Utente
Gentili medici,

già qualche anno fa avevo sofferto per un lungo periodo di eruttazioni.

Da una settimana il problema si è ripresentato. Le eruttazioni si presentano continuamente durante la giornata, più frequentemente dopo i pasti ma anche lontano da essi, in misura di 2/3 l'ora. A volte sono maggiori, altre volte sono semplici sbuffi, quasi mai hanno "sapore" e non ci sono in posizione distesa. Spesso sono presenti anche gorgoglii.

Mi rivolgo al curante il quale mi parla di aerofagia ed esclude la necessità di esami strumentali, suggerendo solo Levopraid.

Non soddisfatto mi rivolgo a uno specialista del vostro campo che già conoscevo, il quale procede con eco addome. Di seguito il referto:

"Presenza di due microformazioni angiomatose al lobo dx epatico (segmento e ramo sovraepatico latero - mediano). Microectasia di alcuni duttuli biliari. Colecisti ecopriva. Coledoco nei limiti. Pancreas normostrutturato, compatibilmente con artefatti all'epigastrio. Milza regolare. Reni nella norma per sede, dimensioni e struttura. Gli artefatti all'epigastrio, nonostante il digiuno prolungato, consigliano EGDS."

A voce ha aggiunto che il fegato ha un aspetto leggermente a cielo stellato e che è compatibile con il Gilbert (ne soffro) e che è riuscito a vedere abbondante meteorismo attraverso le pareti di stomaco e intestino, una peristalsi piuttosto allegra e verosimile secrezione acida nello stomaco.

Ha concluso che l'eruttazione e il meteorismo possono avere le seguenti cause 1) aerofagia 2) intolleranze alimentari 3) causa psicogena e nervosa che stimola eccessivamente i meccanismi digestivi (dicendo che si tratta di una cosa frequente).

A mia precisa domanda ha risposto che posso escludere patologie organiche dello stomaco e degli organi addominali e mi ha consigliato quanto segue: 1) Egds per verificare lo stato di infiammazione dello stomaco (anche se non urgente); 2) test per intolleranze alimentari; 3) trattamento con antiacidi al bisogno, specificando che comunque non si tratta di reflusso in senso stretto.

Qual è la vostra opinione? Siete d'accordo? Vi chiedo inoltre se quegli "artefatti all'epigastrio" possono avere qualche significato.

Grazie

[#1]  
Dr. Ida Fumagalli

24% attività
20% attualità
12% socialità
MILANO (MI)
SPILIMBERGO (PN)
FIUME VENETO (PN)
UDINE (UD)

Rank MI+ 56
Iscritto dal 2013
Sono d'accordo con quanto detto dal collega
Intanto credo che potresti provare una terapia anti-secretiva nell'attesa dell'esame e per ridurre il meteorismo proverei delle semplici tisane al finocchio.
Anzi prima di assumere anrtiacidi o antisecretori proverei a abolire per una decina di giorni latte e derivati del latte freschi tipo panna, burro, formaggi freschi assumendo pure formaggi di lunga stagionatura come parmigiano e grana.
In genere l'intolleranza più comune è quella al lattosio.
Il fatto però che il problema sia recente mi fa pensare che forse sia una fatto virale o che tu negli ultimi tempi abbia assunto o farmaci o una alimentazione un pò sbilanciata. Ti risulta?
Dr. Ida Fumagalli

[#2] dopo  
Utente
Gentile dottoressa,

la ringrazio per la solerte risposta.

Se c'è stato un fatto virale non me ne sono accorto, farmaci non ne assumo però indubbiamente, pur bevendo poco, mangio abitualmente in modo pesante (latticini, uova, fritti, cipolla, pomodori, tutto ben condito, pizze).

Ciò che mi interessa, più che le eruttazioni in sé, è che questa ecografia e la clinica possano far escludere patologie gravi.

Seguendo le indicazioni del medico vorrei procedere con esame per helycobacter, funzionalità epatica e intolleranze alimentari ma, se non indispensabile, vorrei evitare la EGDS che sono certo troverei molto fastidiosa.

[#3]  
Dr. Ida Fumagalli

24% attività
20% attualità
12% socialità
MILANO (MI)
SPILIMBERGO (PN)
FIUME VENETO (PN)
UDINE (UD)

Rank MI+ 56
Iscritto dal 2013
Penso che al momento se non c'è perdita di peso o altri sintomi che possano richiedere un approfondimento sollecito tipo disfagia o sanguinamenti o un dolore costante o altri possa attendere e eseguire gli esami prescritti.
Le consiglio di provare per una decina di giorni a evitare latte e derivati che sono spesso causa di meteorismo
Dr. Ida Fumagalli

[#4] dopo  
Utente
Infatti lui mi ha fatto uscire dicendo che è opportuno farla perché un eventuale ristagno di liquidi digestivi alla lunga può danneggiare la mucosa dello stomaco.

Seguirò il suo consiglio dottoressa. Al mattino prendo cappuccino, lo elimino? So che anche il caffè è irritante, specie a stomaco vuoto.

Posso chiederle infine 1) cosa significa nel referto "artefatti in sede epigastrica" e 2) se prima della EGDS, insieme a esame per helycobacter e funzionalità epatica, ci siano altri esami del sangue o di altro genere per aggiungere elementi. Mi è stato detto che l'rx digerente è obsoleto.

