Utente
Buongiorno,
scrivo in quanto mia suocera, 74 anni,non fumatrice, normopeso e con un alimentazione molto sana, accusando da circa un mese e mezzo forti dolori alla schiena è stata sottoposta a delle analisi del sangue per accertamenti. Di seguito riporto i risultati dei valori che sono risultati fuori norma:

GLICEMIA Plasmatica 110 mg/100ml

COLESTEROLEMIA 247 mg/100ml ( - - - ) * fino a 240
COLESTEROLO "L.D.L." 162 mg/100ml

TRANSAMINASI OSSALACETICA 146 U/L ( - - - ) * da 5 a 35
TRANSAMINASI PIRUVICA 169 U/L ( - - - ) * fino a 55
GAMMA GLUTAMILTRANSPEPSIDASI 118 U/L ( - - - ) * fino a 40

VITAMINA D 13,30 ug/L Carenza fino a 20,00

ALFA 1 FETOPROTEINA (Marker) 7,60 ng/ml ( - - - ) * fino a 7,00
CEA-ANTIGENE CARCINOEMBRIONALE 450,71 ng/ml ( - - - ) * Non fumatori fino a 4,00
CA-125 ANTIGENE > 1000 U/ml fino a 37
CA19-9 "GICA" > 1000 U/ml fino a 37

Dobbiamo pensare al peggio guardando i valori dei marcatori tumorali così alti e i valori del fegato? Per ora il medico di base non è stato ottimista e per prima cosa farà effettuare una serie di ecografie di tutti i distretti corporei per poi andare avanti con altre analisi.

[#1]  
Dr. Andrea Favara

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MARIANO COMENSE (CO)
CANTU' (CO)
COMO (CO)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2002
Prenota una visita specialistica
Certo, prima di ulteriori accertamenti è prematuro fare ipotesi. Prego.
Dottor Andrea Favara
http://www.andreafavara.it

[#2] dopo  
Utente
La ringrazio dr Favara, la aggiornerò . Comunque qualche problema anche non fosse una neoplasia dobbiamo comunque aspettarci che ci sta con questi valori?oppure potrebbero anche non indicare nulla di grave?

[#3] dopo  
Utente
Mi rivolgo al dottor Favara ma anche agli altri medici che hanno avuto modo di leggere la mia richiesta di consulto iniziale. Mia suocera si è sottoposta a una serie di ecografie, alla tiroide, al seno e quella all'addome completo. Questo il referto dell'unica delle tre che segnala problemi. Bisognerà effettuare una tac ma si può già ipotizzare qualcosa? Cosa dobbiamo aspettarci?

REFERTO ECOTOMOGRAFIA ADDOME COMPLETO
Lo studio ecotomografico dell'addome ha documentato fegato in sede, di dimensioni sostanzialmente nei limiti e di ecostruttura disomogenea con sovvertimento dell'architettura epatica per presenza di alcune aree ipoecogene,disomogenee,a contorrni irregolari , del diametro di circa 5cm da riferire in prima ipotesi a formazioni primitive con associate piccole formazioni noduliformi del diametro di circa 2cm a tipo di noduli a coccarda di verosimile natura secondaria meritevole di completamento diagnostico mediante Tac addome. Colecisti a pareti sottili,alitiasica e regolare calibro delle vie biliari. Non alterazioni di morfologia, dimensioni ed ecostruttura del pancreas. Milza di dimensioni nei limiti e di ecostruttura omogenea senza alterazioni parenchimali diffuse o circoscritte. Aorta addominale di calibro regolare senza apprezzabili dilatazioni aneurismatiche. Rene dx e sin in sede, di normali dimensioni, con corticale scarsamente ridotta. Non calcoli né segni di stasi. Non ostacoli al deflusso di urina in vescica. La vescica presenta pareti elastiche e distensibili, senza apprezzabili formazioni endoluminali. Esiti di isterectomia.Nulla a carico degli annessi.

RINGRAZIO CHIUNQUE RISPONDERÀ.

 

[#4]  
Dr. Andrea Favara

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MARIANO COMENSE (CO)
CANTU' (CO)
COMO (CO)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2002
Sembrerebbe un problema al fegato.
Dottor Andrea Favara
http://www.andreafavara.it

