Utente 395XXX
Buonasera, sono una donna di 55anni, sofferente da tempo (2007) per una malattia da reflusso per incontinenza cardiale con esordio , all'epoca, improvviso acutissimo , notturno con solo dolore toracico .Da allora andamento ciclico con periodi acuti e di remissione totale. Con le cure e la dieta (esomeprazolo da 20/40 la mattina un' ora prima di colazione e anche 40+40 nei periodi piu' acuti oltre i vari Gaviscon Advance -Riopan-Gastrotuss ecc...) ho avuto dei periodi anche molto buoni fino al 2013 , quando la faccenda si e' improvvisamente complicata in un periodo di stress acuto. Sintomi esarcebati : bruciore retrosternale, bocca acida, leggera tossetta e soprattutto un dolore interscapolare persistente a esordio post prandiale ( se non mangio non lo accuso). Attualmente sono in fase acuta da ottobre,dopo essere stata bene da Marzo con solo 20mg di esomeprazolo di mantenimento( da Aprie 2013 assumo IPP costantemente)
Da una settimana ho cambiato IPP e prendo il Pantoprazolo( da 40 due volte al di' +levosulpride 2 volte al giorno per due mesi ) in attesa di una gastroscopia che faro' prossimamente dopo le feste per verificare la situazione . Ho gia'fatto una ecografia addome completa assolutamente negativa e una RX doppio contrasto esofago-stomaco-duodeno anch'essa negativa . Esami del sangue buoni . Vorrei se possibile un Vostro cortese parere per capire come mai il sintomo prevalente sia il dolore interscapolare che si alterna tra destra - sinistra e centro schiena , dopo i pasti . Mi tormenta per un paio d'ore e mi fa passare veramente la voglia di sedermi a tavola ( dieta rigida e niente caffe'- sono astemia e non fumo). E se fosse. possibile secondo Voi assumere delll'Alginor quando il dolore e' troppo fastidioso ( non me lo hanno prescritto). Dimenticavo di aggungere che sembra che la causa della esarcebazione siano i FANS (Voltaren fiale e Brufen ) assunti dal 2011 , a periodi alterni sempre in concomitanza con esomeprazolo da 40,per una rovinosa caduta dalle scale con trauma cranico e triplice protusione dei dischi cervicali. Lavoro al PC seduta tutto i giorno. Cerco di compensare camminando il più possibile .e tornero' a nuotare schiena permettendo. Ora non assumo FANS da quasi un anno eppure la fase acuta e' tornata lo stesso. Perche'? Ringrazio fin d'ora. Cordiali saluti

[#1] dopo  
Dr. Felice Cosentino

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
VIBO VALENTIA (VV)
CINQUEFRONDI (RC)
REGGIO DI CALABRIA (RC)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2008
Prenota una visita specialistica
Gentilissima, bisognerebbe capire se il dolore interscapolare sia legato al reflusso o ad un reale problema osteo-articolare. Inoltre é da accertare se in farmaci antireflusso siano realmente efficaci. É seguita da un gastroenterologo ?


Cordialmente
Primario di Gastroenterologia ed Endoscopia, Osp. San Giuseppe - Milano
Centro di COLONSCOPIA ROBOTICA
www.endoscopiadigestiva.it

[#2] dopo  
Utente 395XXX

Buonasera Dottore,
La ringrazio moltissimo innanzitutto per la celerissima risposta.
Si , sono seguita da uno Specialista del campo. Un nuovo specialista in verita' ( il precedente non poteva piu' seguirmi , trasferito all'estero) che mi segue da solo una settimana e che mi ha subito modificato la terapia abituale ( esomeprazolo da 40 mg /una volta al giorno) di questo ultimo anno, con appunto il Pantoprazolo da 40 due volte al giorno prima di colazione e cena e 15 gocce di levolsulpride due volte al giorno prima dei pasti principali per. 8 settimane Sono arrivata da lui con una recidiva acuta iniziata a meta' ottobre dopo parecchi mesi di benessere senza sintomi durante i quali ho comunque assunto esopral da 20 o da 40 secondo la prescrizione del precedente specialista.
L'esomeprazolo ha sempre funzionato, ma l'attuale specialista sostiene che poiche' lo assumo da tempo ( continuativamente dall'aprile 2013) fosse da cambiare anche perche' a suo dire il Pantoprazolo <<ha meno effetti collaterali>>. In effetti ultimamente avevo una bocca molto amara e una ipersalivazione veramente eccessiva, aspetto migliorato in questi ultimi giorni con nuova terapia. Cio' che non migliora e' il bruciorino retrosternale alla <<bocca dello stomaco>> come un sensazione di aghi infilati e il dolore tra le scapole entrambi sempre dopo i pasti molto leggeri oramai per abitudine. Ho anche praticamente eliminato i caffe' ( unica mia abitudine passata negativa ) . Crede sarebbe meglio eseguire una risonanza dorsale? Quella cervicale ha rilevato 3 protusioni discali in sede C3-C4 e C5-C6mentre tra C4-C5 il disco risulta degenerato e protruso sull'astuccio durale verso sinistra. Anche il disco C6-C7 risulta protruso verso destra.. Grazie infinite. Scusi la lungaggine... troppe cose da riferire.

