Ovaia policistica dolorante

Buongiorno,
scrivo perchè da quando ho interrotto la pillola (2 anni fa in seguito a colicistectomia), ho spesso dolore alle ovaie in particolar modo a quella destra. Il dolore inizia intorno al periodo dell'ovulazione e consiste in una sensazione di peso che si acuisce camminando o quando mi siedo. A volte dura un paio di giorni mentre altre volte anche per un mese.
Dopo varie ecografie transavaginali il risultato è sempre lo stesso: ovaio micropolicistico. E' possibile che il dolore dipenda da questo?
A volte passa o si attenua con un buscopan compositum, altre volte invece permane comunque una dolorabilità sorda.
Aggiungo che sono stata visitata spesso da diversi dottori per escludere la possibilità di appendice, ma ogni volta non è stato rilevato nulla tranne un po' di colite.
Grazie.
[#1]
Dr. Ivanoe Santoro Ginecologo 8,4k 280 7
Una domanda: durante l'assunzione della pillola la dolenzia in sede ovarica destra era lo stesso presente o no?

Prof.Dr.Ivanoe Santoro
Spec.Ostetrico/Ginecologo
già Direttore f.f. UO OST/GIN Ospedale di Solofra(AV) Prof. Anatomia Umana Univ. Napoli

[#2]
dopo
Utente
Utente
Non era presente. Dall`ultima ecografia mi hanno diagnosticato un modico varicocele destro. Puo` dipendere da questo?
Grazie
[#3]
Dr. Ivanoe Santoro Ginecologo 8,4k 280 7
Anche il varicocele può determinare algie pelviche croniche, ma se fosse questa la causa, il dolore lo avrebbe avvertito anche durante l'assunzione della pillola (probabilmente anche di più).
Il fatto, però, che la pillola abbia ridotto la sensazione dolorifica, mi induce a ritenere possibile una sindrome da ovulazione dolorosa quando ad ovulare sia l'ovaio destro, probabilmente perchè imbrigliato da aderenze peri-annessiali da flogosi ripetute, per esempio, appendicolari.
Per avere la certezza di ciò che dico, però, occorrerebbe una Laparoscopia diagnostica che io consiglierei SOLO ed ESCLUSIVAMENTE in caso di sintomatologia estremamente intensa.
Cordialmente.
[#4]
dopo
Utente
Utente
Gentile dottore, grazie per la risposta. Ma cosa si intende per "aderenze peri-annessiali da flogosi ripetute"? E' una cosa di cui mi devo preoccupare?
Le faccio presente che qualche volta, in presenza del dolore, mi sono recata dal medico per scongiurare un'appendicite ed ogni volta mi ha detto che non era presente; ma che avevo solo un po' di colite.
Aggiungo, inoltre, che la stessa sintomatologia è presente anche in mia madre nel periodo ovulatorio e che anche a lei passa con l'assunzione di Buscopan Compositum. può essere una cosa ereditaria?E l'assunzione ripetuta di questo farmaco può essere pericolosa?
Grazie ancora per la disponibilità.
[#5]
Dr. Ivanoe Santoro Ginecologo 8,4k 280 7
Le aderenze periannessiali sono una sorta di "ragnatele" che si possono creare intorno all'ovaio ed alla tuba in seguito ad infiammazioni ripetute che interessano l'area in cui questi organi, solitamente, si trovano ad alloggiare. Nel caso dell'ovaio e della tuba di destra, la fossa iliaca destra, dove ci sono il cieco (prima parte del colon) e l'appendice, per cui infiammazioni ripetute di questi organi, in linea del tutto TEORICA possono provocare la comparsa di queste "ragnatele" che possono imbrigliare gli annessi uterini di quel lato.
Quando Le accennavo che la diagnosi di tale situazione può essere fatta SOLO con la Laparoscopia e che quest'ultima le sarebbe indicata SOLO ed ESCLUSIVAMENTE in caso di sintomatologia particolarmente intensa, mi riferivo, appunto, alla possibilità di tale quadro solamente sul piano puramente teorico.
No: la sindorme da ovulazione dolorosa non è ereditaria. Il farmaco che ha nominato rientra fra quelli che si usano in questi casi (ma personalmente lo utilizzo molto poco); la pericolosità di un farmaco, in generale dipende dalla dose, dalla reattività individuale, dal numero di somministrazioni e dalla tolleranza del soggetto.

Cordialmente.
[#6]
dopo
Utente
Utente
Grazie dott. Santoro, è stato molto gentile.
Mi rimane, però, da chiederle, a questo punto come devo muovermi? La sintomatologia non è così dolorosa da richiedere una Laparoscopia; ma resta pur sempre fastidiosa (se non altro perchè ripetuta).
Cosa mi consiglia di fare a questo punto?Ritiene che un eventuale quadro di aderenze periannessiali possa essere pericoloso?
grazie ancora per la disponibilità.
[#7]
Dr. Ivanoe Santoro Ginecologo 8,4k 280 7
Credo che la cosa igliore sia affidarsi, per il momento ad una terapia medica antidolorifica ben strutturata.
Qualora dovesse, per altri motivi, sottoporsi ad una Laparoscopia, non dimentichi di relazionare sulla Sua situazione di algie pelviche croniche.

Cordialmente.

Sondaggio su Vaccino anti-Covid (6 mesi dopo) Partecipa