Grazie

[#5]  
Dr. Ida Fumagalli

24% attività
20% attualità
12% socialità
MILANO (MI)
SPILIMBERGO (PN)
FIUME VENETO (PN)
UDINE (UD)

Rank MI+ 56
Iscritto dal 2013
Artefatti sono alterazioni non reali ma legate a fattori extra per es l'aria può ridurre una buona visibilità degli organi in studio o uno spostamento
Ci sono artefatti se per es uno si muove durante l' esame.
La radiografia del tubo digerente può essere utile in chi per es non riesce a sottoporsi all' endoscopia o nello studio di tratti non esaminabili con l' endoscopia.
Dato il meteorismo data da anni e potrebbe avere diversi motivi potrebbe essere utile uno screening per la celiachia e un Breath test al lattosio...considerare anche una disbiosi intestinale.....
È un percorso diagnostico per gradi..
Le erruttazioni possono derivare proprio dal meteorismo
Dr. Ida Fumagalli

[#6] dopo  
Utente
Gentilissimi,

su indicazione del curante ho eseguito i seguenti esami:

Urine

Colore giallo
Aspetto lievemente opalescente
Reazione (pH) 6,00 (da 4,50 a 6,50)
Peso specifico 1.020 (da 1.015 a 1.030)
Proteine assenti
Glucosio assente
Corpi chetonici assenti
Emoglobina assente
Nitriti negativi
Bilirubina assente
Urobilinogeno normale
Mucopus assente
Ac. ascorbico assente
Esame del sedimento Numerosissimi cristalli di ossalato di calcio

Chimica clinica
Glicemia 91 (da 70 a 105)
Creatininemia 0,89 (da 0,70 a 1,30)
Got 18 (fino a 34)
Gpt 13 (fino a 55)
Gamma GT 15 (da 12 a 64)

Bilirubina totale 2,20
diretta 0,70
indiretta 1,50
Colesterolo totale 166 (fino a 200)
Trigliceridi 80 (desiderabile fino a 150)
Ferritina 111,38 (da 21,81 a 274,66)
Proteine totali 7,9 (da 6,4 a 8,3)

Ves 3 (fino a 15)

RBC 4,49* (4.5 - 6)
HGB 13,7 (13 - 17.5)
HCT 41,0%* (42-52)
MCV 91,3 (82 - 96)
MCH 30,5 (27 - 32)
MCHC 33,4 (32 - 36)
RDW-SB 40,9 (38.7 - 45.1)
RDW-CV 12,5 (11.5 - 14.5)

PLT 216 (150 - 400)
MPV 10,5 (9.1 - 12.3)
P-LCR 30,5 (16.4 - 44.2)
PDW 12,5 (10 - 16)
PCT 0,23% (0.11 - 0.32)

WBC 6.63 (4.0 - 10.0)
NEUT 41,2 % (40 - 74)
LYMPH 46,9 % (19 - 48)
MONO 5.4 % (3 - 9)
EOSI 6,2% (0 - 7)
BASO 0,3% (0 - 1.0)
NEUT 2,73 - (2 - 7.5)
LYMPH 3.11 (1.5 - 4.0)
MONO 0.36 (0.2 - 0.8)
EOSI 0.41* (0 - 0.4)
BASO 0.02 (0 - 0.02)

Albumina 58.4 % (52-66)
Alpha1 2.4 % (1.4 - 2.8)
Alpha2 10.1 % (9.1 - 13.8)
Beta 11.0 % (8.7 - 14.4)
Gamma 18.1 (10.6 - 19.2)

Esame delle feci

Sangue occulto assente
Chimico-fisico negativo

Ab - anti Helicobacter 0,91 (dubbio)


Soffro di sindrome di Gilbert e di una lieve anemia che è stata sempre definita come costituzionale.

Viste le analisi, lo specialista gastroenterologo mi ha consigliato di effettuare anche il breath test per Helicobacter e mi ha detto che alla luce dell'eco addome e delle analisi, il mio disturbo di eruttazioni ha senz'altro una natura funzionale, su base nervosa (aerofagica) o dispeptica, mi ha anche parlato di un possibile coinvolgimento di un nervo (?). Comunque mi ha prescritto del Pariet.

Il medico curante mi ha invece suggerito il Levopraid e mi ha detto di ritenere superflua una gastroscopia per le sole eruttazioni, mentre per l'Helicobacter (risultato dubbio) mi ha suggerito di ripetere le analisi a distanza.

Vi chiedo un'opinione complessiva e se anche voi riteniate si possano escludere patologie pericolose.

Vi domando anche quali possano essere eventuali analisi che possano dare ulteriori indicazioni sulla funzionalità dell'apparato digerente ed eventualmente aiutare a capire la causa delle eruttazioni. Lo specialista mi ha ribadito che l'rx è superato (non ha più alcuna validità?).

Infine, l'aumento della bilirubina diretta è compatibile con il Gilbert che ho sempre avuto?

Grazie

[#7] dopo  
Utente
Gentili medici,

su consiglio del curante ho ripetuto l'esame delle feci con ricerca sangue occulto, parassitologico, colturale e helycobacter, visto il precedente risultato dubbio.

Sono in attesa di prenotare test al lattosio e al glucosio.

Le eruttazioni, con una certa variabilità (a volte due o tre ogni ora, a volte nessuna) sono sempre lì, prevalentemente durante il pasto e a stomaco vuoto come la mattina, meno durante la digestione. Restano perlopiù senza sapore.

Durante un paio di giorni si è associata anche forte flatulenza soprattutto da disteso, ma poi è tornata normale.

Ciò che ho notato è che quando mi distendo si sentono borgorigmi e fluttuazioni e le eruttazioni si trasformano talvolta in flatulenza.

Da un paio di giorni, inoltre, durante l'inspirazione profonda ho un indolenzimento nella parte medio bassa della schiena, a sinistra, ma non so se sia di qualche rilievo.