Utente
Salve, è da novembre che, nonostante le svariate cure, non riesco ad avere un tampone negativo per la candida albicans. Eppure ogni volta il ginecologo ha seguito alla lettera l'antimicogramma, in base al quale ho eseguito dapprima daktarin 2% crema vaginale per 15 gg; dopo nuovo tampone vaginale con esito positivo per candida, abimono 1 ovulo da 600 mg; dopo un altro tampone vaginale sempre positivo ho preso diflucan 150 mg cmp di cui 1 a distanza di 24 h dall'altra e contemporaneamente pevaryl 150 mg 2 ovuli. Ho ripetuto il tampone e dopo l'ennesimo positivo il ginecologo mi ha dato soltanto il diflucan 150 mg cmp. Sono esausta, ho bruciori, prurito (anche se lievi) e perdite che mi perseguitano da novembre. Il mio compagno ha fatto anche lui il tampone ed è negativo, ma nonostante questo ogni volta esegue insieme a me la cura...usiamo sempre il preservativo comunque!!! anche se ultimamente non riesco neanche ad avere più rapporti per il forte bruciore. Ogni volta ho eseguito il tampone vaginale completo per escludere delle sovrainfenzioni,ma è sempre risultato negativo eccetto che per la candida albicans. L' antimicogramma ha rivelato una sensibilità soltanto verso l'ECONAZOLO, la NYSTATINA, il MICONAZOLO, il KETOCONAZOLO e il FLUCONAZOLO.
Vorrei anche specificare che non mangio alimenti dolci; pane, pasta e patate in maniera molto limitata..verdura in quantità: insomma cerco di evitare i cibi che contengono lieviti...ma a quanto vedo questo non basta. Cos'altro dovrei fare? Potete darmi per favore una cura adeguata? non ne posso più, grazie

[#1]  
Dr. Nicola Blasi

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
BARI (BA)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Una terapia preventiva potrebbe essere la terapia endovaginale con ACIDO BORICO!
La coltura dei tamponi potrebbe risultare sempre positiva,in quanto la CANDIDA ALBICANS è un saprofita vaginale.
E' importante valutare la carica associata alla sintomatologia.
In parole povere lei è SINTOMATICA?
SALUTONI
dott.Nicola Blasi
specialista in Ginecologia e Ostetricia. Patologia Cervico-vaginale e vulvare.

BARI

[#2] dopo  
Utente
Innanzitutto la ringrazio infinitamente per la risposta.
Rispondendo alla sua domanda,purtroppo si, sono sintomatica da novembre ( dopo aver affettuato una lunga terapia con antibiotici), cioè ho continue perdite vaginali con prurito(lieve) e bruciori.
Dal referto del tampone non compare la carica batterica, ma credo sia superiore ai valori normali poichè è presente un'antimicogramma.(Escludo anche che si tratti di un altro tipo di infenzione dato che ho sempre eseguito il tampone vaginale completo)
Cosa intende per preventiva? e come deve essere eseguita? mattina o sera?

[#3]  
Dr. Nicola Blasi

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
BARI (BA)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Un esame batteriologico a fresco del secreto vaginale,potrebbe confermare la presenza di spore o ife e di conseguenza stabilire la terapia preventiva con cps endovaginali di acido borico(eventualmente associato ad un antimicotico,associazione presente in commercio).
Questo trattamento viene eseguito subito dopo i flussi mestruali.
SALUTONI!
dott.Nicola Blasi
specialista in Ginecologia e Ostetricia. Patologia Cervico-vaginale e vulvare.

BARI

[#4] dopo  
Utente
Eseguirò al più presto l'esame batteriologico a fresco.
La ringrazio nuovamente
Saluti

[#5]  
Dr. Nicola Blasi

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
BARI (BA)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
SAlutoni
dott.Nicola Blasi
specialista in Ginecologia e Ostetricia. Patologia Cervico-vaginale e vulvare.

BARI

[#6] dopo  
Utente
Buongiorno,dopo circa 5 mesi la mia situazione non è migliorata affatto. Anzi la candida da Albicans è diventata Krusei...non so più cosa fare e risulta resistente all'amfotercina, sensibile al voriconazolo (ma ho visto che il costo si aggira intorno a 1800 euro ed è anche ospedaliero) e ha una sensibilità intermedia per la flucitosina,fluconazolo e itraconazolo.
In fondo al referto c'è scritta anche la concentrazione minima inibente, cioè :
amfotericina > 16.000
fluconazolo = 16.000
itraconazolo = 0.500
voriconazolo = 0.500
Non so più come fare per debellarla, mi aiuti per favore! una terapia adeguata possibile che non esista?seguo tutte le precauzioni possibili riguardanti l'alimentazione, i rapporti sessuali(che non ho più perchè ho dolori),l'igiene, l'abbigliamento...non so più cosa fare.
In attesa di una Vs risposta, saluto cordialmente.

[#7]  
Dr. Nicola Blasi

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
BARI (BA)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Chiaramente non è possibile la prescrizione per via telematica.
dott.Nicola Blasi
specialista in Ginecologia e Ostetricia. Patologia Cervico-vaginale e vulvare.

BARI