Beanza cardiale,epigastralgia

Buongiorno, ho46 anni sono alto 187 e peso circa Kg. 90, il mio problema e´un
disturbo alla parte alta dello stomaco che mi affligge da settembre.
I sintomi sono :
fastidio indefinito, a volte come un senso di peso di indurimento localizzato esattamente appena sotto la parte finale dello sterno, il tutto accompagnato da
frequenti e rumorose eruttazioni che peraltro sono inodori ed insapori.Sottolineo che non ho prtaticamente mai avvertito bruciori o rigurgiti ne senso di acidita´.
Inoltre appena sveglio al mattino ed esattamente poco prima dei miei abituali oari di pranzo e cena avverto come uno strano senso fastidioso di vuoto(sempre sotto lo sterno)con gorgoglio che devo subito tamponare con pane o altro alimento per evitare che il fastido diventi sempre piu´forte. Il cibo allevia molto questo fenomeno anche se subito dopo i pasti sento lo stomaco piuttosto gonfio e teso.
il medico di famiglia mi ha curato per oltre un mese con una cp al di´di lansoprazolo 15 + 1 peridon ai pasti senza risultati aprezzabili. a Novembre
fatto gastroscopia con referto :
ESOFAGO INDENNE DA LESIONI,GIUNTO E-G BEANTE,CAVITA´GASTRICA DISTENDIBILE CON PLICHE APPIANABILI,MUCOSA ROSEA, PILORO VALICABILE.BULBO E SECONDA PORZIONE DUODENALE INDENNE DA LESIONI.
CONCLUSIONI : beanza cardiale.
iL gastroenterologo mi ha dato per oltre un mese NEXIUM 20 UN ALDI´+ LEVPRAID 25 AI PASTI.
Devo dire che nei giorni subito dopo la gastroscopia ( che mi aveva molto tranquillizzato) sono stato benissimo , senza disturbi, per oltre un mese, poi
poco per volta pur senza avere sospeso il nexium sono progressivamente tornati senza piu´andar via.
Sono tornato dallo specialista a fine febbraio il quale dopo la vista ha scritto: obbiettivamente niente di patologico, paziente con sindrome dispeptica simil reflusso con quadro clinico in parte da reflusso GE in parte funzionale.
Sospeso il nexium e prescritto NOREMIFA bustine 2 al di piu´RIOPAN al bisogno + ancora LEVOPRAID 25 ai pasti. da rivalutare tra un mese.
Ancora pero´nessun miglioramento dei sintomi, che sono sempre gli stessi immodificati e che cominciano a rendemi molto nervoso e preoccupato.
Ovviamente seguo anche una dieta con eliminazione di alimenti causa di reflusso e non mi corico se nn almeno tre ore dopo i pasti.
Non riesco pero´a risolvere niente.
Cosa posso avere? cosa altro fare?
Questi sintomi che non rispondondono alle cure, dipendono dalla mia testa o da un problema organico non diagnosticato?
Ringrazio per láttenzione e le cortesi risposte.
[#1]
Dr.ssa Maria Morena Morelli Chirurgo generale 719 12
Gentile Signore,
mi sembra che Lei abbia giustamente fatto tutto quello che c’era da fare (valutazione medico curante, valutazione specialistica gastroenterologica, Esofagogastroduodenoscopia (EGDS), terapia medica, regime dietetico-alimentare, accorgimenti posturali).
Al momento, se la Sua preoccupazione è in relazione ad un eventuale “..problema organico non diagnosticato ?..”, ritengo di poterla tranquillizzare.
La EGDS e la visita medica hanno permesso di fare diagnosi:’ beanza cardiale.. obbiettivamente niente di patologico, paziente con sindrome dispeptica simil reflusso..’
In merito all’altro Suo dubbio: “Questi sintomi che non rispondono alle cure, dipendono dalla mia testa ?..”, la risposta potrebbe essere si !
La diagnosi del collega gastroenterologo in effetti è stata: ‘quadro clinico in parte da reflusso GE in parte funzionale (somatizzazione viscerale)”.
Del resto Lei stesso ha scritto: “nei giorni subito dopo la gastroscopia ( che mi aveva molto tranquillizzato) sono stato benissimo..”.
Consideri che il normale funzionamento dell’apparato gastroenterico (giunto gastro-esofageo compreso) risulta NOTEVOLMENTE condizionato da un eventuale stato persistente di ansia-stress-depressione (valuti ad esempio se la sintomatologia si accentua in determinate ‘situazioni ansiogene’).
Ne riparli tranquillamente con il Suo medico curante.
Nella speranza di esserle stata d’aiuto
Cordialmente
Dott.ssa M.M.Morelli

