Utente 424XXX
Gentili dottori,

sono un ragazzo di 25 anni che non ha mai avuto nessun serio problema di salute. Negli ultimi anni ho sempre adottato un'alimentazione disordinata, abusando di alcol e di cibo (sia qualitativamente che quantitativamente) soprattutto la sera prima di dormire. Dopo aver avuto dei leggeri problemi di reflusso gastroesofageo circa due anni fa (che si sono risolti in breve tempo con l'assunzione di inibitori della pompa protonica), ho diminuito moltissimo l'assunzione di alcolici che ora consumo in maniera molto parsimoniosa. Le mie scorrette abitudini alimentari si sono tuttavia protratte fino a circa due mesi fa quando ho deciso di darmi la proverbiale "regolata" e ho cominciato a curarmi più di me stesso. Ho completamente abbandonato la pessima abitudine di mangiare dopo cena e ho notato un sensibile miglioramento nella qualità del sonno ed eliminato il gonfiore addominale notturno. Ora seguo una dieta molto attenta, con apporto di fibre sia solubili che insolubili, limitando carne, formaggi e dolci e mangio sempre ad orari regolari. Sto cercando di seguire i consigli di U. Veronesi riguardanti le 5/7 porzioni di frutta e verdura quotidiane e ci sto riuscendo senza particolari problemi (complice il mio amore per la verdura che consumo ad ogni pasto). Ho tuttavia fatto caso alle mie abitudini di evacuazione che non capisco se rientrino nella norma e perciò vi chiederei delucidazioni in merito. In breve: non ho nessun problema di regolarità, evacuo dall'una alle tre volte al giorno tutti i giorni (mai meno di una, mai più di tre) senza nessun problema di stipsi. L'evacuazione è generalmente completa, avviene in pochi minuti senza alcuna difficoltà e mi sento sempre quasi completamente svuotato. La prima evacuazione è sempre la mattina prima di colazione ed è praticamente sempre costituita da feci malformate (una composizione delle feci di tipo 5 e 6 della Bristol Stool Scale, per essere precisi), la seconda evacuazione avviene dopo la colazione ed è di entità molto minore e sempre tendente ad essere molle. La terza evacuazione (non sempre presente) avviene di solito prima di cena e le feci sono praticamente sempre formate (tipo 4). Non soffro di dolori addominali, non soffro di gonfiore, non percepisco un'eccessiva urgenza (la mattina appena mi sveglio sento sempre il bisogno di evacuare ma esso è completamente controllabile e virtualmente rimandabile, anche per ore se necessario), mai notato presenza di sangue nelle feci, insomma non ho nessun tipo di disturbo, se non la presenza di feci molli quotidiane solo ed esclusivamente la mattina. Da circa un mese e mezzo sto assumendo fermenti lattici ma la situazione non migliora. Vorrei perciò chiedervi se la mia situazione sia normale o debba rivolgermi al mio medico per eventuali accertamenti. Sono ovviamente disposto a rispondere a tutte le vostre necessità di chiarimenti, nel caso avessi tralasciato delle informazioni.

Vi ringrazio in anticipo per la vostra gentilezza e cortesia.

[#1]  
Dr. Roberto Rossi

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
20% attualità
16% socialità
TORINO (TO)
CHIERI (TO)
RACCONIGI (CN)

Rank MI+ 76
Iscritto dal 2011
Prenota una visita specialistica
Non sembra che esistano motivi di preoccupazione. Bene la dieta, l'eliminazione di alcol e anche fumo se presente. Il fatto che il suo intestino funzioni più di una volta al giorno non è sintomo di malattia. Importante l'attività fisica almeno tre volte alla settimana.
Dr. Roberto Rossi

[#2] dopo  
Utente 424XXX

Gentile dottor Rossi,

La ringrazio per la celerità della risposta. Mi permetto di chiarire che la mia preoccupazione non riguarda la frequenza di evacuazione bensì la qualità delle mie feci mattutine che sono sempre malformate. Le mie preoccupazioni sono derivanti dal fatto che la consistenza definita come "normale" sia quella di tipo 4 (sempre riferendomi alla Bristol) e le mie feci mattutine sono sempre di tipo 5 tendenti al tipo 6 (rarissimi gli episodi di diarrea e comunque sempre riconducibili ad eccessi alimentari). Vorrei perciò capire prima di tutto se questo sia un problema e - se lo fosse - da cosa possa derivare la mia condizione.

La ringrazio di nuovo per la Sua gentilezza.

[#3]  
Dr. Roberto Rossi

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
20% attualità
16% socialità
TORINO (TO)
CHIERI (TO)
RACCONIGI (CN)

Rank MI+ 76
Iscritto dal 2011
L'irregolarità della struttura delle feci è caratteristica di IBS
Dr. Roberto Rossi