[#5] dopo  
Utente
Buongiorno Dr Favara le riporto il referto della tac eseguita da mia suocera. Cosa ne pensa? Cosa dobbiamo aspettarci?
TC ADDOME SUPERIORE E INFERIORE SENZA E CON CONTRASTO
"In regione peduncolare destra di D10, alterazione osteo-strutturale litica, con presenza di tessuto sostitutivo che occupa il forame di coniugazione e si estende parzialemente in sede endo-canalare.
Sospetta alterazione litica intraspongiosa, con corticale conservata, si evidenzia all’ala iliaca di destra, in prossimità della sacro-iliaca.
Nelle sezioni polmonari visualizzate, non alterazioni di rilievo, salvo la presenza di iperdensità lamellari fibritico-disventilatorie.
Si conferama il profondo sovvertimento della struttura densitometrica del fegato , con presenza di multiple lesioni ipodense sostitutive, in estesa confluenza in particolare al IV e V segmento, a tale livello in estesa ipodensità di tipo colliquativo, in particolare in sede sub-capsulare inferiore e in regione peri-colecistica.
Le pareti della colecisti,risultano armonicamente ispessite, con apparente stenosi in regione pre-infundibolare.
A livello dell’infundibulo, della colecisti, si documenta iperdensità calcifica simil-litiasica.
Non si evidenziano significative dilatazione delle vie biliari intra-epatiche, salvo una iniziale minima ectasia dell’albero biliare di sinistra.
A livello ilare epatico, sono evidenziabili alcuni linfonodi tumefatti, in discreta alterazione colliquativa, quello di dimensioni maggiori, di circa 2.5 cmq.
Aspetto ectasico, armonico,dell’asse epato-coledocico, del diametro di circa un centimento, ben dissociabile fino in prossimità della regione papillare; non evidenti iperdensità in sede endo-luminale.
Il pancreas. Risulta di volume supero-normlae, con riduzione delle lobature ghiandolari periferiche, astruttura densiometrica sostanzialmente conservata, salvo una relativa disomogenea ipo densità a levello della regione cefalica, sia nella edematosa, senza che siano comunque di sissociabili chiare lesioni alterazioni focali.
No alterazioni dotti escretori ghiandolari.
Nei limiti di norma i restanti organi parenchimatosi dell’addome superiore. Conservata la capacità secro-escretoria dei reni. Le cavità calico-pielo-uretrali,risultano di calibro regolare, omogeneamente opacizzate;relativa lieve saltuaria ectasia delle pelvi renali.
Vescica mediamente distesa, a contorni conservati in pazinete con dispositivo pessico.
Le ipodensità fluide evidenziabili a livello sacrale e peri-sacrale, risultano a carattere cistico radicolare a tipo Tarlov."

[#6]  
Dr. Andrea Favara

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MARIANO COMENSE (CO)
CANTU' (CO)
COMO (CO)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2002
Sembrerebbe avere anche lesioni ossee.
Dottor Andrea Favara
http://www.andreafavara.it

[#7] dopo  
Utente
Salve dr Favara, adesso ci stiamo muovendo per prendere appuntamento con un oncologo. Secondo lei mia suocera potrebbe avere lesioni anche in altri organi? o è probabile che le sedi siano solo ossa e fegato e che quindi il tumore primario si sia sviluppato in uno dei due con metastasi nell'altro?

[#8]  
Dr. Andrea Favara

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MARIANO COMENSE (CO)
CANTU' (CO)
COMO (CO)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2002
Certo, potrebbe. Si credo sia la strada giusta. Prego.
Dottor Andrea Favara
http://www.andreafavara.it

[#9] dopo  
Utente
Salve dr Favara,
ieri mia suocera è stata da un'oncologa. Per prima cosa le farà eseguire una biopsia al fegato,infatti oggi farà tutte le analisi di preparazione, mentre per la parte ossea probabilmente una scintigrafia perchè la biopsia risulta complicata. Da quello che abbiamo potuto evincere dalle sue parole la situazione non è rosea. Speriamo si riesca a fare qualcosa.

[#10]  
Dr. Andrea Favara

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MARIANO COMENSE (CO)
CANTU' (CO)
COMO (CO)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2002
Certo
Dottor Andrea Favara
http://www.andreafavara.it

[#11] dopo  
Utente
Salve,
mia suocera ieri ha effettuato la biopsia al fegato e in 10 giorni avremo il risultato. Purtroppo però i vari oncologi del team che la sta seguendo ci hanno accennato che il tumore primario secondo loro ancora non è stato individuato e che quelle al fegato e alle ossa sono metastasi. Ieri le hanno anche effettuato un rx al torace ma tutto sta bene e quindi hanno deciso di farle fare anche una tac al torace per cercare di capire l'origine di tutto. Loro sono preoccupati dalle lesioni nella zona vertebrale e quindi nel frattempo inizierà la radioterapia palliativa per la lesione su D10. Loro pensano che la lesione attuale alle ossa potrebbe portare mia suocera a non camminare più. I dolori attulamente erano forti ma con gli antidolorifici e il cortisione che le hanno dato sembrano essere migliorati. Con palliativa si intende che servirà solo per diminuire il dolore ma non sarà curativa e che quindi potrebbe realmente finire sulla sedia a rotelle?

[#12]  
Dr. Andrea Favara

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MARIANO COMENSE (CO)
CANTU' (CO)
COMO (CO)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2002
Mi sembra sia seguita bene e stia facendo tutto nel migliore dei modi. Prego
Dottor Andrea Favara
http://www.andreafavara.it