aver mangiato.

Non sto prendendo nulla per alleviare questo disturbo.
Nell'attesa della VISITA gastroenterologa, che spero riuscirà finalmente a mettere luce su tutti i miei dubbi, cosa potrebbe aiutarmi ad alleviare il dolore allo stomaco che negli ultimi giorni ( e soprattutto notti ) mi tormenta?

La ringrazio per la pazienza.


[#7]  
Dr. Francesco Quatraro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
8% attualità
20% socialità
ACQUAVIVA DELLE FONTI (BA)

Rank MI+ 84
Iscritto dal 2012
Concordi con il curante l'utilità di utilizzare un antispastico.
Responsabile U.O. di Endoscopia Digestiva Osp. MIULLI
www.enterologia.it
www.transnasale.it