[#2]
dopo
Utente
Utente
Ringrazio la Dot.sa Morelli per la cortese ed esauriente risposta.
Volevo solo chiedere per completezza ancora una cosa.
Visto che ho sospeso línibitore di pompa da oltre 20 giorni, sarebbe utile fare una ricerca dell´Helycobacter
ad esempio nelle feci visto che anche con la scorsa gastroscopia non mi e´stato fatto questo test?
Inoltre volevo anche segnalare che oltre un anno fa in un
controllo routinario del sangue ho riscontrato il valore
della GGT a circa 90 ( con v.n. di 0-60) e una successiva ecografia ha riscontrato un fegato di normali dimensioni con una struttura iperecogena compatibile con lieve steatosi senza per altro nessuna lesione focale, ne segni di fibrosi, ne calcoli o altre alterazioni.
Mi era stato solo detto di diminuire di peso di limitare grassi e zuccheri ed eliminare eventuali alcolici.
Questa situazione potrebbe centrare o essere responsabile dei miei disturbi epigastrici?
Ringrazio ancora per láttenzione ed in attesa di ultima risposta porgo cordiali saluti.
[#3]
Dr.ssa Maria Morena Morelli Chirurgo generale 719 12
Gentile Signore,
la diagnosi ecografica di ‘lieve’ steatosi ha indotto i colleghi a consigliarle un regime dietetico ‘controllato’; Regime dietetico altresì consigliato nei pazienti con ‘problematica’ gastrointestinale (es. evitare alcolici, bibite gassate, cibi piccanti e/o ricchi di grassi, pasti abbondanti, preferire pasti piccoli e frequenti, evitare di coricarsi dopo i pasti, adeguata idratazione, etc...).
Per quanto riguarda la sospensione dell’inibitore di pompa e la valutazione dell’ Helicobacter pylori, prima di prendere iniziative (ricerca dell’antigene nelle feci), le consiglio di attenersi a quanto consigliato dal Collega gastroenterologo che la sta curante ed aspettare il controllo previsto (“..da rivalutare tra un mese..”).
Cordialmente
Dott.ssa M.M.Morelli
[#4]
dopo
Utente
Utente
buongiorno,
ritorno nuovamente sullargomento p´poiche´dopo alcuni mesi di relativo benessere gastrico sono tornati improvvisamente da alcuni giorni i soliti disturbi .
senso di tensione e peso appena sotto la fine dello sterno, errutazioni rumorose inodori ed insapori, gorgoglio e senso di vuoto circa un ora prima dei pasti principali.
ho ripreso da alcuni giorni NEXIUM20,LEVOPRAID E GAVISCON ancora senza risultati aprzzabili.
nessuna senzazine di acidita´o di rigurgito.
ILtutto si e´ripresentato dopo alcune settimane di foorte stress personale e lvorativo.
Premesso che tornero´prossimamente dal gstroenterologo
per una ennesima visita, volevo sapere se mi devo preoccupare di prenotare subito lennesima gastroscopia oppure se lúltima fatta 18 mesi fa (assenza di lesioni a parte la lieve beanza cardiale)puo´andare ancora bene.
sono molto preoccupato di avere qualcosa di grave visto le frequenti recidive di questi disturbi.
vi chiedo un crtese cenno di riscontro ed eventuali indicazioni sul da farsi. grazie e cordiali saluti.

Il reflusso gastroesofageo è la risalita di materiale acido dallo stomaco all'esofago: sintomi, cause, terapie, complicanze e quando bisogna operare.

Leggi tutto

Sondaggio su informazioni sulla salute, servizi online e Medicitalia.it Partecipa