Utente 339XXX
Salve dottori sono un giovane ragazzo di 22 anni, scrivo questo consulto per un consiglio relativo ad una situazione che mi allarma da circa 2 anni.

Premetto che sono un ragazzo allergico al frumento e lievemente positivo al lattosio scoperti 3 anni fa che mi hanno causato negli anni problemi all’apparato digerente come dispepsia con epigastralgia, pirosi epigastrica e retrosternale.

Nel 2017 ho eseguito una gastroscopia con risultato di esofagite erosiva che sto continuando a curare con gastro protettori dal 2017 tutti i giorni.

Adesso, è da circa due anni che ho dolori all addome soprattutto basso ventre con alvo tendenzialmente stitico e capita, non spesso, che quando vado in bagno Vedo tracce di sangue, queste tracce talvolta si presentano con striature sulle feci oppure da solo accompagnato da muco, si presenta di colore rosso vivo solo una volta è comparso di colore brunastro,
ho eseguito nel 2018 Rx clisma opaco con risultato negativo
E di recente un ecografia all’addome completo senza lesioni.

Lo specialista mi ha visitato e mi ha consigliato di assumere spasmomen somatico 40 per 3 mesi e fermenti lattici psyllogel per 2 mesi e mi ha consigliato una dieta ricca di frutta e verdura.
Ho seguito i consigli dello specialista soltanto che l’assunzione di troppe verdure e di troppa frutta mi causa problemi come dolore addominale, evacuazioni più frequenti, alvo stitico e molle, cibo poco digerito, feci di colore verde, gorgogli intestinali.
Ieri ho nuovamente visto sangue e muco in piccole quantità sulla tazza.

Chiedo a voi un consiglio, questo sangue che talvolta vedo può essere collegato a cosa?
Lo specialista mi disse emorroidi ma non ho conferme che accertano che sia così, cosa mi consigliate di eseguire per essere più tranquillo e non pensarci?
Una colonscopia dite sia il caso?
O altro?

Ho fatto anche emocromo, ves, pcr, sideremia tutto regolare ho fatto esami delle feci e ho riscontrato soltanto disbiosi intestinale da indicano a 60 e la calprotectina fecale a 80 coltura negativa e 1 campione su 3 di sangue occulto positivo.

Attendo risposta, spero possiate leggere la mi storia e darmi un consiglio.

Grazie in anticipo
Cordiali saluti.

[#1]  
Dr. Marco Bacosi

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
20% attualità
20% socialità
POMEZIA (RM)
ROMA (RM)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2012
Alla sua età ha fatto fin troppi (ed inutili) esami.
Il sangue è, verosimilmente, emorroidario.
Sotto controllo medico, per la stipsi, può assumere un prodotto a base di macrogol.
Lattosio e frumento non hanno ruolo nei suoi sintomi!
Cordialmente!
MARCO BACOSI MD PhD
Spec. in Gastroenterologia ed Endoscopia Digestiva
Dott. di Ricerca in Fisiopatologia Chirurgica e Gastroenterologia

[#2] dopo  
Utente 339XXX

Grazie dottore per la risposta, la informo che l’esame fatto nel 2018 era un Rx all’intestino tenue con mezzo di contrasto, questo esame controlla se ci siano possibili lesioni o altro anche nell’ultimo tratto cioè nel colon? Un sangue più scuro che vernicia le feci può essere dovuto ad emorroidi?
Sono preoccupato per questo sangue perché continua alternativamente da anni a presentarsi, continuo ad avere dolori al basso ventre, defecazione poca con alternanza dell’alvo senza sapere la causa.
Scusi le magari inutili preoccupazioni ma non trovo un equilibrio e cerco di trovare una soluzione.
Grazie comunque.

[#3]  
Dr. Marco Bacosi

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
20% attualità
20% socialità
POMEZIA (RM)
ROMA (RM)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2012
allora non ha eseguito un rx clisma opaco (che si fa al colon)
ma un clisma del tenue?
MARCO BACOSI MD PhD
Spec. in Gastroenterologia ed Endoscopia Digestiva
Dott. di Ricerca in Fisiopatologia Chirurgica e Gastroenterologia

[#4] dopo  
Utente 339XXX

Si esatto dottore ho sbagliato a scrivere, ho eseguito un clisma de tenue con esito negativo.

[#5] dopo  
Utente 339XXX

Dottore salve, scusi il disturbo volevo chiederle:
È possibile che la stitichezza durante gli anni abbia causato una sensibilità tale nel tratto anale da provocare facili taglietti o rendere le pareti del tratto enorroidario facilmente sensibile a tagli anche con una minima infiammazione?
Comunque ho prenotato una visita il 14 di gennaio dal gastroenterologo per valutare una colonscopia o una visita proctologica.
Cordiali saluti