x

x

Gastrite cronica atrofica

👉Quando prendere i fermenti lattici e perché

Buongiorno

ho 31 anni e da un paio di mesi sto soffrendo di dolori addominali, digestione lenta e bruciore retrosternale.

Il medico mi ha prescritto pantoprazolo 40mg una volta al giorno e lo sto assumendo da circa 6 settimane, senza pero' che questi disturbi siano passati del tutto. Quindi ho effettuato pochi giorni fa una EGDS con il seguente referto:

Esame condotto fino a seconda porzione duodeno. Esofago regolare. Cardias continente. Stomaco con aspetto atrofico. Si eseguono biopsie multiple e ricerca istologica hp. Duodeno regolare
Conclusioni: quadro endoscopico come da gastrite cronica atrofica.

In aggiunta, ho fatto gli esami del sangue da cui risulta una leggera anemia:

RBC 4.20 (4.50-6.00)
HGB 13.4 (13.0-17.0)
Ematocrito 38.9 (40-52)
MCV 92.6 (83-100)
MCH 31.9 (27-32)
MCHC 344 (310-350)
Piastrine 241 (150-450)
Ferritina 162 (33-400)
Sieremia 69 (80-160)
Vitamina B12 797 (180-900)
Folati 4.04 (2.50-19.50)

In attesa dell'istologico, l'endoscopista mi ha brevemente detto che non c'e' nulla di grave ed tale quadro di gastrite "ce l'hanno tutti".

Io pero' sono molto preoccupato perche' ho letto che la gastrite cronica atrofica non puo' regredire, anche seguendo terapie ed eradicando eventuale hp, e che e' una lesione precancerosa.
Non bastasse questo, circa due anni fa mi hanno diagnosticato una rettocolite ulcerosa, per la quale assumo mesalazina, con fasi di alti e bassi.

Non pensavo a soli 31 anni di sviluppare, oltre alla RCU, gia' una gastrite cronica atrofica senza possibilita' di guarigione, tutto cio' mi sta provocando una forte depressione e disperazione.
Le due condizioni (RCU e GCA) possono essere legate? La gastrite puo' avere origine autoimmune come la RCU?
Qual e' la prognosi? Devo attendermi una vita con continua dispepsia e dolori di stomaco o c'e' possibilita' di miglioramento?

Grazie
[#1]
Dr. Felice Cosentino Gastroenterologo, Chirurgo apparato digerente, Chirurgo generale, Colonproctologo 68,9k 2,2k 88
Già si vede con un tumore allo stomaco senza conoscere ancora l'esito istologico. Non sempre l'impressione macroscopica corrisponde al dato istologico.


Ne parliamo con il risultato in mano.


Cordialmente

Dr Felice Cosentino, Gastroenterologo/Endoscopista - Milano (Clinica La Madonnina), Roma, Calabria (Crotone,Reggio)
www.endoscopiadigestiva.it

[#2]
dopo
Utente
Utente
Gentile Dott. Cosentino

la ringrazio per la risposta. Ha ragione, mi sono fatto prendere dall'ansia, anche a causa del fatto che ho la RCU.

La aggiornero' quando arrivera' il referto delle biopsie.

Nel frattempo, ritiene corretto proseguire con pantoprazolo 40mg al di' (come suggeritomi dal mio medico di base), nonostante siano gia' 6 settimane che lo assumo e non abbia risolto del tutto i sintomi (dispepsia, bruciore retrosternale ecc.)?
Al bisogno sto anche prendendo gaviscon, ma non sta placando granche' i bruciori...

Grazie e buon anno.
[#3]
dopo
Utente
Utente
Consultando cartelle cliniche passate, ho scoperto di essere risultato negativo all'HP in un esame delle feci fatto 4 anni fa.

E' realistico che nell'arco di soli 4 anni abbia contratto l'infezione e sviluppato gia' una gastrite cronica atrofica?

Nel caso di HP negativo, l'unica altra causa possibile di gastrite atrofica e' l'autoimmunita'? Avere la RCU, altra malattia autoimmune, si correla ad un aumentato rischio di gastrite atrofica autoimmune?

Grazie.
[#4]
Dr. Felice Cosentino Gastroenterologo, Chirurgo apparato digerente, Chirurgo generale, Colonproctologo 68,9k 2,2k 88
Nulla di quanto sostiene...
[#5]
dopo
Utente
Utente
Gentile Dott. Cosentino

il mio medico di base mi ha suggerito di fare, in attesa della biopsia, l'esame del gastropanel. Tuttavia il gastroenterologo non me l'ha prescritto.

Le chiedo se questo esame aggiunge qualche informazione o indicazioni per la terapia rispetto alla gastroscopia con biopsie oppure se non serve.
Ci sono invece esami ulteriori consigliati per orientare al meglio la diagnosi e la terapia?

Lo chiedo perche' vorrei andare dal gastroeneterologo con tutti gli esami utili disponibili, senza dover fissare successive visite allungando notevolmente i tempi.
[#6]
Dr. Felice Cosentino Gastroenterologo, Chirurgo apparato digerente, Chirurgo generale, Colonproctologo 68,9k 2,2k 88
Sta drammatizzando troppo il problema (non problema). Attenda la visita con il gastroenterologo.
[#7]
dopo
Utente
Utente
Aggiorno in seguito al referto istologico, che riporta

Diagnosi endoscopica: Mucosa antrale con aspetto atrofico. Sospetta gastrite atrofica con metaplasia intestinale. Richiesta ricerca HP.

Diagnosi istologica: Giunte biopsia antro (un frammento) e corpo gastrico (un frammento). Entrambi i frammenti mostrano mucosa gastrica con modesta flogosi superficiale. Negativa la ricerca HP (tramite colorazione speciale per HP).

Non ho ancora rivisto il gastroenterologo ma, nel frattempo, il mio medico di base mi ha rassicurato dicendo che in base all'istologico non si tratta di gastrite atrofica, come inizialmente sospettato dall'endoscopia e che mi aveva provocato abbastanza ansia, ma di una semplice gastrite con modesta infiammazione.

Condividete questa opinione? Puo' questa gastrite evolvere in gastrite atrofica? Si puo' escludere la gastrite atrofica sia su base HP che su base autoimmune o sono necessari ulteriori esami?


Riguardo all'HP, nel periodo della gastroscopia stavo assumendo un IPP, che so potrebbe falsare la ricerca. Visto il quadro, e' opportuno che faccia il breath test?

Grazie
[#8]
dopo
Utente
Utente
Ho ulteriori domande. Visto il risultato dell'istologico, serve ancora fare esami per la gastrina e anticorpi APCA, come inizialmente suggeritomi dal medico di base?

E' necessario proseguire con la terapia con IPP a lungo termine?
[#9]
Dr. Felice Cosentino Gastroenterologo, Chirurgo apparato digerente, Chirurgo generale, Colonproctologo 68,9k 2,2k 88
Semplice e comune gastrite e non serve fare assolutamente nulla.
[#10]
dopo
Utente
Utente
Grazie per la risposta Dott. Cosentino.

Riguardo all'alimentazione, caffe' (anche decaffeinato) e cioccolato sono da evitare completamente? Possono provocare danni alla mucosa?
[#11]
Dr. Felice Cosentino Gastroenterologo, Chirurgo apparato digerente, Chirurgo generale, Colonproctologo 68,9k 2,2k 88
Nulla è da evitare. Solo da ridurre, non eccedere.

Soffri di allergia? Partecipa al nostro sondaggio