Utente 179XXX
61 anni, 22 agosto persa sorella più giovane, cui ero legatissimo, per tumore pancreas scoperto 18 aprile.
Dal 10 agosto circa ho dolori addominali, con prevalenza a sinistra poco sotto l’ombelico, con qualche riflesso posteriore; forte inappetenza, pur mangiando, con molto sforzo, pressoché regolarmente.
Dopo ferie, scoperta perdita di circa 3 kg, di cui recuperati circa 1, 5 kg.
Peggiorato dopo morte di mia sorella: più inappetenza, pur cercando di mangiare regolarmente; sembrano aumentati i dolori addominali, anche un po’ a destra, nella zona medio - bassa.
Effettuate analisi contro volontà del medico, pur sapendo alcune di esse inadatte a screening; il 22 agosto: PCR: 0, 18, CA19-9: 32, 10, CEA: 3, 95, Globuli bianchi: 5, 95, Globuli rossi: 4, 82, Emoglobina: 14, 60; il 1 agosto: Transaminasi GOT: 14, GPT: 10, Glicemia: 90, CA19-9: 31, 20, Bilirubinemia totale; 0, 65, Diretta: 0, 24, Fosfatasi alcalina 66.
A giugno test HB negativo; ora sangue occulto, primi 2 campioni negativi.
Colonscopia in 2016, piccolo polipo rimosso, nessun altro problema, tranne difficoltà a esaminare zona del cieco per incompleto svuotamento.
Domani ripeterò le analisi, per verificare evoluzione.
Farei poi eco addome ed eventualmente gastroscopia, che tuttavia temo perché potrebbe darmi certezza di effettiva presenza di cancro.
Ho scrupolo che in passato ovviamente come capita a molti e non certo da alcolizzato ho preso spesso (forse 250 volte in tutta la vita) alcolici, anche super, a stomaco vuoto, ponendo le basi per tumore.
Il medico insiste per forte stato depressivo; ma mi sembra impossibile che i disturbi originino solo da cause non organiche e non da un brutto e rapido tumore, come mia sorella.
Ci sono momenti della giornata in cui i dolori, mai particolarmente intensi, più che altro fastidi dolorosi, sono quasi assenti; in altri momenti, in zona imprecisata centrale poco sopra ombelico, in modo e posizione del tutto imprevedibili.
La notte mi aiuta Xanax.
Qualche mattina mi sveglio bene, anche come umore, altre invece nero; qualche volta, appena sveglio, sento poco dolore in sola zona sinistra, con i leggeri riflessi sulla parte posteriore.
Dopo mangiato anche poco (sabato sera ho però mangiato abbastanza) mi sento subito pienissimo.
Venerdì dopo crisi d’asma ho avuto un forte attacco di panico (temevo infarto), che credo dovuto non tanto all’asma ma al disastroso stato psicologico.
Il medico vorrebbe impormi lo psichiatra ed è contrario a ecografia, che dice inutile perché non ho nulla né evidenze da pensare al peggio e che il problema è altrove.
Possibile che i disturbi siano dovuti a stress da lutto, secondo il medico depressione profonda, o potrei avere patologia come mia sorella che in pochi mesi mi porterà via?
Spesso penso che con un tumore gastrico avrei anche altre evidenze (sangue occulto, marker tumorali alti) e questo mi consente di andare avanti.
Sto impazzendo, lavoro male, sto esaurendo la mia famiglia (moglie, 5 figli, nipote di 7 mesi).

[#1]  
Dr. Marco Bacosi

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
20% attualità
20% socialità
POMEZIA (RM)
ROMA (RM)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2012
Comprendo, umanamente, la sua condizione.
Da medico devo rimanere razionale e la dico che deve farsi aiutare da uno psichiatra, altrimenti non uscirà dalla spiarle in cui è intrappolato!
Cordiali saluti!
MARCO BACOSI MD PhD
Spec. in Gastroenterologia ed Endoscopia Digestiva
Dott. di Ricerca in Fisiopatologia Chirurgica e Gastroenterologia

[#2] dopo  
Utente 179XXX

Buona sera, Dottore. La ringrazio per il suo più che tempestivo riscontro.
Ferma restando la consapevolezza della serietà di una situazione psichiatrica, grava ma non irreparabile, dalle sue parole leggo che ritiene che tutti i disturbi che ho lamentato (inappetenza, senso di pienezza costante, perdita di peso, dolori vaganti all'addome, più o meno intermittenti e più o meno forti ma passeggeri) non dovrebbero dipendere da ragioni organiche particolarmente gravi, ma solo la conseguenza psicosomatica di una situazione di stress davvero profondo.
Pur con le dovute cautele legate al consulto a distanza e senza visita, ritiene che le mie conclusioni siano corrette ?
Che esami mi consiglierebbe di fare, a parte le analisi che sto facendo e che vorrei rifare, se ritiene che ne valga la pena ?
Ecografia ? TAC ?
Oggi in ufficio ho combinato poco e niente.
Spero davvero in qualche segno positivo, da lei o dagli esami che vorrà eventualmente suggerirmi, perché sto davvero impazzendo.
Grazie davvero.

