Utente 482XXX
Buonasera gentili Dottori,
Recentemente ho sentito parlare del metodo trabucco, inventato dalla dottoressa Imma Trabucco, che consiste in delle tecniche fisioterapiche per guarire dal reflusso gastroesofageo. Potrei cortesemente avere dei chiarimenti riguardo questa tecnica? E' confermata da evidenze scientifiche e può effettivamente apportare dei benefici?

Ringrazio tutti con cordialità.

[#1] dopo  
Dr. Felice Cosentino

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
VIBO VALENTIA (VV)
CINQUEFRONDI (RC)
REGGIO DI CALABRIA (RC)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2008
Prenota una visita specialistica
Nessuna evidenza scientifica che la fisioterapia possa allungare il muscolo diaframma (il cui accorciamento contribuisce all’insorgenza del reflusso)...

Ovviamente una dieta corretta (e tutti lo sappiamo...) può contribuire a controllare i sintomi...


Si fidi dei metodi convenzionali....


Cordialmente
Primario di Gastroenterologia ed Endoscopia, Osp. San Giuseppe - Milano
Centro di COLONSCOPIA ROBOTICA
www.endoscopiadigestiva.it

[#2] dopo  
Utente 482XXX

Buongiorno Dottore. Il diaframma, come un qualsiasi altro muscolo, non può essere allenato e quindi creare un allungamento delle sue fibre? Certamente non voglio discostarmi dalla medicina convenzionale, però vorrei comprendere meglio questo fatto. Grazie mille per la sua disponibilità.

[#3] dopo  
Dr. Felice Cosentino

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
VIBO VALENTIA (VV)
CINQUEFRONDI (RC)
REGGIO DI CALABRIA (RC)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2008
Questa è una teoria del metodo Trabucco e non esiste alcun lavoro scientifico su tale pratica.
Primario di Gastroenterologia ed Endoscopia, Osp. San Giuseppe - Milano
Centro di COLONSCOPIA ROBOTICA
www.endoscopiadigestiva.it

[#4] dopo  
Utente 482XXX

Capisco perfettamente, grazie per aver chiarito i miei dubbi.
La saluto cordialmente e le auguro una buona giornata.

[#5] dopo  
Utente 482XXX

Gentile Dr. Cosentino, mi scuso per chiederle nuovamente un consulto.
Il mio principale problema è che nell'ultimo mese ho un mal di gola che che non accenna a passare, e da una settimana fitte alla bocca dello stomaco. Tra l'altro ho notato un peggioramento e ho pensato che possa essere legato al reflusso, dato che mesi fa mi avevano notato una piccola erosione dell'esofago con la gastroscopia. Per una visita specialistica è più indicato in questo contesto il gastroenterologo o l'otorinolaringoiatra? La ringrazio.

[#6] dopo  
Dr. Felice Cosentino

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
VIBO VALENTIA (VV)
CINQUEFRONDI (RC)
REGGIO DI CALABRIA (RC)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2008
Lo specialista di rifermento per il reflusso è il gastroenterologo.
Primario di Gastroenterologia ed Endoscopia, Osp. San Giuseppe - Milano
Centro di COLONSCOPIA ROBOTICA
www.endoscopiadigestiva.it

[#7] dopo  
Utente 482XXX

Prenderò come riferimento, comunque il mio medico curante mi ha dato una compressa 20mg di omeprazolo al mattino a digiuno e una bustina di Riopan dopo pranzo e dopo cena. E' condivisibile la prescrizione data? La ringrazio.

[#8] dopo  
Dr. Felice Cosentino

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
VIBO VALENTIA (VV)
CINQUEFRONDI (RC)
REGGIO DI CALABRIA (RC)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2008
Certamente...
Primario di Gastroenterologia ed Endoscopia, Osp. San Giuseppe - Milano
Centro di COLONSCOPIA ROBOTICA
www.endoscopiadigestiva.it

[#9] dopo  
Utente 482XXX

Buongiorno Dr. Cosentino, oggi sono stato dal medico curante, dato che il mal di gola non si accenna a migliorare e ogni tanto ho ancora delle fitte piccole alla bocca dello stomaco. Il medico è stato dell'idea di rieseguire la gastroscopia e fare a seguito di questo esame una visita gastroenterologica; inoltre mi ha richiesto la ricerca degli anticorpi per l'helicobacter pylori. Non sarebbe più utile effettuare preliminarmente una valutazione gastroenterologica e poi, spettare a lui la decisione se fare o no questa gastroscopia? Visto che è un esame abbastanza sofferente... Per quanto riguarda l'HP non è più preciso il breath test all'urea? (non ho mai fatto né indagini, ne trattamenti per l'HP).
In ogni caso per una maggior chiarezza della situazione, le spiego il motivo per cui il mio dottore vuole rifare l'egds. Essa deriva dal fatto che ad agosto, quando feci tale esame in regime di ricovero, "stranamente" si perse e risultava come se non avessi mai fatto l'egds, nonostante aspettassi la refertazione dopo le dimissioni. Mi venne solo detto a voce di avere una erosione di lieve entità all'esofago.
Nell'attesa della risposta ringrazio lei per il consulto.