Utente 578XXX
Salve a voi dottori,

chiedo un aiuto perché ormai sto perdendo la testa col mio colon.
Dall'anno scorso ho cominciato prima a soffrire di forte meteorismo (scomparso togliendo glutine), poi feci sfatte e a volte corse al bagno dopo mangiato.
Mai cambiamento della frequenza, no perdita di peso.
Ho effettuato tre visite dallo stesso gastroenterologo il quale, senza in realtà farmi esami specifici ma visitandomi e facendomi un'ecografia (in realtà mi ha anche esplorato il retto con le dita), ha stabilito che io soffra di colon irritabile (cosa che mi è parsa plausibile, ricordo corse in bagno da quando sono ragazzo, solo che non ci facevo caso).
Io dall'estate scorsa alterno momenti di benessere (con feci ben formate e rarissime diarree) a momenti difficili.
Sono stato vittima, come molti, un mesetto fa, di un virus intestinale che è durato alcuni giorni e da allora le cose vanno ad alti e bassi.
La cosa che mi preoccupa è che negli ultimi giorni sto costantemente andando di diarrea a massimo mezz'ora dopo pranzo, diarrea esplosiva e molto puzzolente, con muco giallo.
La sera poi (come in questo momento) l'intestino diventa un concerto, mi sento gonfiare a più non posso e spesso non riesco a espellere l'aria. Ho anche un fastidio alla schiena che sembra legato al colon.

Non so cosa provare.
Ho provato il simeticone, il normix, fermenti lattici, ma questo ultimo peggioramento mi preoccupa molto, perché diverso dal solito, accompagnato da un po' di mancanza di appetito e bocca secca.

Da pochi giorni ho saputo che mia moglie aspetta un bambino, una notizia bellissima che non riesco a godermi perché mi sono ormai convinto di avere un cancro all'intestino, con tutto il terrore che ne consegue.
Ho letto anche storie bruttissime e potete immaginare i pensieri che mi sono fatto.

Domani disturberò ancora il mio gastroenterologo, magari chiedendogli in ginocchio un ricovero e una colonscopia (che lui ha ritenuto inutile) , questo per farvi capire a che livelli di angoscia sono.
Sto pensando di farla da privato e spendere una fortuna, ma mi angoscia vivere così.


Vorrei un vostro parere sui miei sintomi e su questo acutizzarsi improvviso.
Grazie

[#1]  
Dr. Felice Cosentino

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
CROTONE (KR)
ROMA (RM)
CINQUEFRONDI (RC)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2008
Prenota una visita specialistica
Non è colon irritabile e non serve la Colonscopia. La causa dei suoi disturbi la troverà in questo articolo:

https://www.medicitalia.it/blog/gastroenterologia-e-endoscopia-digestiva/6487-colon-irritabile-intolleranze-sibo-lgs-ecc.html

Cordialmente
Dr Felice Cosentino, Clinica La Madonnina - Milano
Gastroenterologia/Endoscopia, Centro per la Disbiosi intestinale.
www.endoscopiadigestiva.it

[#2] dopo  
Utente 578XXX

Grazie dottore,

oggi sono andato dal gastroenterologo qui all'ospedale che mi ha descritto come "la sua disperazione". Mi ha fatto la consueta visita, gli ho spiegato i sintomi (la diarrea dopo pranzo e il meteorismo) e che quando ho questi sintomi c'è muco. Lui non ha trovato nulla di strano nell'ecografia, poi mi ha fatto un'esplorazione rettale per vedere se c'era sangue, muco o feci, e non ha trovato nulla ma ho sentito dolore al retto (non all'ano). Lui continua a spiegarsi tutto con un colon irritabile, il fastidio sentito al retto dice può essere una ipersensibilità per il colon irritabile o per la diarrea che mi ha infiammato. Mi ha dato lexil e colon life e (pur escludendo, secondo lui, una grave malattia infiammatoria) mi ha dato da fare il test della calprotectina da fare. Di colonscopia per ora non se ne parla.

Io ho letto solo ora il suo interessante articolo, quindi non ho potuto parlargli di una eventuale disbiosi (premetto che non consumo glutine né latte, anche se sicuramente in alcuni prodotti che consumo per forza c'è del latte) .

Vorrei chiederle alcune cose :
- lui mi ha parlato di riflesso gastro colico che mi causa la diarrea post prandiale, però non ho capito bene in cosa consista
- può l'uso che ho fatto di normix (che ho dovuto interrompere due volte) avermi causato un clostridium difficile? Ora ho questo timore.

Grazie dottore, per la sua disponibilità