[#3] dopo  
Utente 395XXX

Buonasera,
Faccio seguito alla mia replica del 08/12.
Dottore grazie al suo suggerimento , ho fatto un nuovo consulto fisiatrico e sto effettuando delle manipolazioni miofasciali in un reparto di fisiatria ospedaliero, cui mi sottpongo periodicamente per dare sollievo ai problemi osteoarticolari accennati.
Ho fatto presente la riacutizzazione del reflusso e mi stanno trattando anche in tal senso.
Non sembrera' vero, ma un lieve miglioramento a livello del dolore interscapolare vi e' stata. Seguito naturalmente :-) la cura con doppia dose di pantoprazolo e levosulpride. E attendo di rifare gastroscopia dopo le feste.
Volevo aggiornarla e ringraziarla per l'input datomi.Evidentemente la compressione della muscolatura dorsale contratta sugli organi interni compreso lo stomaco ha il suo negativo peso anche sul povero cardias! Mi hanno trovata molto contratta e il fatto che lavoro seduta tutto il giorno peggiora il quadro in tutti i sensi! Mi sottoporro' a una decina di sedute, purtroppo molto dolorose, ma efficaci a quanto sembra.
Grazie ancora.
Buon Natale a Lei e a tutto il Vs. Prezioso Staff!

[#4] dopo  
Dr. Felice Cosentino

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
VIBO VALENTIA (VV)
CINQUEFRONDI (RC)
REGGIO DI CALABRIA (RC)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2008
Di nulla, é stato un piacere.

Auguroni.

Primario di Gastroenterologia ed Endoscopia, Osp. San Giuseppe - Milano
Centro di COLONSCOPIA ROBOTICA
www.endoscopiadigestiva.it

[#5] dopo  
Utente 395XXX

Buongiorno Dott. Cosentino,
mi permetto di ricontattarla a distanza di nove mesi .
Il problema è sempre il solito: una recidiva da reflusso ormai cronico.
La terapia iniziata in Dicembre 2015 (pantoprazolo da 40 due volte e levolsulpride due volte al dì più i vari Gaviscon - NOREMIFA ecc...al bisogno ) protratta fino a Marzo e poi seguitata con soli 40 mg di pantoprazolo al mattino prima di colazione, ha dato i suoi effetti benefici e per tutti questi mesi sono stata bene senza alcun sintomo ....riuscendo anche a variare l'alimentazione in modo quasi normale naturalmente evitando i cibi più controindicati.
Fino ad una settimana fa! Una cena al ristorante con un primo un po' più elaborato (a base di panna....sigh!) e TUTTO E' RICOMINCIATO iIN SOLE 24H : BRUCIORE E DOLORE POST PRANDIALE PIù ACUTO SOTTO LA COSTOLA DX MA CON IRRADIAMENTO FINO ALLA SCHIENA E ALLE SCAPOLE, FASTIDIO ALLA GOLA E PERSINO ALLE ORECCHIE, TOSSETTINA LIEVE MA PRESENTE, GONFIORE ADDOMINALE, RALLENTAMENTO DELL'EVACUAZIONE CHE IN ASSENZA DI SINTOMI E' INVECE REGOLARISSIMA.
Di nuovo di tutto insomma... Non Le nego che poichè la terapia aveva funzionato nell'arco di un mese non ho fatto la famosa gastroscopia di controllo (sono terrorizzata da precedente esperienza molto traumatica) .Il gastroenterologo che mi segue da Dicembre in effetti l'aveva suggerita ma io ho "svicolato"....
Ora ho ripreso, da una settimana, la terapia sopradescritta a pieno dosaggio, DI MIA INIZIATIVA, e osservo una dieta rigida....ma sto veramente poco bene... è un disturbo che ti toglie la voglia di mangiare e di .... essere serena. Lavorare seduta è una sofferenza soprattutto dopo che mangio....
Esami del sangue del 23/06/16 regolari e in particolare :
globuli bianchi 4,38-globuli rossi 4,43-emoglobina 12,5-ematrocrito 39-piastrine 350-MCV 88,1-MCH 28,2-MCHC 32
Che altro posso fare? Queste recidive che mi colpiscono quasi sempre proprio in questo periodo (l'anno scorso in Ottobre) non finiranno mai? IPP A VITA? E DIETA ANCHE?
Volevo inoltre chiderLe se posso prendere qualche pastiglia di Alginor al bisogno quando il bruciore e il dolore sono forti.... e' l'unico farmaco che funziona in tal senso.
Grazie infinite per la Sua cortese disponibilità