[#3]  
Dr. Marco Bacosi

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
20% attualità
20% socialità
POMEZIA (RM)
ROMA (RM)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2012
Nessun esame.
MARCO BACOSI MD PhD
Spec. in Gastroenterologia ed Endoscopia Digestiva
Dott. di Ricerca in Fisiopatologia Chirurgica e Gastroenterologia

[#4] dopo  
Utente 179XXX

Gentile Dottore, La ringrazio davvero moltissimo.
Con sole due parole ne ha dette moltissime, confortandomi davvero tanto, dandomi un po' di serenità che però - come potrà immaginare - poi dura poco non appena si ricomincia a ragionare e la mente va lontana.
Ritiene quindi possibile che tutti questi sintomi addominali più e più volte qui illustrati, veri e non immaginari, siano compatibili soltanto con una situazione psicologica ed emotiva particolarmente pesante ?
E che in base agli accertamenti che ho già fatto (ematologici anche con markers, sangue occulto) si possano ragionevolmente escludere altre cause tremende ?
Grazie ancora e mi scusi per l'insistenza; spero di non disturbare più a meno di miglioramenti (in cui spero) o peggioramenti (che comunque tendo a temere) di cui comunque conto di informarla.
Grazie ancora davvero.

[#5] dopo  
Utente 179XXX

Gentile Dottore, Mi scusi se insisto ma il terrore continua ad assalirmi.
Questa mattina mi ero svegliato quasi senza alcun sintomo, nè dolori nè particolari fastidi di stomaco.
Nel corso della giornata invece mi è venuto un po' di bruciore e qualche doloretto che si sposta in varie zone dell'addome medio.
Oggi ho poi avuto l'esito della ricerca del sangue occulto nel terzo campione di feci, che si è confermato negativo.
Mercoledì ho anche ripetuto alcune delle analisi del sangue che avevo già fatto nel mese di agosto e sono tutto più o meno confermate: glicemia leggeremente aumentata (da 90 a 91), Transaminasi GOT e GPT ferme a 10 e 14, CA19.9 leggermente diminuita (da 32,10 a 31,60), CEA sensibilmente diminuita (da 3,95 a 2,92), bilirubina totale ridotta da 0,65 a 0,54 e diretta stabile a 0,24.
Ho invece riscontrato un sensibile aumento della PCR (da 0,18 e 0,94) e un - immagino conseguente - incremento dei globuli bianchi da 5,95 a 7,73. Emoglobina stabile da 14,6 a 14,7.
La mia paura che è che i miei disturbi, fermo restando lo stato d'ansia che tuttora vivo per la perdita di mia sorella, peraltro per una patologia gastrointestinale, siano conseguenza di un problema organico grave (penso al tumore allo stomaco) e che nessuno gli dia peso (a partire da mia moglie che è tranquillissima e nervosa per le mie paure) perché attribuisce il tutto a ragioni esclusivamente psicosomatiche.
Mentre un giorno magari i sintomi peggioreranno, sarò costretto a fare qualche indagine strumentale (a partire dalla gastroscopia, ma io vorrei fare prima un'ecografia) e si scoprirà che qualcosa ce l'ho davvero e sarà troppo tardi per porvi rimedio.
Quello che un po' mi conforta sono i valori bassi dei markers tumorali, la negatività dei test di sangue occulto, il fatto che in qualche momento (in verità raro, come questa mattina) delle giornata i sintomi che accuso sono ridotti o quasi assenti.
Il mio peso continua ad essere stabile ma di circa 3,5 kg al di sotto di inizio estate, quando la siturazione di mia sorella non sembrava ancora disastrosa come è poi invece stata.
Come faccio da sempre nei giorni feriali, mangio soltanto a cena, a parte mezzo cornetto diviso con mia moglie a colazione e uno yoghurt a pranzo.
Un po' di appetito mi è tornato, ma non è proprio fame; mangio abbastanza e anche volentieri a cena ma comunque forzandomi un po', senza particolare fame, con la consapevolezza che anche se non cenassi starei bene.
Che cosa ho ?
Tutti questi sintomi e queste riflessioni sono davvero compatibili con un solo stato (forte) d'ansia e non c'è alcuna eventualità che abbia un brutto tumore gastrico ?
Grazie ancora e mi scusi per l'insistenza, ma se quando le ho scritto giorni fa ero terrozizzato, ora lo sono ancora e ancora di più.
Cordiali saluti.

