Vbac e distocia della spalla

Buongiorno,
mi chiamo Benedetta sono incinta alla 25° settimana di gravidanza. Ho avuto un primo parto cesareo d'urgenza perchè mia figlia non si impegnava e ho il bacino stretto (sproporzione feto pelvica). La bambina è nata di 58 cm per 4,050 kg.
Adesso aspetto un maschietto e dalle misure biometriche risulta più grande della sorella. La ginecologa che mi segue mi ha detto che è impensabile un VBAC nel caso in cui alla 36° settimana risulti un peso di 4,5 kg. Al momento ho preso solo 1,5 kg in gravidanza (ho avuto molte nausee), non sono diabetica e non ho diabete gestazionale nè l'ho avuto con la prima figlia. La ginecologa mi ha detto che senza cesareo rischierei una importante distocia della spalla del mio bambino. In famiglia del mio compagno (nato di 5 kg) già mio suocero era macrosomico ed ha un braccio paralizzato nel parto, ho quindi molto timore di questa eventualità. Nel caso in cui si debba procedere a cesareo d'elezione è obbligatorio programmarlo o posso aspettare che il bambino faccia partire il parto? Inoltre vorrei sapere se il cesareo nel mio caso è la scelta migliore.
Partorirò a Careggi, Firenze, ospedale in cui si effettua il VBAC.
Grazie
[#1]
Dr. Nicola Blasi Ginecologo 40,6k 1,3k 252
Le condizioni descritte mi portano a pensare ad un taglio cesareo programmato.
In ogni caso la situazione va decisa a termine di gravidanza ,si fa una stima del peso fetale ,determinazione dei dati biometrici fetali e solo allora si farà una valutazione tra VBAC e taglio cesareo (TC).
Quando si programma un taglio cesareo ,non si attende il travaglio di parto.
SALUTI

dott.Nicola Blasi
specialista in Ginecologia e Ostetricia. Patologia Cervico-vaginale e vulvare.

BARI

[#2]
dopo
Utente
Utente
Ma perchè è necessario programmarlo? Non sarebbe meglio far decidere al bambino quando ha intenzione di uscire? Tanto alla fin fine in entrambi i casi si ha il cesareo.
[#3]
Dr. Nicola Blasi Ginecologo 40,6k 1,3k 252
Dipende dall'organizzazione del Careggi Firenze ,secondo le linee guide.

Contraccezione: quanto sei informato? Scoprilo con il nostro test