Utente 542XXX
Gentili dottori, mi sono sposato circa 3 anni fà ma già soffrivo di scariche di diarrea, da allora la mia vita è stata stravolta da una gravidanza molto a rischio di mia moglie che ha passato a letto quasi 8 mesi e dalla ristrutturazione abbastanza impegnativa relativa all'acquisto della nuova casa.
La ristrutturazione ha coinvolto anche la banca che per 7 mesi dello scorso anno mi ha fatto tribolare e non poco. Premesso quanto sopra ho notato da gennaio dello scorso anno un dimagrimento di almeno 15 kg di conseguenza, molto preoccupato mi sono rivolto a due specialisti di gastroenterologia. A luglio dello scorso anno in seguito a 3 scariche di diarrea quasi consecutive sono completamente svenuto in ufficio, mi hanno portato in ospedale e mi hanno fatto una TAC addominale e un eco addome in quanto mio padre ha avuto un tumore al colon retto 5 anni fà causato da un polipo maligno ma dalla tac e da eco addome non è risultato nulla. I due specialisti (entrambi primari di note aziende ospedaliere di cui una nazionale) concordano che si tratti di colon irritabile. Da poco ho fatto una colonscopia con biopsie in quanto si ricercava la colite microscopica perchè la calprotectina era a 78 e indicava una infezione e invece sono stati asportati due polipi di cui uno 1 un CM e l'altro di 0,4cm mentre non risulta traccia di colite microscopica.
Da un paio di settimane sto mangiando pane e pasta celiache (anche se dall'esame è risultato che non sono celiaco), non riesco a bere da diversi mesi Caffè, a mangiare legumi, arance, dolci di qualsiasi genere, superalcolici, alcuni tipi di verdure, la carne al sangue, qualsiasi tipo di affettato, qualsiasi tipo di latticino non stagionato in quanto sono risultato geneticamente intollerante al lattosio e via dicendo ma mi concedo un paio di bicchieri di vino a cena, prendo quotidianamente lo spasmomen in quanto i dolori sotto l' ombelico persistono anche in seguito ad evacuazioni.
Purtroppo il dimagrimento persiste ancora e attualmente peso 65kg circa per una altezza di quasi 1.84cm, vorrei un consiglio in quanto non so più cosa fare e cosa pensare, ho speso tanti soldi per analisi e consulti privati e non riesco a trovare una soluzione. Cerco di stare attentissimo al mangiare per evitare di irritare ulteriormente il colon e nonostante tutto le scariche continuano e il dimagrimento pure, sono un commerciale per cui spesso sotto pressione a causa del famoso "budget", ringrazio anticipatamente per il consulto

[#1]  
Dr. Marco Bacosi

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
POMEZIA (RM)
ROMA (RM)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2012
Deve escludere (se già non è stato fatto) la SIBO con breath test al lattulosio.
Cordialmente.
MARCO BACOSI MD PhD
Spec. in Gastroenterologia ed Endoscopia Digestiva
Dott. di Ricerca in Fisiopatologia Chirurgica e Gastroenterologia

[#2] dopo  
Utente 542XXX

Gentile dottore, la ringrazio per il pronto riscontro, ho effettuato il test al lattosio ed è emerso che sono intollerante, ma lo stesso non è stato effettuato per ricerca SIBO, attualmente il medico in cui sono in cura mi ha prescritto del Normix che dovrei prendere in seguito a due giorni di scariche e oggi in realtà ne ho già avuto un paio tremende che mi hanno un po debilitato, secondo lei è il caso di iniziare sin da subito? grazie anticipatamente

[#3]  
Dr. Marco Bacosi

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
POMEZIA (RM)
ROMA (RM)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2012
Ho parlato di LATTULOSIO, non di lattosio.
Sono due cose diverse
MARCO BACOSI MD PhD
Spec. in Gastroenterologia ed Endoscopia Digestiva
Dott. di Ricerca in Fisiopatologia Chirurgica e Gastroenterologia

[#4] dopo  
Utente 542XXX

si, avevo capito parlasse del lattulosio il cui test non è stato effettuato ma che effettuerò prima possibile, secondo lei è il caso di iniziare la cura del Normix prescritta? se si trattasse davvero di SIBO non dovrebbe scomparire con il normix? la ringrazio di nuovo anticipatamente

[#5]  
Dr. Marco Bacosi

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
POMEZIA (RM)
ROMA (RM)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2012
Se si trattasse di SIBO la rifaximina dovrebbe essere assunta a dosi e tempi ben maggiori.
MARCO BACOSI MD PhD
Spec. in Gastroenterologia ed Endoscopia Digestiva
Dott. di Ricerca in Fisiopatologia Chirurgica e Gastroenterologia

[#6] dopo  
Utente 542XXX

buongiorno Dotto Bacois, ho iniziato ieri sera a prendere il normix da 200 con un probiotico, quali sono le e le tempistiche necessarie per la SIBO?
Grazie anticipatamente

[#7]  
Dr. Marco Bacosi

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
POMEZIA (RM)
ROMA (RM)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2012
Che intende?
MARCO BACOSI MD PhD
Spec. in Gastroenterologia ed Endoscopia Digestiva
Dott. di Ricerca in Fisiopatologia Chirurgica e Gastroenterologia

[#8] dopo  
Utente 542XXX

Intendo che sono deciso a provare la cura con il normix per la SIBO, per cui siccome lo specialista che mi segue mi aveva già prescritto il normix, vorrei sapere dosi e tempistiche di assunzione per combattere la SIBO.
E' da ieri che mi perseguitano le scariche e la seconda di questa mattina era completamente piena di muco

[#9]  
Dr. Marco Bacosi

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
POMEZIA (RM)
ROMA (RM)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2012
1600 mg al giorno per 2 settimane.
MARCO BACOSI MD PhD
Spec. in Gastroenterologia ed Endoscopia Digestiva
Dott. di Ricerca in Fisiopatologia Chirurgica e Gastroenterologia

[#10] dopo  
Utente 542XXX

Grazie del supporto, visto che adesso ho iniziato le compresse da 200, (ne ho preso una ieri sera e una stamattina e successivamente il probiotico a distanza di un paio di ore), posso aumentare la dose iniziando questa sera due compresse da 200?
Ringrazio anticipatamente

[#11]  
Dr. Marco Bacosi

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
POMEZIA (RM)
ROMA (RM)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2012
Non funziona così
1) deve chiedere al curante se lei può fare la terapia a dosaggio pieno (io non so nulla di lei)
2) si inizia subito a dosaggio pieno e non si va "a salire".
MARCO BACOSI MD PhD
Spec. in Gastroenterologia ed Endoscopia Digestiva
Dott. di Ricerca in Fisiopatologia Chirurgica e Gastroenterologia