Utente 440XXX
Salve gentili Dottori,
la mia compagna ha avuto un periodo di lieve stitichezza che ha semplicemente curato assumendo un pò di crusca;
ora che non ha più il problema si è però fissata di continuare (in quanto ha letto dei benefici che la crusca da all'organismo) con l'assunzione giornaliera e per sempre di un cucchiaino di crusca di avena a colazione e un cucchiaino a metà pomeriggio o prima di cena, una settimana crusca di avena e una settimana di grano;
lei ha quasi 52 anni con 50 kg per 1,65 di altezza.
Ne ha parlato con la (giovane) medico di famiglia e le ha detto che può benissimo continuare con l'assunzione anche a tempo indeterminato.
Io però sono un pò preoccupato perchè ho letto che un'assunzione prolungata di crusca può portare a carenza di vitamina D e in generale può ad un impoverimento di vitamine e sali minerali, interferendo sull'assorbimento di calcio, ferro, fosforo e zinco ......... oltre al fatto che può provocare problemi di colon irritabile.

Vorrei gentilmente avere un vostro parere in merito, grazie.

[#1]  
Dr. Felice Cosentino

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
CINQUEFRONDI (RC)
CROTONE (KR)
MILANO (MI)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2008
Prenota una visita specialistica
Se non ha disturbi intestinali può continuare tranquillamente

Cordialmente
Dr Felice Cosentino, Clinica La Madonnina - Milano
Gastroenterologia/Endoscopia, Centro per la Disbiosi intestinale.
www.endoscopiadigestiva.it

[#2] dopo  
Utente 440XXX

Ok, grazie per la risposta, egr. Dr. Cosentino.
Quindi non è nemmeno necessario fare una settimana di pausa ogni due di assunzione ?
Cordialmente

[#3]  
Dr. Felice Cosentino

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
CINQUEFRONDI (RC)
CROTONE (KR)
MILANO (MI)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2008
Direi di no.
Dr Felice Cosentino, Clinica La Madonnina - Milano
Gastroenterologia/Endoscopia, Centro per la Disbiosi intestinale.
www.endoscopiadigestiva.it

[#4] dopo  
Utente 440XXX

Gentile Dr. Felice Cosentino, non vorrei approfittare della sua disponibilità ma, perdoni la mi ansiosa curiosità (che dopo il suo consulto comunque non ho più) ...... quindi il fatto che un'assunzione prolungata di crusca può portare a carenza di vitamina D - un impoverimento di vitamine e sali minerali - un minore assorbimento di calcio, ferro, fosforo, zinco e i possibili problemi di colon irritabile ........ non corrisponde al vero o più semplicemente due cucchiaini di crusca di grano o avena è una quantità così minima da poter essere tranquillamente "sopportata" anche da un soggetto di 50 kg ?

Mi scuso ancora per l'ulteriore disturbo e ne approfitto per augurarle serene feste.

[#5]  
Dr. Felice Cosentino

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
CINQUEFRONDI (RC)
CROTONE (KR)
MILANO (MI)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2008
Ribadisco quanto detto prima.
Dr Felice Cosentino, Clinica La Madonnina - Milano
Gastroenterologia/Endoscopia, Centro per la Disbiosi intestinale.
www.endoscopiadigestiva.it