Utente 577XXX
Gentili dottori,
da diverse settimane soffro di dolori localizzati sotto la parte destra del costato, praticamente ad altezza colecisti, che però mi è stata tolta alcuni anni fa per calcoli.
All’inizio il dolore era localizzato in quel punto, a intermittenza, poi si è accompagnato a bruciore alla bocca dello stomaco, all’esofago, e, in diversi casi, in maniera forte e localizzata dietro la schiena, in alto a destra.
A giorni alterni, poi, ho sensazione di amaro in bocca o nodo alla gola, nonché una sensazione di pancia gonfia, come se esplodesse.
Il medico di famiglia mi ha prescritto per un mese il Nolpaza, che ha attenuato il bruciore, ma non la sensazione di dolore.
Gradualmente, nelle ultime settimane, questi dolori sono diventati quotidiani, e non cessano mai (solo la notte sembrano cessare, dormendo io senza problemi).
Si sono aggiunti poi dolori allo stomaco simili alle punture di spilli, talvolta nausea, meteorismo, nonchè sensazione di palpitazioni al cuore (in questo caso la sera dopo cena). Se mi chino per allacciarmi le scarpe, poi, la sensazione di peso nello stomaco e alla parte destra dell'addome aumenta, come se avessi un sasso nella pancia. Il petto è talvolta dolorante quando stiro le braccia.
Preciso che sono sovrappeso di 10 kg, e che ho una vita molto sedentaria. L'evacuazione delle feci appare normale e regolare. Spesso sembra che questi sintomi peggiorino a stomaco vuoto, mentre subito dopo il pasto noto un certo miglioramento.

Le analisi del sangue generali non hanno evidenziato problemi (negativa anche la ricerca di Helicobacter nelle feci).
Il fatto è, però, che questi sintomi stanno peggiorando rapidamente e ormai, oltre a essere quotidiani, si fanno sempre più intensi, in particolare il dolore sotto il costato, nella parte destra alta dell’addome (con corrispondente dolore all’altezza della schiena, tipo punteruolo), e quello all’altezza della bocca dello stomaco.
Quali altri esami mi consigliate di fare, oltre a rassicurarmi sul fatto che non si tratta di eventuali neoplasie, ecc.? Il medico mi ha prospettato una gastroscopia non urgente, ma non un'ecografia.
Preciso che sono anche un tipo molto ansioso e ormai penso tutto il giorno a questa sintomatologia, che sta diventando opprimente.

Grazie della cortese attenzione e a presto.

[#1]  
Dr. Felice Cosentino

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
ROMA (RM)
CINQUEFRONDI (RC)
CROTONE (KR)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2008
Prenota una visita specialistica
Da come descrive dovrebbe essere un disturbo acido-correlato (reflusso, gastrite, ecc.). Da non escludere eventuali intolleranze alimentari che causano la distensione gastrica e addominale.


Cordialmente
Dr Felice Cosentino, Clinica La Madonnina - Milano
Gastroenterologia/Endoscopia, Centro per la Disbiosi intestinale.
www.endoscopiadigestiva.it