Utente 144XXX
Salve due mesi fa mi è stata riscontrata una cisti ovarica di 48 mm. Al primo controllo mi è stato detto di aspettare il ciclo successivo per valutare se la cisti si riassorbiva da sola. La cisti appare all'ecografia nera quindi in ginecologo era quasi certo si trattasse di cisti follicolare. Questo mese ho fatto le analisi ormonali in previsione dell'inizio della pillola anti concenzionale e il ginecologo ha inserito anche i marcatori per confermare l'ipotesi di cisti follicolare. Le analisi sono tutte nella norma, i marcatori pure fatta eccezione per il Ca125 a 24.9 (limiti di riferimento 11-19). C'è da preoccuparsi? Quando ho fatto le analisi avevo raffreddore e tosse, possono influire sul valore del Ca125? Il ginecologo dice che potrebbe trattarsi di endometriosi, ma le cisti endom. non appaiono grigie sull'ecografia?
Sono molto troppo preoccupata!
La ringrazio

[#1] dopo  
Dr. Agostino Menditto

40% attività
0% attualità
20% socialità
NAPOLI (NA)
AVERSA (CE)

Rank MI+ 60
Iscritto dal 2009
Il valore del CA 125 è veramente molto basso, quindi non c'è motivo di sospettare una patologia maligna.
Il fatto che sia positivo indica solo che si tratta di una cisti organica e non funzionale, quindi, non potendo andare via con la pillola, deve essere asportata.
Dr. Agostino Menditto
Specialista in Ginecologia e Ostetricia
www.menditto.it

[#2] dopo  
Utente 144XXX

Grazie per la risposta..
ma un cisti organica è la stessa cosa di cisti endometriosica?
Il Ca125 alterato potrebbe essere aumentato anche per altri motivi?
Il gine mi diceva, prima di fare le analisi che potrebbe leggermete positivizzarsi per una generica infiammazione...Infatti anche adesso mi ha detto di aspettare per vedere se la cisti cresce o regredisce e poi valutare il da fare... questo mi fa pensare che il Ca125 non è un indizio univoco di cisti organica...Il valore del Ca125 potrebbe essere influenzato dalle mestruazioni? (ho fatto le analisi all'8° gg ma fino al giorno primo avevo avuto un pò di spotting)

[#3] dopo  
Dr. Agostino Menditto

40% attività
0% attualità
20% socialità
NAPOLI (NA)
AVERSA (CE)

Rank MI+ 60
Iscritto dal 2009
La cisti endometriosica rientra tra le organiche. Il CA 125 non è influenzato dal ciclo, può, però, essere segno di una generica sofferenza tissutale dell'epitelio ovarico, condizione plausibile per valori così bassi
Dr. Agostino Menditto
Specialista in Ginecologia e Ostetricia
www.menditto.it

[#4] dopo  
Utente 144XXX

Le chiedo un ultima cosa poi non la disturbo più.

Per "sofferenza tissutale dell'epitelio ovarico" cosa intende?
Potrebbe essere la cisti funzionale che "stira" il tessuto ovarico?
O una vaginite batterica che ho scoperto settimana scorsa?

Grazie mille ancora.

[#5] dopo  
Dr. Agostino Menditto

40% attività
0% attualità
20% socialità
NAPOLI (NA)
AVERSA (CE)

Rank MI+ 60
Iscritto dal 2009
Un valore così basso potrebbe anche essere riferito ad una cisti funzionale di 5 cm, così come potrebbe esserci una situazione infiammatoria pelvica (ma non la vaginite), condivido, pertanto, l'atteggiamento del suo ginecologo.
Dr. Agostino Menditto
Specialista in Ginecologia e Ostetricia
www.menditto.it

[#6] dopo  
Utente 144XXX

Gentile dott. Menditto, volevo aggiornarla e chiederle un ulteriore parere.

Dopo tre mesi di pillola ho ricontrollato la cisti. é rimasta completamente invariata.Il ginecologo però guardando bene l'ecografia sostiene possa trattarsi di una cisti paraovarica (questa ipotesi era stata presa in considerazione anche 3 mesi fa da un altro ginecologo). Ho rifatto i marker che sono rimasti invariati ma su consiglio del ginecologo ho cambiato laboratorio di analisi.

Il fatto è che il marker a 24 risultava fuori limite per il primo laboratorio (range 1.9 - 16.3) mentre è nei limiti per il secondo (<35)...che fare?
Il ginecologo dice che il limite di 35 è riconosciuto a livello internazionale e quindi per lui il valore è nella norma e, a meno di fastidi, rimonitorare la cisti tra 6 mesi e non toglierla...

lei cosa mi consiglierebbe se fossi una sua paziente?

La ringrazio

[#7] dopo  
Dr. Agostino Menditto

40% attività
0% attualità
20% socialità
NAPOLI (NA)
AVERSA (CE)

Rank MI+ 60
Iscritto dal 2009
Le decisioni non sono conseguenza del consiglio del medico, ma sono il frutto dell'orientamento del medico, filtrato attraverso l'orientamento e la predisposizione del paziente verso una determinata soluzione terapeutica (è uno dei cardini del consenso informato).
Vi sono due fattori per cui non posso rispondere alla sua domanda. Il primo è che non ho eseguito in prima persona gli accertamenti, ma apprendo solo quanto lei mi riporta. Soprattutto per l'ecografia è importante la visione diretta dell'esame, soprattutto quando vi sono alcuni dubbi come quelli che mi riferisce (ovarica? paraovarica?). Il secondo motivo è che comunicando solo via email, non possono cogliere alcuni aspetti della relazione medico-paziente che potrebbero farmi optare per una decisione piuttosto che per un'altra.
Dr. Agostino Menditto
Specialista in Ginecologia e Ostetricia
www.menditto.it