Utente
Gentili dottori a febbraio ho eseguito un tampone vaginale e sono risultata positiva per candida e Streptococco Beta Emolitico di gruppo B. La dottoressa mi ha dato una cura con degli ovuli per 3 mesi 6 giorni prima delle mestruazioni e il medico di base un antibiotico orale per soli 6 giorni che ho preso al primo mese di cura. Per i tre mesi non ho avuto nessun rapporto con il mio ragazzo. A giugno ho eseguito il secondo tampone dopo la cura e sono risultata negativa sia a candida che allo Streptococco Beta Emolitico di gruppo B. Da qualche giorno, momenti rari ho un leggerissimo ma proprio leggero prurito esterno. Per evitare una ricaduta cosa mi consigliate? Quali fermenti lattici dovrei assumere, oppure una semplice crema come "Meclon"? Soffro ora di secchezza vaginale e quando ne ho più bisogno utilizzo un gel chiamato "LIQUIGEL". Per l'igiene intima uso un sapone consigliato in farmacia a PH 4 (SOLLIEVE, COLOR VERDE). Ancora non ho ripreso i rapporti per paura.. Grazie mille per l'attenzione.

[#1]  
Dr. Silvia Lovergine

28% attività
16% attualità
12% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 56
Iscritto dal 2014
Prenota una visita specialistica
Non deve fare nulla per prevenire. L'assunzione di fermenti lattici può aiutarla nel ripristino dell'ecosistema vaginale e risolvere anche la secchezza dovuta alle terapie eseguite. Come detergente uno a PH 3.5 tendenzialmente acido va più che bene
Dr. Silvia Lovergine

[#2] dopo  
Utente
Un detergente a PH 4 va bene lo stesso? I fermenti lattici vanno bene i locali oppure in capsule per via orale?

[#3]  
Dr. Silvia Lovergine

28% attività
16% attualità
12% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 56
Iscritto dal 2014
Il detergente va bene ed anche i fermenti sia orali che locali
Dr. Silvia Lovergine

[#4] dopo  
Utente
per il prurito esterno cosa mi consigliate?

[#5]  
Dr. Silvia Lovergine

28% attività
16% attualità
12% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 56
Iscritto dal 2014
Se causato dalla candida è necessaria crema specifica se invece è dovuto a secchezza è ottimo un olio contenente vitamina E
Dr. Silvia Lovergine