[#6]  
Dr. Marco Bacosi

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
20% attualità
20% socialità
POMEZIA (RM)
ROMA (RM)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2012
1) I markers tumorali NON SERVONO A FARE DIAGNOSI!!!!!!!
2) consulti un bravo psichiatra: ha scritto un romanzo su variazioni di un decimale su esami fatti a distanza di un mese!!!!
Questo è, chiaramente, sintomo di psicosi!!!
MARCO BACOSI MD PhD
Spec. in Gastroenterologia ed Endoscopia Digestiva
Dott. di Ricerca in Fisiopatologia Chirurgica e Gastroenterologia

[#7] dopo  
Utente 179XXX

Gentile Dottore,
Lo so (sempre ovviamente da ore e ore perse su internet, sono un ingegnere e non un medico e non pretendo certo che internet e le mie interpretazioni siano neanche lontanamente confrontabili con la competenza e l'esperienza di un medico) che quei markers hanno scopi differenti, ma mi conforta un po' il fatto che siano comunque molto bassi e un po' mossi sarebbero sa di fosse un processo neoplastico in atto o anche solo agli esordi.
Come mi conforta la negatività del sangue nelle feci.
Quanto allo psichiatra, me lo stanno dicendo tutti (a partire da mia moglie, amici, persone che mi voglionoi bene); la mia paura, come ho già detto, è che nascondendomi dietro la psicosi, che sicuramente c'è, si trascuri il possibile sviluppo di un tumore che poi prenderò in considerazione quando sarà troppo tardi.
Questo è il mio terrore, e mi sembra impossibile che i miei sintomi siano soltanto di origine mentale.
Grazie ancora e scusi per l'insistenza e - forse - la ripetitività nel raccontare il mio caso che mi sta tuttavia distruggendo.
Grazie davvero.

[#8]  
Dr. Marco Bacosi

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
20% attualità
20% socialità
POMEZIA (RM)
ROMA (RM)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2012
Glielo dico da "amico" coetaneo e non da medico: si faccia aiutare da uno psichiatra.
MARCO BACOSI MD PhD
Spec. in Gastroenterologia ed Endoscopia Digestiva
Dott. di Ricerca in Fisiopatologia Chirurgica e Gastroenterologia

[#9] dopo  
Utente 179XXX

Buona sera.

Vorrei dare al gentile Dott. Bacosi e a chi ha letto in precedenza la mia storia un aggiornamento sull'evoluzione della mia situazione.

Sono poi stato dallo psichiatra secondo il quale non avrei nulla di organico (a suo dire ne è certo) come è certo che i miei dolori e i miei disturbi siano soltanto di origine ansiosa ed emotiva.

Mi ha prescritto due farmaci stabilizzatori dell'umore ed uno per dormire, che tuttavia non ho ancora iniziato - nonostante sia passato quasi un mese dalla visita - per la contrarietà, almeno temporanea, di mia moglie.

Ho fatto poi un'ecografia addominale, prescritta dallo stesso psichiatra, il cui esito non ha rilevato nessuna patologia particolare.

Tuttavia, nel frattempo, ho fissato gastroscopie e colonscopia (su quasi imposizione di mio cognato anestesista) per giovedì prossimo, 31 ottobre.

Il problema è che sto sempre peggio e ho sempre più la convinzione, quasi certezza di avere un qualche tumore in qualche organo addominale, perché i dolori continuano, in posizioni variabili, in punti diversi, e di tanto in tanto ho anche una sensazione di bruciore diffuso.

Qualche volta questi dolori / disturbi scompaiono, ma per poco tempo, e questo mi conforta un po' perché mi fa pensare che un tumore non darebbe tregua con il dolore, come mi conforta (un po') la variabilità della posizione del dolore, non fisso in un unico punto (a meno che questo non sia addirittura peggio e non sia già indice di metastasi diffuse).

Quello che tuttavia questa sera mi ha sconvolto davvero, e sono quasi disperato, è che questa mattina nel fare le analisi del sangue in preparazione della sedazione per le endoscopie ho "infilato" anche un CEA, che è risultato più elevato (4,43) di quello delle ultime analisi, soltanto un mese e mezzo fa (11 settembre) quando era 2,92, anche se il 22 agosto scorso era a 3,95.

La cosa mi ha letteralmente sconvolto e sto credendo di impazzire, anche se ho rilevato che un valore simile già lo avevo registrato a dicembre 2010, e quello del 22 agosto non era tutto sommato particolarmente dissimile, almeno letto da me, profano della medicina e forse incosciente frequentatore di siti internet sui miei sintomi.

In questo momento ho un dolore tipo fitta subito sotto lo sterno, leggermente a sinistra, che oggi non avevo e che di tanto in tanto in forma molto lieve mi capita di notte.

Inutile dire che continuo a dormire pochissimo e che anche lo Xanax - una compressa la sera - unico farmaco che prendo per questa storia, non mi aiuta più di tanto..

Speri di ricevere un aiuto, perché altrimenti impazzisco davvero, perché nessuno mi leva dalla testa che l'esito delle endoscopie di giovedì sarà tremendo.

Grazie mille.