Utente
Buongiorno a tutti, sono un ragazzo di 30 anni.
Da circa 6 mesi (Dicembre scorso) soffro di fastidi gastrointestinali che non stentano a passare.
Inizialmente soltanto eccessiva flatulenza e continue eruttazioni di aria (senza reflusso di cibo) praticamente ogni volta che ingerivo anche piccole quantità di cibo.
Sono andato in visita dal gastroenterologo il quale dopo avermi fatto un'ecografia all'addome (tutto nella norma solo eccessiva quantità di aria nella parte sinistra) mi ha prescritto una cura con pantoprazolo per 2 mesi.
Durante questi 2 mesi, ho anche sotto consiglio del medico, preso Debridat associato al pantaprazolo, il sintomo in alcuni giorni si attenuava ma non scompariva mai del tutto.
La conclusione del medico è stata che forse poteva essere il caso di fare una gastroscopia, anche se secondo lui era uno stato ansioso.
Successivamente ho consultato un altro medico il quale visitandomi ha riscontrato come avessi il colon pieno d'aria (a palpazione) e secondo lui quindi la gastroscopia non sarebbe servita. Ho fatto quindi una cura per il colon irritabile con Debridat (x 30 giorni) , Normix(x 7 giorni) e Yovis (x 10 giorni) anche questa sostanzialmente nessuno beneficio.
In seguito (siamo alla fine di Maggio) ho deciso di sospendere, tutti farmaci, convito si trattasse di uno stato ansioso e di ignorare i sintomi.
Come sempre ho alternato giorni in cui stavo un po' meglio (meno eruttazioni, ma comunque presenti) ad altri in cui il sintomo si accentua in maniera significativa.
Inoltre nell'ultimo mese ho notato un'alterazione anche nello stato delle feci, che prima non era presente.
Ho avuto una fase di stitichezza poco meno di una settimana, poi l'evacuazione giornaliera o anche più volte a giorno ma solo piccole quantità e feci prevalentemente caprine.
Ultimamente sento una sorta di fastidio sul lato sinistro dell'addome sotto la costola, un senso di pesantezza che alcune volte,ma non sempre, se mi piego in avanti si tramuta in dolore.
Soprattutto di notte avverto continui gorgoglii associati certe volte a fitte allo stomaco.

Vorrei un parere in merito.
Ritenete sia opportuno fare una gastroscopia o a questo punto non so una colonscopia?
E' possibile che sia davvero uno stato ansioso legato al cambiamento dello stile di vita (dopo l'università sono tornato a vivere con i miei in attesa di trovare un impiego).
E comunque al di là di questo, questi sintomi che non scompaiono e si protraggono per più di 6 mesi, sono da ritenersi preoccupanti? (sono sincero l'idea da avere qualcosa di serio mi ha sfiorato)

Ringrazio tutti per le eventuali risposte e mi scuso se mi sono dilungato.

[#1]  
Dr. Felice Cosentino

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
CROTONE (KR)
REGGIO DI CALABRIA (RC)
ROMA (RM)
CINQUEFRONDI (RC)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2008
Prenota una visita specialistica
Non servono gastroscopia e colonscopia. Non ha nulla di grave. Si tratta di uno stato ansiogeno con colon irritabile. Non bisogna però fermarsi al semplice colon irritabile in quanto molto spesso tale patologia (funzionale) nasconde altre problematiche:

https://www.medicitalia.it/blog/gastroenterologia-e-endoscopia-digestiva/6487-colon-irritabile-o-altro-intolleranze-sibo-lgs-ecc.html

Cordialmente
Felice Cosentino - Milano


.
Dr Felice Cosentino, Gastroenterologia ed Endoscopia - Milano (Clinica La Madonnina), Roma, Calabria (Crotone,Reggio)
www.endoscopiadigestiva.it

[#2] dopo  
Utente
Gentile Dott. Cosentino La ringrazio per la risposta.
Ho letto con attenzione l'articolo da Lei proposto e sicuramente approfondirò il discorso per valutare eventuali intolleranze alimentari.
Ho una domanda: quelle che nell'articolo sono definite come patologie reali (colicisti, gastriti, ulcere...) nel mio caso sono da escludere a causa dell'inefficacia dei farmaci assunti? (pantoprazolo...)
E comunque è un disturbo che potrebbe passare da solo, finito questo periodo di stress?
Non vorrei farle questa ultima domanda perchè è già stato chiaro sul punto, ma mi perdonerà spero.
Ho letto che le eruttazioni possono essere un sintomo precoce di tumore allo stomaco (cosa che peraltro mi è stata detta anche dal medico di base, che spingeva per la gastroscopia); nel mio caso perchè cio' può essere escluso?

Grazie in anticipo

[#3]  
Dr. Felice Cosentino

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
CROTONE (KR)
REGGIO DI CALABRIA (RC)
ROMA (RM)
CINQUEFRONDI (RC)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2008
Non pensi al tumore allo stomaco. Non c'è nessun razionale...e vinca lo stress, sarà l'arma per superare il tutto...
Dr Felice Cosentino, Gastroenterologia ed Endoscopia - Milano (Clinica La Madonnina), Roma, Calabria (Crotone,Reggio)
www.endoscopiadigestiva.it

[#4] dopo  
Utente
Salve a tutti.
Dall'ultima volta che ho scritto, ho continuato ad avere una evacuazione irregolare e in più un dolore a sinistra durante evacuazione o espulsione di aria.
Poco fa nell'ultima evacuazione ho trovato evidenti tracce di sangue.
Sono davvero molto preoccupato, domani andrò dal medico.

[#5]  
Dr. Felice Cosentino

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
ROMA (RM)
CINQUEFRONDI (RC)
CROTONE (KR)
REGGIO DI CALABRIA (RC)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2008
Sono certo che la tranquillizzerà.
Dr Felice Cosentino, Gastroenterologia ed Endoscopia - Milano (Clinica La Madonnina), Roma, Calabria (Crotone,Reggio)
www.endoscopiadigestiva.it