La tos fa ingrassare?

Buonasera, ho 18 anni e soffro di amenorrea da maggio. Ho fatto gli esami del sangue, sono andata dalla ginecologa, la quale ha eseguito un'ecografia transaddominale e mi ha prescritto Naemis, per regolarizzare il ciclo, oltre a consigliarmi di farmi seguire da un nutrizionista, dal momento che la scomparsa delle mestruazioni, secondo lei, è dovuta a diete drastiche che ho seguito dopo l'ultimo ciclo - ho perso solo due chili.

La mia domanda é: l'assunzione di questi ormoni può causare un aumento del peso? Sono d'accordo sul fatto di dovermi curare e di dover ristabilire il mio equilibrio, ma il timore che il mio corpo cambi resta.
[#1]
Dr. Ivanoe Santoro Ginecologo 8,5k 280 7
Le terapie ormonali con steroidi (come quelle ginecologiche con farmaci uguali o simili agli ormoni ovarici) producono un incremento dell'appetito di certo. Se il soggetto incrementa l'apporto alimentare è normale che il peso si innalzi.
Per evitare questo effetto, se non desiderato, è opportuno, in corso di trattamento, eseguire dei dosaggi relativi agli ormoni che si stanno assumendo con la terapia medesima.
Sei valori degli ormoni principali (estradiolo e progesterone) sono considerati nella norma, la terapia va continuata con lo stesso prodotto e con gli stessi dosaggi.

Cordialmente.

Prof.Dr.Ivanoe Santoro
Spec.Ostetrico/Ginecologo
già Direttore f.f. UO OST/GIN Ospedale di Solofra(AV) Prof. Anatomia Umana Univ. Napoli

[#2]
dopo
Utente
Utente
Grazie Dottore, se invece l'alimentazione resta invariata il peso non aumenta?
[#3]
Dr. Ivanoe Santoro Ginecologo 8,5k 280 7
Occorre capire che tutti gli steroidi sono, sul piano metabolico, degli anabolizzanti, cioè delle sostanze che favoriscono l'accumulo, nelle cellule, di molecole di base, utili al metabolismo cellulo-tissutale.
E' ovvio che l'incremento dell'appetito indotto dagli steroidi, se soddisfatto, induce ad un incremento del peso corporeo; mantenendo, invece, invariata l'assunzione calorica generale, ci si deve portare su di una variazione della composizione percentuale della dieta quotidiana, riducendo l'apporto percentuale dei grassi e dei carboidrati ed incrementando quello delle proteine sia di origine vegetale sia di origine animale.
Se, poi, a medio o lungo termine, si registrano comunque variazioni evidenti del peso e della composizione percentuale fra massa magra e massa grassa (sempre che in circolo vi siano quantitativi considerati NORMALI di estrogeno e progesterone), ci si potrà rivolgere ad un programma che preveda una attività fisica specifica (cosa che comunque andrebbe fatta a prescindere) o ad un cambiamento nella tipologia o nel dosaggio dei farmaci in corso di terapia.

Cordialmente.
[#4]
dopo
Utente
Utente
Grazie, io vado quattro volte alla settimana in palestra e la percentuale dei nutrienti è circa 35% di carboidrati, 35% di proteine e 30% di grassi, spero vada bene.
[#5]
Dr. Ivanoe Santoro Ginecologo 8,5k 280 7
Va benissimo.
Non resta che iniziare le terapie con gli opportuni controlli che le dicevo in un precedente post e...attendere nuove.

Cordialmente.

Ansia: sai riconoscerla? Scoprilo con il nostro test