Utente 372XXX
Buongiorno, sono una ragazza di 18 anni e vorrei porle una domanda. Premetto che in passato ho sofferto per mesi di reflusso gastroesofageo e, dopo una terapia, non ne avverto più i sintomi da tempo; da circa due mesi, inoltre, sto seguendo una terapia di antistaminico, per questo motivo prendo tutti i giorni una compressa di Peridon, in quanto senza avrei problemi allo stomaco. Nelle ultime settimane ho seguito anche una terapia di antibiotico per la gola. Da quando sono stata raffreddata (ora non lo sono più) ho una tosse continua (ora più sporadica in realtà) che non sembra essere più dovuta al raffreddore: è come se partisse dalla bocca dello stomaco. La ragione per cui scrivo però è che di recente noto che da quando rido molto forte ho delle piccole eruttazioni. Ciò non solo mi mette a disagio, ma mi fa anche preoccupare visti i miei precendenti problemi di stomaco. Per il resto però ho appetito e mangio regolarmente, a differenza dei mesi in cui soffrirlo di reflusso. Pensa che dovrei sottopormi ad un nuovo controllo e approfondire la questione? Grazie.

[#1]  
Dr. Felice Cosentino

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
ROMA (RM)
CINQUEFRONDI (RC)
CROTONE (KR)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2008
Prenota una visita specialistica
Sicuramente non deve eseguire la gastroscopia, ma puó essere utile provare con qualche antiacido per capire se si tratta di reflusso.

Cordialmente


Dr Felice Cosentino, Clinica La Madonnina - Milano
Gastroenterologia/Endoscopia, Centro per la Disbiosi intestinale.
www.endoscopiadigestiva.it

[#2] dopo  
Utente 372XXX

Avrei voluto creare una nuova domanda, ma il sistema non me lo ha consentito per via delle troppe richieste, quindi provo ad effettuare una replica sotto questa mia vecchia domanda. Negli anni, in maniera non continuativa, il problema è stato sempre lo stesso. A settembre scorso ho iniziato quindi una terapia con Lansox 30mg al mattino, Peridon 15mg prima di pranzo e cena ed EsoxxOne dopo pranzo e cena. L'ho eseguita per tre mesi, più un mese in cui ho ridotto il Lansox da 30 a 15mg, il Peridon solo a pranzo e l'EsoxxOne solo dopo cena. Per mesi i sintomi del reflusso sono scomparsi, mi bastava assumere dell'antiacido all'occorrenza in maniera molto saluaria. Da circa una settimana però i miei sintomi si sono ripresentati: avverto un forte peso alla bocca dello stomaco, gonfiore addominale e un bruciore a livello toracico, fin dietro alla schiena e in gola. Ho ripreso con il Lansox e l'EsoxxOne, ma temo che mi serva anche assumere nuovamente il Peridon per questo senso di gonfiore e pesantezza continui. Premetto che ho prenotato un'altra visita di controllo dalla mia dottoressa, ma vorrei chiedere se sia realemente così rischioso assumere il Peridon con una così alta frequenza e se eventualmente esistano dei farmaci procinetici privi del rischio di causare aritmie ventricolari.

[#3]  
Dr. Felice Cosentino

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
ROMA (RM)
CINQUEFRONDI (RC)
CROTONE (KR)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2008
Può assumere tranquillamente il peridon anche per lunghi periodi.
Dr Felice Cosentino, Clinica La Madonnina - Milano
Gastroenterologia/Endoscopia, Centro per la Disbiosi intestinale.
www.endoscopiadigestiva.it