Utente
Buonasera, scusate il disturbo.
Sono una ragazza di quasi 20 anni, e vi scrivo perchè dopo tanti anni, non ne posso più! È da ormai due/tre anni che avverto muco persistente in gola, che cerco di espellere quotidianamente.
La mattina, appena sveglia, è verde ed a volte anche molto "duro".
Durante la giornata, poi, perde questo dolore, riprendendo il suo normale colorito bianco/trasparente (anche se nel bianco a volte è presente il verde).
A volte sento colare internamente, come se il muco dal naso colasse in gola, raramente quando cerco di espellerlo facendo "forza" con il palato, sento tirare da una delle nadici (dipende da dove si trova il muco), ed il muco dalla narice lo ritrovo in bocca, sentendo anche sollievo alla narice (spero di essermi spiegata nel miglior modo possibile, anche se ne dubito.
) Non ho, però, mai avuto il raffreddore.

In compenso ho sempre avuto bruciore di stomaco (non tutti i giorni) la maggior parte in forma lieve, quasi impercettibile.
Altre volte invece il bruciore era più presente, però ammetto di sgarrare con il cibo.
Il bruciore di stomaco mi provoca anche bruciore in gola.
Feci presente tutto ciò al medico, visitandomi, dicendomi che le vie aeree fossero libere e che quindi il muco provenisse dallo stomaco.
Mi prescrisse le omepralzem, all'inizio per una settimana.
In quell'arco di tempo il bruciore scomparso, il muco sempre presente.
Dopodiché passo alle Lucen da 20, sempre per una settimana, ma con gli stessi effetti delle omapralzem, anche se il muco era meno presente.
Smisi di prendere la lucen ma riiniziò tutto da capo, così il medico mi disse di prendere la lucen per circa un mese/un mese e mezzo.

Dopo un mese, ho smesso di prenderle, ed ecco il risultato: durante il mese nessun bruciore di stomaco, ma muco sempre presente.
È da tre giorni che ho finito il mese ed oggi, dopo aver mangiato una polpetta nel pomeriggio, ho riavuto il bruciore di stomaco.
Ammetto di essere una persona molto ansiosa, e quindi pensandoci percepisco molto di più.
Vorrei trovare una soluzione a tutto questo.
Grazie per l'eventuale risposta, attendo con ansia e fiducia.

[#1]  
Prof. Alberto Tittobello

28% attività
20% attualità
16% socialità
MILANO (MI)

Rank MI+ 64
Iscritto dal 2012
La soluzione ce l' ha proseguendo la stessa cura per un periodo più lungo. La sospende troppo presto. Continui e aggiunga, la sera, prima di andare a letto ,una dose di un preparato a base di alginato e bicarbonato. Poi, a un certo punto, ma non troppo presto, proseguirà solo con quest ' ultimo. Se la terapia non avrà l' effetto previsto, potrà essere utile ( ma non ora ) una gastroscopia, per avere una diagnosi precisa.
Prof. alberto tittobello

[#2] dopo  
Utente
Buongiorno e grazie per la risposta! Secondo lei quindi, probabilmente si tratta di reflusso?
E per la sera, va bene il gaviscon?

[#3] dopo  
Utente
Buonasera, mi scuso per il disturbo, non vorrei essere invadente.
Volevo chiederle, per quanto tempo ancora secondo lei dovrei prendere il lucen? Per un altro mese o due?
Per la dose di alginato e bicarbonato, va bene il gaviscon? Mi scuso ancora per il disturbo

[#4]  
Prof. Alberto Tittobello

28% attività
20% attualità
16% socialità
MILANO (MI)

Rank MI+ 64
Iscritto dal 2012
Sì, i farmaci vanno bene. l' IPP si puà prendere anche per alcuni mesi, secondo necessità. L' altro farmaco, anche per sempre.
Prof. alberto tittobello

[#5] dopo  
Utente
Buongiorno, volevo un attimo aggiornarla.
Stamattina ho parlato con il mio medico, che mi ha prescritto il lucen per altri 15 giorni e afferma io debba fare una gastroscopia. Purtroppo, causa coronavirus, le visite avvengono tramite telefonata, perciò è stato tutto molto frettoloso...
Secondo lei dovrei seguire ciò che dice lui?
Non ritengo la gastroscopia sia utile (almeno per ora), come da lei affermato! Cosa ne pensa?

[#6]  
Prof. Alberto Tittobello

28% attività
20% attualità
16% socialità
MILANO (MI)

Rank MI+ 64
Iscritto dal 2012
Certo, alla sua età prima si segue una terapia in base ai sintomi, po - se la cura non avrà il risultato previsto - sarà utile una gastroscopia per una diagnosi più precisa.
Prof. alberto tittobello